7

Recensione Cultist Simulator: Initiate Edition per Nintendo Switch - Fonda il tuo culto

Arriva anche su Switch uno dei card game più particolari degli ultimi anni: ecco la nostra recensione di Cultist Simulator: Initiate Edition per Nintendo Switch

Di culti oscuri, riti e sacrifici

Grande rilevanza hanno avuto Lovecraft e i suoi racconti negli ultimi anni, il famoso scrittore statunitense e i suoi racconti sono stati infatti più volte protagonisti di svariati tipi di giochi (da Lovecraft's Untold Stories fino a The Sinking City, passando per Call of Cthulhu giusto per citare i primi che ci sono venuti in mente). Oggi parliamo di un titolo decisamente più particolare di quelli appena citati per via del suo gameplay e delle meccaniche di gioco che il suo designer, Alex Kennedy, ha pensato. Stiamo parlando di Cultist Simulator e più precisamente della versione Initiate Edition per Nintendo Switch. Se siete pronti a gettarvi in un mondo oscuro fatto di sacrifici, riti malvagi e altre diavolerie seguiteci nella nostra recensione di Cultist Simulator: Initiate Edition per Nintendo Switch.
 

 

La trama di Cultist Simulator: Initiate Edition

Difficile parlare di trama in Cultist Simulator: Initiate Edition, il titolo di Alex Kennedy (già autore, per altro, di Sunless Sea e se ve la siete persa vi invitiamo a leggere la nostra recensione Sunless Sea: Zubmariner Edition) è decisamente atipico. Cultist Simulator non racconta infatti una singola avventura ma sfrutta l'incredibile universo messo in piedi da Lovecraft per dare al giocatore la possibilità di esplorarlo in modo innovativo e particolare, senza guidarlo più del necessario. La prima partita che affronterete in Cultist Simulator vi lascerà spiazzati, vi farà sentire persi e non solo, vi porrà subito di fronte all'evidenza: non siete pronti per affrontare il gioco. 
 
Cultist Simulator vi mette nei panni di un individuo e del suo tentativo di fondare un culto segreto, con tutto quello che ne comporta. E' così che carta dopo carta plasmeremo un mondo nuovo, fatto di sacrifici e tentativi, conosceremo parte della nostra storia (o almeno crederemo di conoscerla) e ci imbatteremo in situazioni e personaggi bizzarri a dir poco. Cultist Simulator non ha un tutorial e, purtroppo, non è localizzato in italiano e questi due elementi sono quelli che, dal nostro punto di vista, rischiano di essere l'ostacolo più grosso per chi vuole avvicinarsi al gioco. 
 
Tutte le carte a video, tutti i meccanismi sono ricchi di testi ma il loro funzionamento non è sempre immediatamente riconoscibile, così come non è immediatamente intuibile come possano due elementi funzionare insieme: da questo punto di vista Cultist Simulator è un gioco che basa molte delle sue meccaniche sul trial & error (come avrete modo di approfondire nel prossimo paragrafo). Anche se, dopo quello che abbiamo scritto, sareste portati a pensare che il titolo si basi unicamente sul gameplay in realtà non è propriamente così: Cultist Simulator prende ogni vostra azione o scelta e la ribalta all'interno del gioco creando una serie di eventi e obbligandovi a prendere una serie di decisioni che, inevitabilmente, vi faranno riflettere e (ne siamo certi) che in alcuni casi non avreste mai pensato di prendere.
 

 

Il gameplay di Cultist Simulator: Initiate Edition

Ed eccoci arrivati al fulcro dell'esperienza: il gameplay e le emozioni che il titolo riesce a trasmettere al giocatore. L'obiettivo di Alex Kennedy (pienamente centrato a nostro modo di vedere) era quello di spiazzare il giocatore e porlo di fronte a scelte e opzioni che lo obbligano a rivedere parte delle sue strategie e del suo approccio in ogni singolo momento. Cultist Simulator è un titolo che gioca col giocatore e con le sue scelte, che obbliga il giocatore a improvvisare e a cercare soluzioni all'ultimo secondo.
 

Cultist Simulator è un gioco che riesce a creare tensione anche solo con le parole e con i meccanismi che queste attivano.


