9

Recensione Thronebreaker: The Witcher Tales per Nintendo Switch - Di nuovo nei panni di Meva

Thronebreaker: The Witcher Tales arriva su Nintendo Switch: il GWENT single player è finalmente giocabile in modalità portatile. Ecco la nostra recensione

Di nuovo sul fronte della battaglia

E' un periodo d'oro per Nintendo Switch, la console ibrida di casa Nintendo è riuscita a catalizzare su di se l'attenzione del mondo intero. Dai piccoli studi indipendenti ai grandi publisher infatti, tutti hanno dimostrato interesse e supporto verso la piccola console, tra questi big player del mondo videoludico non sono mancati (per fortuna) i ragazzi di CD PROJEKT RED che, dopo un'ottima conversione (considerando anche le limitazioni tecniche dell'hardware) di The Witcher 3 ha portato sul piccolo schermo di Switch anche Thronebreaker: The Witcher Tales. Oggi siamo qui a parlare proprio di questo piccolo capolavoro (che per altro abbiamo già elogiato nella nostra recensione di Thronebreaker: The Witcher Tales per XBOX One) che giunge, finalmente, su Nintendo Switch.
 
Come è già capitato in passato, in questa recensione ci occuperemo delle differenze che la versione "portatile" (se così possiamo chiamarla) del gioco con la sua versione per le altre piattaforme. Di seguito trovate quindi gli stessi "paragrafi" della nostra precedente recensione, così da poter approfondire trama, gameplay e componente artistica che sono rimasti invariati rispetto alle precedenti incarnazioni del titolo. 
 
Effettivamente il lavoro di conversione svolto su Thronebreaker: The Witcher Tales è eccellente, il titolo su Nintendo Switch vanta tutti i contenuti disponibili nella versione che abbiamo avuto modo di giocare su XBOX One, tra cui spicca l'eccezionale lavoro di localizzazione (sia scritto che doppiato) presente nel titolo. Partiamo proprio da qui per discutere della componente artistica del gioco che risulta di ottima fattura (e di ottima resa) anche sulla piccola console di Nintendo (considerate che abbiamo giocato il titolo in modalità handled come sempre facciamo per i giochi Switch). Molto buona anche la parte più prettamente tecnica, ovviamente è impossibile non notare una piccola perdita di qualità generale ma la resa a schermo è davvero impressionante. C'è da dire che il titolo CD PROJEKT RED non aveva chissà che velleità a livello tecnico ma è giusto evidenziare quanto il lavoro di porting sia stato svolto in maniera eccellente. 
 
Pad alla mano Thronebreaker: The Witcher Tales si lascia giocare perfettamente: i comandi che già risultavano molto comodi sul pad XBOX One rispondono perfettamente anche sulla console Nintendo. Ottima anche la lettura del campo di gioco, punto che ci aveva lasciato perplessi prima dei test effettivi console alla mano. In effetti il campo di battaglia del GWENT rimane perfettamente leggibile, anche dal punto di vista dei testi a schermo che risultano di facile lettura. Sarebbe assurdo non elogiare poi (l'ennesima volta) il gameplay generale del titolo che riesce a dare ulteriore profondità al GWENT intervallando le partite a carte con momenti di esplorazione e narrazione.
 
Se non conoscete nulla di Thronebreaker: The Witcher Tales continuate a leggere la nostra recensione per scoprire la storia che si cela dietro le battaglie che andrete ad affrontare e per sapere come "funziona" il titolo di CD PROJEKT RED. Se invece sapete già tutto del titolo e la vostra domanda è solo "Ma questa nuova versione, vale i soldi spesi?" Beh la risposta è semplice: "Si, Thronebreaker: The Witcher Tales è un gioco di ottima fattura in grado di regalarvi ore e ore di divertimento, in modalità portatile fra l'altro!".
  
Thronebreaker: The Witcher Tales
  

Un racconto nel mondo di The Witcher

CD PROJEKT RED è una delle software house (nonchè publisher) più interessanti di tutta l'Europa, i ragazzi polacchi hanno saputo dare dimostrazione nel corso degli anni di essere dei veri e propri maestri nella creazione di titoli che riuscissero a mettere d'accordo pubblico e critica. L'esempio più eclatante di ottima produzione è stato The Witcher 3: Wild Hunt, un vero e proprio capolavoro sia dal punto di vista tecnico che narrativo / contenutistico. Oggi siamo qui a parlare di Thronebreaker: The Witcher Tales, un gioco che non ha l'ambizione di bissare il successo del terzo capitlo del popolare strigo ma vuole mostrarci un'altra faccia dell'intricato mondo di gioco nato dalla penna di Andrzej Sapkowski. Se volete quindi saperne di più su questo nuovo titolo non indugiate e continuate a leggere la nostra recensione di Thronebreaker: The Witcher Tales.


