7.5

Recensione Blue Reflection: Second Light per Nintendo Switch

Avventuriamoci nel nuovo JRPG di Gust Studios con la nostra recensione di Blue Reflection: Second Light per Nintendo Switch

Una scuola un po' strana

Il titolo di cui parliamo oggi è il sequel di un gioco mai giunto nel nostro continente: stiamo parlando di Blue Reflection, una IP di GUST Studios (già autori dei vari Atelier): oggi parliamo di Blue Reflection: Second Light. Il titolo è un JRPG che eredita molte meccaniche e molti stereotipi del genere di appartenenza, è un prodotto molto "orientaleggiante" (d'altra parte chi conosce il team di sviluppo sa cosa aspettarsi) che però risulta facilmente comprensibile anche da chi non ha mai visto il primo capitolo perchè i due titoli sono tranquillamente giocabili in modo separato. Ad ogni modo, se volete saperne di più sull'avventura di Ao e delle sue amiche non dovete far altro che seguirci nella nostra recensione di Blue Reflection: Second Light per Nintendo Switch.
 

 

La trama di Blue Reflection: Second Light

Come scrivevamo in apertura non preoccupatevi se non conoscete nulla della serie di Blue Reflection, i ragazzi di GUST Studios sono stati sufficientemente in gamba da mettere in piedi un sequel che non necessita della conoscenza di quello che avvenuto nel primo capitolo per poter giocare il secondo. Certo, se avete avuto modo di conoscere anticipatamente Ao (la protagonista dell'avventura) noterete qualche rimando interessante al primo episodio ma nulla che possa realmente fare la differenza pad alla mano.
 
Blue Reflection è ambientato in una scuola che, anche se a prima vista può sembrare un comune college giapponese, nasconde diversi misteri: il primo fra tutti è legato alla sua posizione, la scuola è locata infatti su un'isola in mezzo all'oceano in un mondo dove è sempre estate. Già questa piccola introduzione dovrebbe aver fatto rizzare le orecchie a molti di voi perchè si, in effetti quella scuola non è il mondo reale, ma una sorta di universo parallelo. Ao e le altre ragazze (nel corso dell'avventura avrete modo di allargare il gruppo di ragazze che faranno muovere gli ingranaggi della trama) sono infatti "rinchiuse" in questo universo ma, avanzando con la storia, avranno modo di recuperare parte dei loro ricordi e cercare quindi di svelare il mistero. Ao e le altre protagoniste vedranno quindi le loro giornate divise in momenti apparentemente comuni vissuti all'interno della scuola, momenti semplici come seguire le lezioni, studiare o semplicemente parlare, ad altri dove dovranno combattere contro apparizioni decisamente particolari. 
 
Certo è che la trama di Blue Reflection: Second Light nasconde numerosi segreti: perchè le ragazze si trovano su quell'isola? Come ci sono arrivate? Come possono andarsene? Sono a queste altre domande che il giocatore vorrà e dovrà dare una risposta. Purtroppo vi segnaliamo che Blue Reflection: Second Light non è localizzato in italiano e che se non siete affini con l'inglese potreste avere qualche difficoltà. Buone notizie sul fronte della longevità: per arrivare ai titoli di coda del gioco vi serviranno almeno una ventina abbondante d'ore che possono raddoppiare nel caso siate dei veri e propri completisti.
 

 

Il gameplay di Blue Reflection: Second Light

Come abbiamo già detto e ribadito Blue Reflection: Second Light è un JRPG di stampo abbastanza classico e possiamo dividere il suo gameplay in tre grandi macro-momenti. Il primo riguarda le fasi di vita normale e comune delle ragazze, il secondo riguarda l'esplorazione dei dungeon e la raccolta di materiali e, infine, il terzo troncone dedicato ai combattimenti. Analizzeremo brevemente i tre momenti così che possiate avere un'idea più chiara di quello che potete e dovete aspettarvi dal secondo capitolo della serie di Blue Reflection.
 

La cosa che abbiamo apprezzato di più di Blue Reflection: Second Light è il sistema di combattimento: semplice ed immediato

 
Blue Reflection: Second Light ci mette, inizialmente, nei panni di Ao, una studentessa come tante altre (oddio non proprio visto che la nostra eroina ha effettivamente dei super poteri) ma nel corso dell'avventura avremo modo di ampliare il numero di protagoniste che, volta per volta, si aggiungeranno al nostro gruppo. Uno dei momenti più tranquilli del gameplay (e a nostro modo di vedere anche più noiosi) è legato ai momenti di vita quotidiana delle ragazze dove i vari personaggi si conoscono e svolgono attività quotidiane: una sorta di Grande Fratello in formato videogioco. Se siete persone appassionate di azione patirete molto questi squarci di vita vissuta.
  
