6

Recensione Paw Patrol: Gran Premio per XBOX ONE

Torniamo a vestire i panni dei super cuccioli, questa volta in un racing game. Ecco la nostra recensione di Paw Patrol: Gran Premio per XBOX ONE

Tutti in pista!

Prima di iniziare la recensione di Paw Patrol: Gran Premio dobbiamo fare una doverosa premessa, una premessa che abbiamo già fatto per altri titoli simili: il titolo di cui parliamo oggi è dedicato a un pubblico ben specifico e, sia il voto che la recensione in se vanno interpretati nel modo corretto. Il titolo sviluppato dall'italiana 3DClouds (già autori di Xenon Racer, di cui potete leggere la nostra recensione qui) è un titolo pensato per i più piccoli e, proprio per questo offre un gameplay semplificato che ben si adatta ai più piccini che si avvicinano al mondo videoludico. Detto questo non ci resta che proseguire nella nostra recensione di Paw Patrol: Gran Premio per XBOX One.
 

 

La trama di Paw Patrol: Gran Premio

La serie animata prodotta da Nickelodeon ha riscosso, indubbiamente, un grande successo tra i bambini. Per chi non ne avesse mai sentito parlare, la serie di Paw Patrol è disponibile dal 2013 e vede protagonisti una serie di cuccioli il cui scopo è quello di salvare Adventure Bay (la città in cui sono ambientate la maggior parte delle puntate del cartone animato) dai vari problemi piccoli e grandi che rischiano di mettere in pericolo le feste cittadini, i suoi abitanti e, più in generale, il quieto vivere della cittadina. Anno dopo anno i disegnatori hanno introdotto nuovi personaggi e nuove ambientazioni, sono state creati anche degli spin-off dove, ad esempio, i cuccioli diventano una sorta di super-eroi (si ne abbiamo parlato anche noi, andate a leggere la nostra recensione di Paw Patrol: Mighty Pups salva Adventure Bay) creando un team sempre più affiatato di amici cuccioli.
 
Fatta la premessa per quella che potrebbe essere la storia di base del titolo (e giusto per dare un'infarinatura generale a chi non ha mai sentito parlare del brand), possiamo passare alla trama del titolo anche se, da questo punto di vista Paw Patrol: Gran Premio non offre una trama nel senso stretto della parola. Il titolo fa svolgere al giocatore una serie di gare in pista legate tra loro da un piccolo canovaccio narrativo che serve più da "filo conduttore" che fa vero e proprio racconto. 
 
Se è vero che stiamo parlando di un titolo di corse è abbastanza normale non trovarsi di fronte ad una modalità storia vera e propria è altrettanto vero che un racconto avrebbe reso il titolo più interessante per i bambini che avrebbero potuto seguire il tutto come se fosse la puntata di una serie. La buona notizia è che, almeno, Paw Patrol: Gran Premio è completamente localizzato in italiano sia per quanto riguarda i testi a video che per il doppiaggio (che ci è sembrato includa parte, se non tutti, dei doppiatori originali). 
 

 

Il gameplay di Paw Patrol: Gran Premio

Paw Patrol: Gran Premio è un titolo di kart, un titolo che cerca di ispirarsi al maestro vero e proprio dei titoli di kart Super Mario Kart ma che, purtroppo, non riesce ad avvicinarsi minimamente al capolavoro Nintendo, questo è bene chiarirlo subito. Certo, nell'introduzione abbiamo detto che il titolo è pensato per un pubblico molto specifico e che il target di riferimento sono i bambini (quindi il paragone col titolo Nintendo è abbastanza fuori luogo). Cosa dobbiamo aspettarci e cosa propone quindi Paw Patrol: Gran Premio? Il titolo sviluppato da 3DClouds offre principalmente una modalità Gran Premio e una modalità di corsa libera. Nella modalità Gran Premio avrete modo di affrontare le varie piste in sequenza mentre nella modalità libera potrete giocare contro la CPU o contro degli amici (fino a 4 giocatori contemporaneamente) in gara singola o in una serie di gare scelte a priori. 
 

Paw Patrol: Gran Premio è un gioco di kart molto semplice adatto ai più piccoli ma che non ha nulla da offrire al videogiocatore medio.