Thronebreaker: The Witcher Tales
 

La trama di Thronebreaker: The Witcher Tales

Inutile girarci intorno, la componente narrativa, la storia, la trama e l'intreccio che si nasconde dietro ogni gioco che porta nel titolo la parola "The Witcher" è un tassello importantissimo. Eccoci quindi a introdurvi alla trama che si nasconde dietro Thronebreaker: The Witcher Tales: gli eventi narrati in questo spin-off anticipano quelli dei primo The Witcher di una manciata d'anni e qui il protagonista non è il famoso strigo bensì la bella e carismatica Meve: regina di Rivia. Conviene dire subito che Thronebreaker: The Witcher Tales non è un RPG, quindi chi si aspettava un gioco di ruolo potrebbe rimanere in parte deluso, l'ultima fatica dei ragazzi di CD PROJEKT rappresenta infatti la componente single player del famoso gioco di carte presene in The Witcher 3 e di cui abbiamo parlato nel nostro approfondimento sul GWENT. Ma bando alle ciance e torniamo a parlare ella storia che muove Thronebreaker: The Witcher Tales, la Regina Meve infatti dovrà guardarsi dai giochi di potere che si stanno svolgendo a corte mentre la seconda guerra con Nilfgaard infuria e sta mettendo a ferro e fuoco il suo regno.
 
E' interessante notare come i ragazzi di CD PROJEKT abbiano sfruttato a pieno il background e le ambientazioni del brand per costruire una storia interessante pur non coinvolgendo Geralt dimostrazione che il brand di The Witcher ha parecchie carte da giocare (è proprio il caso di dirlo). Per portare a termine l'avventura Thronebreaker: The Witcher Tales vi ruberà oltre le venti ore, che passerete tra partite al GWENT e l'esplorazione del vasto mondo di gioco.

Thronebreaker: The Witcher Tales
 

Il gameplay di Thronebreaker: The Witcher Tales

Thronebreaker: The Witcher Tales è un titolo che vive di due anime ben distinte: quella strettamente legata alla sua natura di "card game" relativamente al GWENT e quella più legata alla narrazione, alle scelte che dovremo prendere durante la partita di stampo più ruolesco. I ragazzi di CD PROJEKT sono stati molto bravi nel bilanciare e a mantenere l'equità tra i due mondi e il mix che ne è uscito è decisamente interessante. E' interessante anche perchè Thronebreaker: The Witcher Tales riesce ad essere interessante per due fasce di utenza: chi ha adorato (o mostrato interesse) per il gioco del GWENT e chi è invece più legato alla storia e al background dei libri di Andrzej Sapkowski. Quando ci muoviamo per la mappa di gioco possiamo interagire con determinati elementi dell'ambiente per raccogliere legna e oro ad esempio e utilizzare questi componenti nel nostro campo base. E' il campo base l'elemento che approfondisce gli aspetti più gestionali e manageriali del titolo, è infatti qui che possiamo decidere come far evolvere il nostro esercito. Possiamo ad esempio potenziare le varie tende dell'accampamento e aprire nuove possibilità sulla creazione di carte (e sul setting del nostro mazzo). Come abbiamo scritto nel campo base è possibile potenziare le varie tende e questi potenziamenti ci aprono nuove possibilità per far evolvere il nostro esercito e soprattutto il nostro mazzo di carte.
 
E' proprio il mazzo l'elemento centrale del gameplay, nell'accampamento possiamo infatti decidere la composizione dello stesso e creare nuove carte da affiancare a quelle già presenti. La composizione del nostro mazzo però non viene modificata solo grazie all'inclusione di nuove carte ma anche dalle scelte che compiamo durante l'avventura, a seconda di determinate decisioni che prenderemo infatti alcune carte potrebbero decidere di "abbandonarci" costringendoci quindi a cambiare la strategia in corsa. Una volta che entriamo in battaglia Thronebreaker: The Witcher Tales mostra la sua natura da card game e propone al giocatore le stesse regole che abbiamo già visto e apprezzato nel GWENT. Per chi leggendo si è preoccupato del fatto che Thronebreaker: The Witcher Tales abbia una serie di "sublivelli" di gameplay diversi non deve temere, il titolo CD PROJEKT guida i giocatori alle prime armi per mano grazie ad un corposo ma estremamente semplice tutorial.

