8.5

Recensione SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium per Nintendo Switch - Un piccolo grande classico

Torna su Switch la riedizione di un piccolo grande classico, ecco la recensione di SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium per Nintendo Switch

Picchiaduro di picchiaduro

Gli anni '90 sono stati un'epoca di grande evoluzione del mondo videoludico, è proprio in quegli anni che i grandi player del mercato si cominciarono a tirare sonore mazzate. Oltre a SEGA e Nintendo (almeno per quanto concerne l'ambito console), che si dividevano fondamentalmente il mercato, altre società avevano una nicchia di appassionati che, trascinati dall'epoca dei coinop gli avevano dato fiducia. Tra questa SNK era sicuramente uno dei produttori più interessanti: principalmente dediti alla creazione di picchiaduro crearono una loro console la NEO GEO e, successivamente, anche una console portatile: la NEO GEO Pocket. Oggi parliamo di un titolo sviluppato proprio per quest'ultima e portato, poco tempo fa, anche su Nintendo Switch, stiamo parlando di SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium. Se avete vissuto gli anni 90 e l'eterno scontro tra Street Fighter di casa CAPCOM e King Of Fighter e compagnia (di casa SNK) siamo sicuri che sarete interessati a questa nuovo porting carico di nostalgia! Ecco la nostra recensione di SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium per Nintendo Switch.
 

 

La trama di SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium

Ben poco da dire sulla trama, potremo raccontarvi qualcosa di più sulla storia dei due brand ma un po' l'abbiamo già fatto in apertura e un po' non vorremmo andare troppo out of topic. Vi basti quindi sapere che i combattenti utilizzabili in SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium arrivano (che colpo di scena direte voi) in parte dall'universo di Street Fighter e in parte da quello di Darkstalkers, più vario invece il roster del lato SNK, qui si contano infatti personaggi proveniente dalla saga di Fatal FurySamurai Shodown, Art of Fighting e da varie edizioni di The King of Fighters. Ogni fazione sfoggia la bellezza di 9 personaggi, portando a 18 il numero di combattenti utilizzabili dal giocatore. 
 
Se siete curiosi di sapere se il vostro personaggio preferito è incluso nella raccolta non temente, ecco la lista dei vari personaggi utilizzabili: Kyo Kusanagi (The King of Fighters '94), Terry Bogard (Fatal Fury: King of Fighters), Mai Shiranui (Fatal Fury 2), Leona Heidern (The King of Fighters '96), Haohmaru (Samurai Shodown), Ryo Sakazaki (Art of Fighting), Athena Asamiya (Psycho Soldier), Nakoruru (Samurai Shodown) e Iori Yagami (The King of Fighters '95) dalla parte di SNKRyu (Street Fighter), Ken (Street Fighter), Chun-Li (Street Fighter II), Guile (Street Fighter II), Zangief (Street Fighter II), Dan Hibiki (Street Fighter Alpha), Sakura Kasugano (Street Fighter Alpha 2), Morrigan Aensland (Darkstalkers: The Night Warriors) e Felicia (Darkstalkers: The Night Warriors) per quanto concerne il lato CAPCOM
 
Oltre ai personaggi che vi abbiamo riportato qui sopra, SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium offre al giocatore altri otto personaggi segreti che potrete sbloccare attraverso i minigiochi e giocando al titolo. 
 
 

 

Il gameplay di SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium

Se dal punto di vista narrativo non c'è molto da dire su SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium, parlando di gameplay le cose cambiano. Innanzitutto dobbiamo fare mente locale e ricordare che, all'epoca della sua uscita, poter giocare ad un titolo del genere in portabilità era qualcosa di sconvolgente. Considerate che il rivale del NEO GEO Pocket era il Gameboy Color che, pur potendo offrire una libreria di tutto rispetto, non era in grado di eguagliare la console SNK sul fronte dei picchiaduro. 
 

SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium permetteva ai giocatori di giocare fuori casa come se fossero in una sorta di "salagiochi portatile" visto che il moveset è stato riproposto in modo abbastanza fedele agli originali.

 
Fondamentale, per ogni picchiaduro che si rispetti, è la reattività del sistema di controllo e dei comandi di gioco. Bene, state tranquilli, questa nuova edizione di SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium ripropone lo stesso feeling che avete provato con la versione originale. Ovviamente il sistema di comando è lo stesso presente nella sua versione originale quindi dovrete prendere un po' la mano con i soli due pulsanti utilizzabili ma è questione di poche partite per prendere confidenza con le varie mosse e special. SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium si lascia giocare molto bene, gli scontri sono sempre vari e i moveset dei personaggi garantiscono una grande varietà al gameplay. 
 
SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium non è però "solo" un picchiaduro, il titolo di SNK infatti era (ed è) pieno di modalità extra che vi permettono di giocare a mini giochi in stile Ghosts 'n Goblins (approposito avete letto la nostra recensione di Ghosts 'n Goblins: Resurrection, la nuova esclusiva CAPCOM per Nintendo Switch?) o a modalità extra come la Time Attack o la Survival. Se poi volete affrontare un vostro amico nessun problema, estraete i joycon e sfidatelo (questo sistema ovviamente non può funzionare se avete una Nintendo Switch Lite).
 

 

L'arte e la tecnica di SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium

SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium non è solo una piccola perla di gameplay, offre anche un punto di vista interessante e originale sulla storia del videogioco. Giocare al titolo di SNK infatti apre la mente a ricordi di tanti anni fa e ad un mondo dove non era importante quanti milioni di poligoni muovevi al secondo ma piuttosto cosa portavi a video e come. Vedere nello stesso (piccolo) schermo scontri tra i miti di saghe diverse e tenute ermeticamente sigillate (non era ancora giunto il momento dei grandi Vs tra brand che si sono visti qualche anno più tardi) era qualcosa di incredibile. Insomma ogni ragazzino avrebbe voluto sapere chi sarebbe sopravvissuto in uno scontro tra un Ryu di turno e un Terry Bogard (giusto per citare i primi due personaggi che vengono in mente). 
 
Lo stile adottato da SNK per questa produzione è quello di portare dei personaggi deformed in stile chibi con delle rappresentazioni più semplici delle controparti "reali" e fumettose ma completamente adatte all'atmosfera. Anche la riproposizione dei vari background e stage è ben strutturata e dobbiamo dire che gli sviluppatori hanno avuto una grande cura nel riportare lo stile di entrambi i brand senza esagerare e mantenendo una grande coerenza di base. Molto bene anche sotto il profilo tecnico, la versione Nintendo Switch di SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium gira perfettamente senza problemi e le varie opzioni permettono di adattare l'immagine allo schermo di Switch a seconda delle nostre esigenze. 
 
Buono anche il comparto audio e la colonna sonora che aiutano i giocatori a fare il famoso viaggio nella memoria di cui abbiamo parlato per tutta la recensione.
 

 

SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium

SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium è un vero e proprio tuffo nel passato, il titolo di SNK stupisce oggi come allora e risulta tutt'oggi godibile e divertente. Ovviamente se siete abituati ai nuovi piacchiaduro e non avete vissuto l'epoca d'oro del genere, potreste non trovarvi a vostro agio con la produzione ma il nostro consiglio è quello di provare il gioco (visto anche il prezzo decisamente abbordabile). In definitiva abbiamo trovato SNK VS. CAPCOM: The Match of the Millennium perfettamente adatto alla console di Nintendo che vede l'ingresso di una piccola perla (antica) nella sua libreria.

8.5

Trama 6.00

Gameplay 9.00

Arte e tecnica 8.00

Pro:

snk e capcom cosa si vuole di più

Contro:

ai giocatori più giovani potrebbe sembrare vecchio

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store