6

Recensione DayZ - Il survival di Bohemia Interactive arriva anche su console

Bohemia Interactive ci riporta a Chernarus in questa nuova edizione di DayZ per console, vediamo insieme come se la cava questo particolare survival

A volte ritornano

Sono passati ben sei anni dal rilascio di DayZ, in effetti ne ha fatta di strada quella che, all'inizio, era "solo" era una mod di ArmA II che prendeva il giocatore e lo scaraventava in un mondo post-apocalittico popolato di zombie dove la parola d'ordine era solo una: sopravvivenza. Di acqua ne è passata sotto i ponti ed ora i ragazzi di Bohemia Interactive sono pronti a presentare il loro titolo anche sulle console dell'attuale generazione. Vediamo insieme come se la cava questo survival nella nostra recensione di DayZ per XBOX One.
 
DayZ 

La trama di DayZ

Conviene togliere subito il dubbio a chi ancora l'abbia addosso: no DayZ non ha una vera e propria trama, o meglio, il titolo di Bohemia Interactive non va ad approfondire in modo particolare l'aspetto narrativo e contenutistico del titolo. DayZ infatti ha come obiettivo più quello di gettare li giocatore in un mondo violento e fargli vivere un'esperienza quanto più verosimile (se di verosimiglianza possiamo parlare) a quella che sarebbe un'invasione zombie. DayZ è ambientato a Chernarus, un'isola fittizia di stampo sovietico ed è qui che noi ci troveremo all'inizio della nostra partita: soli e senza armi, cibo e altro con un solo obiettivo: sopravvivere. Da un certo punto di vista il non avere messo praticamente nessuna base narrativa consente al giocatore di potersi creare la propria storia da se, dall'altra ci sarebbe piaciuto poter giocare ad una modalità più guidata dove magari gli sviluppatori Cechi avessero dato un loro reale punto di vista sull'epidemia zombie. Se poi dobbiamo proprio dirla tutti, ormai siamo abbastanza stanchi dell'ambientazione a carattere zombie e, se DayZ ha la scusante di essere un titolo vecchio di sei anni, dall'altra resta sempre un po' l'amaro in bocca quando ci si scontra con produzioni che sembrano tutte copie carbone le une delle altre. Forse piuttosto che parlare della trama (che non c'è) ha più senso parlare della storia di DayZ, di come è nato e come è arrivato fino ai giorni nostri. DayZ nasce infatti come mod di ArmA, titolo di simulazione militare sviluppato dai ragazzi di Bohemia Interactive e seguito (ed evoluzione) di Operation Flashpoint, titolo che è rimasto nel cuore di molti proprio per il suo approccio realistico. Dopo il successo che DayZ ha ottenuto come mod appunto di ArmA, Dean Hall aveva fatto sapere al mondo intero che stava collaborando con Bohemia Interactive per far diventare DayZ un titolo standalone, e dopo early access e release su PC eccoci oggi a vedere DayZ per console. Tutto si più dire di DayZ ma non che non si sia meritato il suo arrivo fino ai giorni nostri: il titolo infatti è stato  supportato dalla community alla grande e, forse, solo verso l'ultimo periodo le cose sono andate un po' diversamente ma resta il fatto che DayZ è un gioco che si è "fatto da solo". 
 
