8,5

Recensione The Division 2 - Washington ha bisogno di noi!

Ubisoft ci riporta nel mondo devastato di The Division con The Division 2 e questa volta ci troviamo nei panni di un agente della divisione a Washington, combattiamo nella capitale degli USA!

Imparare dai propri errori

Imparare dai propri errori e ascoltare il feedback della community: sono queste le cose che il team di Massive Entertainment ha fatto per il franchise di Ubisoft: The Division. Il team di stanzia in Svezia ha infatti ascoltato i fan e, partendo dai punti deboli del primo The Division ha costruito The Division 2, ma andiamo con ordine e analizziamo i punti deboli e quelli estremamente interessanti del nuovo looter-shooter cooperativo di Ubisoft.

The Division 2
 

La trama di The Division 2

Partiamo, come sempre dal comparto narrativo e facciamo, per chi non conoscesse il background del titolo, dai fatti accaduti nel primo The Division: dopo un terribiel attacco terroristico durante il giorno del Black Friday l'America è in ginocchio: New York, Washington e le altre grandi città americane stanno affrontando l'emergenza di un virus modificato del vaiolo messo in circolazione con una serie di banconote infette. Il virus si è diffuso rapidamente e la caduta di New York e delle altre città non è tardata ad arrivare. Voi siete un agente della Divisione, The Division appunto, un corpo speciale dell'esercito degli Stati Uniti preparato per entrare in azione proprio in casi di gravissime crisi come questa. The Division 2 inizia sette mesi dopo gli avvenimenti accaduti a New York e racconta un nuovo punto di vista della crisi, ormai "l'emergenza" è passata e i cittadini stanno cercando di crearsi una nuova normalità ma bande organizzate tengono ancora diversi punti strategici della città sotto controllo e spetta a noi (e ai nostri amici e commilitoni) riportare la normalità per le strade di Washington. Non è solo la città a cambiare ma anche l'ambientazione e il clima, ci troviamo infatti in piena estate e l'eterno maledetto Natale di New York sembra un lontano ricordo. Anche se la modalità di gioco di The Division 2 rende difficile trasmettere al giocatore una trama continuativa e fortemente legata al gameplay il titolo Ubisoft ce la mette comunque tutta per dare anche sotto il profilo della narrazione degli spunti più interessanti rispetto al primo capitolo. 

The Division 2
 

Il gameplay di The Division 2

Parte delle modifiche più importanti che The Division 2 ha portato riguardano il gameplay, nella prima incarnazione del titolo Ubisoft infatti i problemi più importanti riguardavano proprio le meccaniche di gioco e, sopratutto, il gunplay. In The Division infatti servivano un numero incredibilmente alto di proiettili per abbattere un avversario, vi farà quindi immenso piacere sapere che su questo elemento i ragazzi di Massive Entertainment hanno lavorato duramente ed ora l'effetto "spugna" quando si colpivano gli avversari è stato completamente risolto. Certo alcuni avversari più corazzati (come boss e mini boss) necessitano ancora di un gran numero di proiettili per essere abbattuti ma la cosa ha anche un suo senso. Anche dal punto di vista delle cose da fare The Division 2 propone grandi miglioramenti, sia per quanto riguarda la quantità che per la qualità delle proposte, ma andiamo con ordine. Una volta che entrerete, praticamente ad inizio gioco, alla Casa Bianca (la centrale operativa della Divisione a Washington) vi ritroverete a dover scegliere cosa fare: tra quest, liberazioni di avamposti, missioni di supporto ecc non che l'imbarazzo della scelta. The Division 2 offre al giocatore un sistema di crescita del personaggio simile a quanto visto nel precedente capitolo, il nostro eroe potrà arrivare fino al livello 30 e, mano a mano che cresce di livello si avranno a disposizione nuove abilità da attivare e quindi nuove possibilità in termini di gameplay. La progressione, a livello RPG del gioco, è ben scandita e permette al giocatore di scegliere che approccio dare al gioco, se privilegiare elementi stealth o investire i sudati punti esperienza in abilità che gli consentano di ottenere maggior supporto o una maggiore potenza di fuoco. Anche dal punto di vista del loot The Division 2 segna un netto miglioramento col suo predecessore garantendo al giocatore, al termine delle missioni, una quantità e una qualità di elementi decisamente migliori rispetto a quanto visto nel primo The Division. Ma quindi i ragazzi di Massive Entertainment hanno corretto tutti i problemi che affliggevano il caro vecchio The Division? Beh no, non tutto è andato come speravamo, l'intelligenza artificiale dei nemici, ad esempio, ci è sembrata abbastanza carente con routine e pattern di attacco abbastanza telecomandati e semplicistici. E l'endgame? Ci sembra affrettato giudicare ora il lavoro svolto dagli sviluppatori su questo punto, i titoli come The Division 2 puntano sempre molto su questo aspetto ed ora è ancora un po' troppo presto per dirlo, certo la Zona Nera promette di presentarsi al pubblico con rinnovato vigore e le sue meccaniche che riescono ad unire in modo molto efficace cooperazione e competitività ci hanno sempre lasciato piacevolmente colpiti e siamo sicuri che, anche e sopratutto, spinti dal loot di qualità i giocatori troveranno grandi soddisfazioni in questa nuova area.