Come ogni rogue like che si rispetti, anche Cultist Simulator non dimentica il passato e anzi, ogni partita, è collegata con le precedenti. Infatti gli alter ego che abbiamo impersonato in precedenti partite possono tornare (sotto svariate forme o con altri effetti) nella partita in corso creando un continuum narrativo (o di gameplay) unico tra le varie partite. Iniziare una partita a Cultist Simulator vuol dire trovarsi davanti ad un tavolo con due carte: un sostantivo e un verbo, un'azione. La meccanica di gioco prevede che il giocatore unisca le carte creando degli effetti immediatamente visibili a schermo. Ogni fusione di carte infatti produrrà degli effetti: siano essi altri sostantivi o altri verbi che il giocatore potrà usare per creare nuovi elementi e sviluppare così il proprio racconto, la propria narrazione. Le possibilità offerte sono infinite e più giocherete più vi renderete conto di quanto è profonda la tana del Bianconiglio: in effetti giocando vi immergerete in un mondo parallelo dove le conseguenze sono sempre molto tangibili ma poco prevedibili. 
 
Abbiamo giocato a Cultist Simulator: Initiate Edition su Nintendo Switch e abbiamo faticato un po' a "trovare la quadra" nell'organizzare il nostro tavolo. Se infatti quando le carti presenti sul tabellone sono poche, man a mano che la nostra avventura prosegue le carte aumentano e il tutto diventa abbastanza confusionario. Anche se Cultist Simulator su Nintendo Switch si può giocare senza problemi è chiaro che la versione PC offre un sistema di comandi molto più semplice da padroneggiare.
 

 

L'arte e la tecnica di Cultist Simulator: Initiate Edition

Cultist Simulator è un titolo molto semplice dal punto di vista grafico e artistico, ma non per questo poco interessante. Il titolo di Alex Kennedy ha un fascino unico nel panorama e pur utilizzando disegni e icone semplici riesce ad attirare l'attenzione del giocatore per la sua congruenza. L'approccio minimale scelto dallo sviluppatore è fondamentale per far concentrare il giocatore sulle cose più importanti della produzione come le meccaniche di gameplay e la narrazione emergente di cui la produzione è ricca. 
 
Non abbiamo molto da dire sotto il profilo tecnico, Cultist Simulator: Initiate Edition su Nintendo Switch gira perfettamente, il titolo è poco esoso di risorse e ben si presta all'hardware di Nintendo Switch. Durante le nostre partite non abbiamo mai incontrato bug bloccanti o problemi che potessero rovinare l'esperienza di gioco. 
 
Adatte al contesto anche le musichette di sottofondo e gli effetti sonori che accompagnano le varie carte e tessere. 
 

 

Cultist Simulator: Initiate Edition

Cultist Simulator: Initiate Edition non è certamente un titolo adatto a tutti, è un gioco che richiede tempo per essere compreso e per poter offrire il meglio al giocatore. Non abbiamo detto, nella nostra recensione, che Cultist Simulator: Initiate Edition contiene tre DLC e che offre, dal punto di vista contenutistico, una mole interessante di contenuti che offrono ore e ore di gameplay. Giocare a Cultist Simulator è un'esperienza unica che saprà regalare grandi soddisfazioni a chi avrà la pazienza di scalfire la superficie del titolo.

7

Trama 6.00

Gameplay 8.00

Arte e tecnica 7.00

Pro:

narrativa nascosta ma unica

molto affascinante

Contro:

manca l'italiano

difficile prendere confidenza con i comandi

Potrebbe interessarti anche

Scopriamo il gameplay di Cultist Simulator: Initiate Edition in arrivo su Nintendo Switch

Scopriamo il gameplay di Cultist Simulator: Initiate Edition in arrivo su Nintendo Switch

Cultist Simulator: Initiate Edition arriverà su Switch il 2 febbraio 2021

Cultist Simulator: Initiate Edition è in arrivo su Switch

Cultist Simulator: Initiate Edition è in arrivo su Switch

Weather Factory e Playdigious hanno annunciato Cultist Simulator: Initiate Edition per Nintendo Switch

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store