DayZ 

Il gameplay di DayZ

Veniamo quindi al dunque e cominciamo a parlare del gameplay di DayZ che è (detto tra noi) la parte più interessante della produzione di Bohemia Interactive. La caratteristica che rese famoso DayZ (al momento della sua uscita) fu il mix di approcci che il giocatore poteva adottare nel titolo. DayZ infatti si presenta con un gameplay promiscuo e dove non troviamo la classica distinzione tra PvP e PvE ma è invece il mix di due fattori che rende il titolo adrenalinico e particolare. Un po' come accade infatti nella moderna Zona Nera di The Division (qui potete leggere la nostra recensione di The Division 2) infatti potremo decidere volta per volta se allearci con altri superstiti ed eliminare le orde di zombie, oppure approfittare della loro debolezza ed eliminarli, oppure ancora fingersi amici per poi colpirli alle spalle. Ovviamente questo approccio rende il gioco sempre interessante ed ogni partita può variare in ogni momento. A far da sfondo a tutto questo (come se già non fosse abbastanza di suo) DayZ offre al giocatore una componente survival importante dove il recupero dei beni di prima necessità è essenziale per poter proseguire nel gioco e restare in vita. Siamo così chiamati a procacciarci del cibo cercando e perlustrando edifici abbandonati piuttosto che andando a caccia e la stessa cosa dicasi per l'acqua, le munizioni o le bende per poterci curare da ferite o malanni. All'inizio della nostra partita non avremo nulla con noi, niente armi, niente pistole ne oggetti che ci possano aiutare: ogni cosa in DayZ dobbiamo guadagnarcela. La varietà è in effetti il punto forte del titolo e ogni giocatore può decidere di approcciare il gioco in maniera diversa, possiamo cominciare a pensare all'equipaggiamento e perlustrare le varie zone alla ricerca di cibo o altro, possiamo fingerci amichevoli ed eliminare i nostri "amici" quando meno se lo aspettano o possiamo cercare un approccio più PvE combattendo le orde di zombie e prestando meno attenzione alla parte PvP (ma questo non vieterà agli altri di attaccarci a vista. Ma quindi è tutto perfetto? Purtroppo no, DayZ si porta dietro infatti dei problemi che lo affliggono dalla sua prima versione e, primo fra tutti, troviamo le dimensioni della mappa: Chernarus è davvero enorme (oltre 5400 km quadrati di superficie) e questo mondo così enorme rischia di lasciare dei "buchi" enormi tra i vari giocatori, capite bene infatti che con una mappa così ampia non è sempre facile trovare amici (o nemici) e quindi le partite tendono sempre ad essere molto frammentate. Oltre al problema delle dimensioni della mappa, le partite stesse rischiamo di durare davvero molto tempo proprio per via del fatto che gli incontri con gli altri giocatori sono, spesso, abbastanza lontani nel tempo. Buona invece la parte di tutorial che spiega in modo sufficiente le meccaniche di base del gioco anche se è solo con l'esperienza che il grosso del gameplay viene a galla. Pensiamo ad esempio alla meccanica del freddo e di come ripararsi: a seconda che i nostri abiti siano bagnati e di un tipo piuttosto che di un altro cambia la nostra statistica di resistenza al freddo. In DayZ potrete anche prendere il controllo di veicoli (e potrete, e dovrete in alcuni casi, ripararli per rimetterli in condizioni di essere utilizzabili).
 
DayZ 

L'arte e la tecnica di DayZ

Ed eccoci infine a parlare della componente tecnica e artistica del titolo. Partiamo subito dalla direzione artistica, DayZ non è un titolo che riesce a brillare sotto questo aspetto, o meglio: l'isola di Chernarus è un buon esempio di "tipico territorio sovietico" (della guerra fredda ndr.) e riesce ad immergere il giocatore in maniera sufficientemente realistica nel mondo di gioco ma di contro non riesce a mostrare spunti di originalità rispetto all'invasione zombie o alle caratteristiche di questi ultimi. Ci rendiamo conto che parte di questa colpa è anche da attribuirsi al "tema zombi" che ormai è diventato stra-abusato ma abbiamo visto fare molto bene sotto questo aspetto tanti altri titoli (State of Decay 2 per esempio). Anche per quanto concerne l'impatto prettamente tecnico DayZ delude molto le aspettative. Non chiedevamo a Bohemia Interactive un miracolo stravolgendo il titolo visto su PC ma ci aspettavamo qualcosa di più sotot il profilo tecnico. La qualità delle texture è spesso scadente, i caricamenti di porzioni di mappa sono davvero fastidiosi e il numero di poligoni mossi a schermo è tutto fuorchè soddisfacente: insomma la sensazione finale è che il porting di DayZ su console non abbia avuto l'attenzione che meritava. La speranza è che gli sviluppatori non abbandonino il titolo e che producano patch correttive in grado, almeno, di mitigare gli evidenti problemi tecnici perchè, possiamo dirlo, in alcuni casi siamo riusciti a restare comunque affascinati da Chernarus, dalle sue foreste e dalle ferrovie perse nel nulla, da quello che resta delle strade e dei piccoli villaggi o agglomerati di case. Infine la parte audio fa il suo lavoro, senza arte ne parte, ma sicuramente in modo migliore di quanto fatto per la parte meramente grafica. 
 
DayZ 

DayZ

Insomma DayZ mette molta carne al fuoco ma non riesce ad essere un titolo adatto a tutti, e forse questa conversione per console ne traccia proprio i più grandi difetti: per giocare a DayZ serve tanta pazienza e tanto tempo per assimilarne completamente le meccaniche e le molte sfaccettature. Il titolo di Bohemia Interactive è un gioco che su console (anche per la tipologia di pubblico) non riesce a fare bene come su PC. Parte dei problemi sono anche da cercarsi nelle meccaniche di gameplay che risultano meno nuove rispetto alla data di uscita e parte dei problemi sono da riscontrarsi nella componente tecnica che non riesce a stare al passo con i tempi.

6

Trama 6

Gameplay 7

Arte e tecnica 5

Pro:

buone meccaniche survival

Contro:

le mappe molto grandi diventano dispersive

tecnicamente obsoleto

Potrebbe interessarti anche

DayZ arriva su XBOX One il 29 agosto

DayZ arriva su XBOX One il 29 agosto

Durante la conferenza XBOX alla Gamescom 2018 Bohemia Interactive ha confermato l'arrivo di DayZ su XBOX One il 29 agosto.

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store