The Division 2
 

L'arte e la tecnica di The Division 2

Giudicare il lavoro svolto dagli sviluppatori dal punto di vista artistico su The Division 2 non è facile, da una parte è fuor d'ogni dubbio che la nuova location di Washington offre decisamente meno spunti rispetto alla splendida New York presentata nel primo capitolo, dall'altro c'è da dire che i ragazzi di Massive Entertainment ce l'hanno messa davvero tutta per dare un boost ulteriore alle lacune presenti nel primo capitolo (sopratutto quando si parla di location interne). Quello che salta subito all'occhio è il lavoro di pulizia grafica apportato dagli sviluppatori ai vari ambienti e ai vari personaggi e avversari: i modelli ci sono sembrati ben definiti e dotati di quell'originalità che aveva contraddistinto anche il primo capitolo della serie. Un elemento che ci ha davvero colpito è la realizzazione del ciclo giorno/notte che gli sviluppatori hanno implementato nel gioco e che rende molte ambientazioni ancora più evocative e interessanti. Lo stesso discorso si può fare per la realizzazione degli effetti atmosferici che aggiungono ulteriore profondità al titolo. Tecnicamente parlando non possiamo di certo lamentarci, durante le nostre prove su XBOX One non abbiamo riscontrato nessun grave problema e sia il netcode che il motore grafico del gioco hanno retto decisamente bene. Infine vi ricordiamo che The Division 2 è localizzato in italiano e quindi non avrete nessun tipo di problema nel comprendere perfettamente i compiti o nel seguire la trama delle quest e sottoquest anche se non conoscete l'inglese. Chiude il comparto tecnico un utilizzo sapiente degli effetti sonori ambientali che riescono a dare profondità al gameplay e alle ambientazioni.

The Division 2

Tom Clancy's The Division 2

The Division 2 rappresenta alla perfezione il "More of the same" che ognuno di noi vorrebbe per il proprio titolo preferito. I ragazzi di Massive Entertainment hanno colto nel segno ascoltando le richieste dei fan e facendone tesoro: il risultato è un titolo divertente, bello da giocare e vario che promette di regalare ore e ore di divertimento. Anche senza aver analizzato profondamente l'endgame The Division 2 ha tutte le carte in regola per poter garantire ai giocatori un sacco di divertimento anche al termine delle missioni canoniche del titolo. Ci sentiamo di consigliare The Division 2 a tutti i giocatori a cui era piaciuto il precedente capitolo e anche ai giocatori in cerca di un titolo cooperativo e competitivo in multiplayer dove potersi divertire senza necessariamente doversi dedicare esclusivamente al titolo.

8,5

Trama 8

Gameplay 9

Arte e tecnica 8

Pro:

pieno zeppo di cose da fare

vario e divertente

molto longevo

Contro:

seguire la trama non è semplicissimo

ancora qualche problema con l'ia

Potrebbe interessarti anche

Tom Clancy's The Division 2 è disponibile per Xbox One, PlayStation 4 e PC

Tom Clancy's The Division 2 è disponibile per Xbox One, PlayStation 4 e PC

Tom Clancy's The Division 2 è ora disponibile per Xbox One, PlayStation 4 e Windows PC

The Division 2 è giocabile per i possessori della Gold Edition

The Division 2 è giocabile per i possessori della Gold Edition

The Division 2 è giocabile da oggi per i possessori della Gold Edition

Ubisoft presenta l'esperienza Echo di The Division 2

Ubisoft presenta l'esperienza Echo di The Division 2

Combinando un engine di Realtà Aumentata, un bot di Facebook Messenger e la tecnologia GPS, Ubisoft ha creato L'esperienza Echo di The Division 2, un’esperienza unicamente mobile che consente agli utenti di immergersi nel mondo di The Division 2

Ubisoft ti regala un gioco se prenoti The Division 2

Ubisoft ti regala un gioco se prenoti The Division 2

Ubisoft vi offre l'occasione di avere i proverbiali due piccioni con una fava!

The Division 2: la beta pubblica inizierà il 1 marzo!

The Division 2: la beta pubblica inizierà il 1 marzo!

Dopo la beta privata che si è svolta lo scorso fine settimana, Ubisoft ha annunciato che la Open Beta di Tom Clancy's The Division 2 si terrà dall'1 al 4 marzo

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store