Thronebreaker: The Witcher Tales
 

L'arte e la tecnica di Thronebreaker: The Witcher Tales

Anche dal punto di vista artistico e tecnico Thronebreaker: The Witcher Tales riesce a farsi notare, non che la cosa ci stupisca più di tanto visto che i programmatori polacchi hanno dato più volte in passato prova della loro competenza e bravura. Va fatto notare che questa volta non stiamo parlando di un titolo con un budget milionario eppure l'impegno profuso, e i risultati ottenuti, sono decisamente ottimi. In Thronebreaker: The Witcher Tales si respira aria di The Witcher in ogni angolo, nei personaggi proposti a schermo (sia protagonisti, che primari o semplici comparse), la sensazione che si ha mentre si gioca è quella di essere a tutti gli effetti in un titolo della saga. La stessa cura riposta nella direzione artistica la ritroviamo anche, in misura proporzionale, anche in quella tecnica: pur non facendo sfoggio di un motore grafico che muove milioni di poligono al secondo il titolo dei ragazzi di CD PROJEKT riesce a regalare un impatto visivo interessante. Parte di questo "effetto wow" che si ha guardando gli screenshot è dovuto probabilmente alla scelta di utilizzare un approccio in cell-shading con delle tinte slavate che rendono a visione d'insieme simile ad un quadro in movimento.

Ottime anche le parti in stile visual novel dove possiamo seguire i dialoghi tra i personaggi, prendere le decisioni e seguire quindi il corso della narrazione. Ottima anche la realizzazione dei campi di battaglia contestuali alla situazione e ricchi di dettagli, inutile invece parlare delle carte da gioco, veri e propri piccoli dipinti. Chiude in bellezza un comparto audio id tutto rispetto, epico e travolgente quando necessario e lento e rassicurante durante i momenti più tranquilli. Ci teniamo infine a far notare che Thronebreaker: The Witcher Tales è completamente localizzato in italiano sia nei sottotitoli che nell'ottimo doppiaggio, una nota che merita grande considerazione dal nostro punto di vista. 

Thronebreaker: The Witcher Tales

Thronebreaker: The Witcher Tales

Thronebreaker: The Witcher Tales si presenta in splendida forma anche su Nintendo Switch, il titolo di CD PROJEKT RED riesce a riportare le fantastiche atmosfere del mondo di The Witcher sul piccolo schermo di Switch senza scendere a evidenti compromessi. Dopo l'ottimo esperimento di The Witcher 3 su Switch gli sviluppatori dello Strigo hanno fatto centro un'altra volta portando un vero e proprio gioiellino di giocabilità e narrazione sull'ibrida di casa Nintendo. Imperdibile per chi non l'ha ancora giocato (ed è interessato ai giochi di carte) e fortemente consigliato anche a chi l'ha già giocato nelle precedenti incarnazioni. 

9

Trama 9

Gameplay 9

Arte e tecnica 9

Pro:

finalmente giocabile in mobilità

storia appassionante

Contro:

rischio ripetitività

Potrebbe interessarti anche

Thronebreaker: The Witcher Tales è disponibile per Nintendo Switch

Thronebreaker: The Witcher Tales è disponibile per Nintendo Switch

CD PROJEKT RED ha annunciato che Thronebreaker: The Witcher Tales è ora disponibile per Switch

Le colonne sonore di Thronebreaker e GWENT sono disponibili

Le colonne sonore di Thronebreaker e GWENT sono disponibili

CD PROJEKT RED ha annunciato il rilascio delle colonne sonore di Thronebreaker: The Witcher Tales e GWENT: The Witcher Card Game attraverso servizi di streaming selezionati e gli store digitali in tutto il mondo.

Thronebreaker: The Witcher Tales è disponibile per XBOX One e PS4

Thronebreaker: The Witcher Tales è disponibile per XBOX One e PS4

CD PROJEKT RED, i creatori della serie di giochi The Witcher, annuncia il lancio su Xbox One e PlayStation 4 di Thronebreaker: The Witcher Tales.

Thronebreaker: The Witcher Tales arriva su Steam

Thronebreaker: The Witcher Tales arriva su Steam

CD PROJEKT RED, i creatori della serie di giochi The Witcher, annunciano che Thronebreaker: The Witcher Tales è ora disponibile su Steam.

Thronebreaker: The Witcher Tales è disponibile su PC

Thronebreaker: The Witcher Tales è disponibile su PC

CD PROJEKT RED, creatori della serie di giochi The Witcher, annuncia il lancio sul PC di Thronebreaker: The Witcher Tales.

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store