Le cose si fanno sicuramente più movimentate quando siamo invece chiamati ad esplorare i vari dungeon che il titolo mette a disposizione: se infatti questi non facciano gridare al miracolo per varietà e level design è altrettanto vero che esplorare queste zone vi permetterà di scendere in combattimento e di trovare materiali utili per ricostruire nuovi luoghi all'interno della scuola e potenziare il vostro gruppo. Si, in effetti trovando materiali e oggetti potrete far evolvere i vostri personaggi con un sistema che abbiamo trovato ben strutturato. Ovviamente, l'avanzamento della narrazione passa anche dalla ristrutturazione e ricostruzione di questi luoghi. 
 
Dove però Blue Reflection: Second Light diventa più interattivo e divertente è nei combattimenti. I ragazzi di GUST Studios hanno sviluppato un sistema molto semplice da apprendere ma non facilissimo da spiegare che regala degli scontri adrenalinici e molto rapidi. Ogni ragazza del nostro gruppo parte da un suo grado predefinito (una sorta di livello di potenza) e, a seconda di questo grado sarà in grado di compiere delle "mosse speciali" di differente potenza. Per caricare la barra della potenza (e quindi cambiare grado) dovrete attaccare e colpire i vostri avversari: questo vi permetterà di avanzare di grado e di poter sferrare quindi attacchi sempre più potenti, insomma mai come in questo caso si può dire che "La miglior difesa è l'attacco".
 
Non tutte le ragazze sono però delle combattenti, alcune di loro vi serviranno per potenziare le compagne di squadra, altre forniranno dei buff importanti e così via. Purtroppo, anche se il sistema è di per se divertente, ci è sembrato un attimo troppo facile e in alcuni casi i combattimenti finiscono ancora prima di poter scaraventare gli attacchi più potenti ai nostri avversari (anche ai boss). Una maggior calibrazione della difficoltà avrebbe reso il tutto più interessante, alle volte sembra che la scelta del team da mandare in combattimento sia puramente indicativa perchè anche con gruppi non studiati fin nei minimi dettagli è difficile trovarsi KO.
 

 

L'arte e la tecnica di Blue Reflection: Second Light

Dal punto di vista estetico non abbiamo molto da dire su quanto proposto da GUST Studios, l'art direction è prettamente orientale e il tutto ci è sembrato, onestamente, un po' troppo derivativo. Siamo abbastanza lontano da momenti di originalità espressi in alcuni titoli della serie Atelier per dirne una. Anche la caratterizzazione dei personaggio non è profonda come ci saremo aspettati. 
 
Sul fronte tecnico il titolo non brilla certo come uno dei migliori presenti sullo eShop di Nintendo (abbiamo giocato il titolo su Nintendo Switch), certo è vero che non abbiamo riscontrato particolari problemi tecnici e durante le nostre partite (tutte rigorosamente in modalità portatile) non abbiamo avuto problemi con rallentamenti o blocchi che potessero compromettere il gameplay. 
 
Niente da segnalare nel comparto sonoro: fa la sua parte senza emergere eccessivamente ne infastidire. 
 

 

Blue Reflection: Second Light

Blue Reflection: Second Light è un JRPG pensato per gli appassionati di giochi di ruolo giapponesi che apprezzano in modo particolare la cultura nipponica. Il titolo è pieno di riferimenti al mondo del Giappone e delle sue regole e manca un po' di originalità e, infine, non siamo riusciti a trovare una sua vera e propria identità al titolo. Blue Reflection: Second Light è ricco di cose da fare ma nessuna di queste riesce a spiccare tra le altre: insomma è un buon JRPG ma non certamente il migliore che potete trovare sulla piazza.

7.5

Trama 7.00

Gameplay 8.00

Arte e tecnica 6.50

Pro:

combat system divertente e immediato

longevità importante

Contro:

assenza dell'italiano

difficoltà mal calibrata

Potrebbe interessarti anche

Svela il mistero dietro un mondo di ricordi perduti in Blue Reflection: Second Light

Svela il mistero dietro un mondo di ricordi perduti in Blue Reflection: Second Light

Cerca indizi, recupera i ricordi perduti ed esplora la magica terra di Heartscape

KOEI Tecmo annuncia il lancio della demo di Blue Reflection: Second Light

KOEI Tecmo annuncia il lancio della demo di Blue Reflection: Second Light

Aiuta a svelare il mistero dietro il magico mondo di ricordi perduti

Due nuovi personaggi si aggiungono alla Mysterious Academy di Blue Reflection: Second Light

Due nuovi personaggi si aggiungono alla Mysterious Academy di Blue Reflection: Second Light

I nuovi personaggi saranno la chiave per svelare il mistero di Heartscape?

Mistero e meraviglia abbondano in Blue Reflection: Second Light

Mistero e meraviglia abbondano in Blue Reflection: Second Light

Recupera i ricordi perduti e combatti mostri orribili nella misteriosa terra di Heartscape

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store