 
Una volta scelta la modalità il giocatore (o i giocatori) può scegliere tra i vari personaggi del cartone animato (alcuni sono bloccati e si potranno utilizzare una volta giocata la modalità storia). La scelta del personaggio influenza la sua abilità speciale. Ecco, parliamo delle abilità speciali: non aspettatevi grandi cose, ogni personaggio ha un'abilità unica che si carica raccogliendo i croccantini a forma di ossa sparsi per la pista che possono offrire un vantaggio in determinate situazioni. Onestamente abbiamo trovato le varie abilità poco utili al fine ultimo del gameplay. Come nei giochi di kart più tradizionali potrete raccogliere lungo il percorso dei potenziamenti che vanno dal classico turbo fino alla possibilità di rallentare gli avversari. Anche in questo caso i potenziamenti (in alcuni casi) ci sono sembrati danneggiare anche noi stessi.
 
Non potevano certamente mancare le rampe di accelerazione che permettono (una volta imboccate) di avere un turbo temporaneo che, a conti fatti, è forse l'elemento che rischia di essere davvero determinante nell'esito delle gare. Non essendo implementato nessun sistema di drifiting infatti l'unico modo per arrivare davanti a tutti e vincere la gara è sbagliare il meno possibile e imboccare più rampe di boost possibile. Certo, alcuni livelli offrono anche delle scorciatoie ma il loro utilizzo è ben meno impattante di quanto si vede, per esempio, in Crash Team Racing Nitro-Fueled. Crediamo che queste semplificazioni sono pensate proprio per rendere il gioco estremamente fruibile dai più piccoli e, in effetti, i bambini si divertono col titolo proprio perchè è molto semplice da giocare. Anche sull'intelligenza artificiale ci sarebbe da fare delle critiche ma, leggendo sempre il titolo in un'ottica di target specifico è inutile accusarlo di avere un'IA molto semplice. Ci è piaciuta molto la possibilità di giocare in modalità split screen che, anche in caso di quattro giocatori a schermo, rimane comunque ben leggibile. 
 

 

L'arte e la tecnica di Paw Patrol: Gran Premio

Paw Patrol: Gran Premio non è riuscito a colpirci sotto il profilo estetico, ecco da questo punto di vista siamo sicuri che si poteva fare di più per rendere il titolo più simile ai cartoni. I vari livelli ci sono sembrati abbastanza spogli e anche i modelli utilizzati per i veicoli potevano essere più dettagliati. Giocando non ci si rende molto conto ma guardando il video "da spettatore" questi difetti salgono all'occhio in modo più vistoso. Ovviamente i più piccoli riconosceranno subito i loro beniamini e questo che è probabilmente l'obiettivo finale è stato decisamente raggiunto.
 
Tecnicamente non abbiamo molto da aggiungere: il titolo sfoggia un comparto estetico sufficiente e non molto pesante a livello di motore di gioco ma in alcuni casi ci è sembrato che il titolo non riuscisse a trasmettere la sensazione di velocità come avrebbe dovuto. Forse, anche in questo caso, la scelta è specifica in relazione al target scelto. 
 
La colonna sonora e in generale il comparto audio è allineato con la produzione televisiva.
 

 

Paw Patrol: Gran Premio

Paw Patrol: Gran Premio è un titolo adatto e pensato esclusivamente per un pubblico molto giovane. Nessun videogiocatore in senso stretto troverebbe qualcosa di interessante in questa produzione, produzione che invece risulta appetibile per i più piccoli vista la sua semplicità a livello di gameplay e di comandi pad alla mano. Prima di far affrontare ai vostri bambini o nipotini un Mario Kart qualsiasi un passaggio da un titolo come Paw Patrol: Gran Premio potrebbe essere sensato. 

6

Trama 6.00

Gameplay 6.00

Arte e tecnica 6.00

Pro:

adatto ai bambini

divertente per i più piccoli

molto semplice da giocare

Contro:

i contenuti potevano essere di più

storia solo accennata

Potrebbe interessarti anche

Disponibile Gara a Barkingburg, il primo DLC di Paw Patrol: Gran Premio

Disponibile Gara a Barkingburg, il primo DLC di Paw Patrol: Gran Premio

Disponibile il primo contenuto scaricabile dedicato ai PAW Patrol!

Paw Patrol: Gran Premio è disponibile per console e pc!

Paw Patrol: Gran Premio è disponibile per console e pc!

I Paw Patrol tornano su PC e console

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store