7,5

Recensione Warriors Orochi 4 - I combattenti del destino

Tecmo Koei ci presenta il nuovo capitolo di Warriors Orochi, spinoff e mix delle serie di Dynasty Warriors e Samurai Warrios, vediamo insieme cosa ha da proporre Warriors Orochi 4!

Guerra in estremo oriente

Tecmo Koei continua, grazie ai ragazzi di Omega Force, a portare avanti la sua saga spin-off Warriors Orochi, giunta ora al quarto capitolo: Warriors Orochi 4. Tempo fa abbiamo recensito l'ultimo capitolo della saga di Dynasty Warrios: Dynasty Warriors 9 e avevamo notato alcuni miglioramenti sostanziali; vediamo insieme i pregi e difetti di Warriors Orochi 4 nella nostra recensione!

Warriors Orochi 4

La trama di Warriors Orochi 4

A differenza di Dynasty Warrios e Samurai Warrios, la saga di Warriors Orochi non tratta gli avvenimenti (romanzati) della guerra dei Tre Regni narrata in Dynasty Warriors ne delle Guerre di Unificazione raccontate in Samurai Warrios. In Warriors Orochi 4 troviamo un mash up delle due saghe con le vicende ambientate in un mondo parallelo. In questo nuovo capitolo è Zeus (si ci siamo spostai in Grecia) che innesca la miccia del conflitto mentre, sul monte Olimpo, spiega ad Atena che è fondamentale che gli eroi di due epoche diverse si scontrino per poter creare una nuova dimensione parallela e quindi un nuovo mondo. Per fare ciò Zeus utilizza gli Ouroborus, nove potenti bracciali ma Perseo terrorizzato dalle azioni del padre ruba i bracciali e scappa nella nuova linea temporale seguito da Ares e Atena. I nostri eroi si trovano così loro malgrado invischiati in questo piano e capiscono che hanno una sola possibilità per tornare nei loro mondi: recuperare i bracciali. Il potere di questi manufatti non passa però inosservato e attira presto a se le attenzioni di Nobunaga Oda, un temibile condottiero e Ding Ji, una strega dai grandi potei magici. Da questo incipit i ragazzi di Tecmo Koei ci accompagnano per una storia fitta di avvenimenti che si struttura in cinque lunghi capitoli composti da un numero elevato di missioni e di quest secondarie da portare a termine.

Warriors Orochi 4

Il gameplay di Warriors Orochi 4

Se c'è un team di sviluppo che possiamo definire "specializzato" nel genere dei Musou questo è, senza ombra di dubbio, Omega Force. I ragazzi in armi a Tecmo Koei ha alle spalle numerosi titoli del genere ed è, allo stato attuale, il gruppo di sviluppatori che meglio incarna questo genere e le sue regole. Ovviamente andare ad effettuare stravolgimenti di gameplay in un genere così strutturato e definito non è cosa facile ma fino ad ora il team di sviluppo giapponese è sempre stato in grado di mostrare dei piccoli colpi di clase in ogni sua opera e la stessa cosa è successa in Warriors Orochi 4. Come in ogni Musou che si rispetti anche qui siamo chiamati a scontrarci contro interi eserciti e noi, grazie ai nostri super poteri o abilità speciali, falceremo questa marmaglia con stile e violenza. Partiamo dalla quantità (che in un musou è sempre sintomo di un buon lavoro): in questo nuovo capitolo di Warriors Orochi possiamo scegliere (dopo averli sbloccati ovviamente) fino a 170 personaggi (avete letto bene: centosettanta), un numero decisamente impressionante, sopratutto se si considera che ognuno di essi è estremamente dettagliato sia dal punto di vista estetico ed artistico che da quello del background e delle sue mosse speciali e moveset. Pad alla mano Warriors Orochi 4 non mostra grandissime novità e il gameplay si assesta sulla struttura base del genere: colpendo con gli attacchi normali riempiremo la nostra "barra musou" che ci darà la possibilità di sferrare un attacco speciale devastante (davvero devastante). Oltre alla classica mossa speciale in Warriros Orochi 4 gli sviluppatori hanno introdotto i Tesori Divini, delle amri speciali che ci consento di usare la magia e concatenare serie di combo da far rabbrividre la concorrenza. Questa novità riesce a dare più varietà all'azione poichè per falciare le migliaia di avversari che si pareranno a schermo avremo diverse possibilità. Sempre in tema di divinità un'altra novità introdotta nel gameplay è la Deificazione: una volta che il nostro personaggio sarà a contatto con i bracciali Ouroborus avremo la possibilità di sbloccare il potere divino del nostro personaggio permettendogli così di utilizzare la magia all'infinito: vi lasciamo immaginare la devastazione che ciò implica. In buona sostanza quello che i ragazi di Omega Force hanno voluto realizzare con Warriors Orochi 4 è dare la possiblità ai giocatori di avere per le mani un titolo estremamente fluido dal punto di vista del gameplay: un gioco immediato dove l'utente si possa divertire senza troppe sovrastrutture. Oltre alla modalità Storia, affrontabile anche in compagni di amici online, Warriors Orochi 4 mette a disposizione dei giocatori anche una modalità Arena dove poter far scontrare gruppi di tre eroi i una sorta di cattura la bandiera in salsa musou.

Warriors Orochi 4

L'arte e la tecnica di Warriors Orochi 4

Ma dal punto di vista tecnico tutti questi avversari a schermo (anche diverse centinaia contemporaneamente) quando pesano sulla fluidità di Warriors Orochi 4? Beh pesano decisamente tanto, i ragazzi di Omega Force hanno svolto un lavoro discreto sul piano del motore grafico ma non ancora eccellente: il titolo infatti fatica a restare ancora ai 30 fps e nelle situazioni più concitate i rellantamente sono stati davvero evidenti. D'altra parte il team di sviluppo ha anche cercato di aumentare la varietà degli avversari, cercando di evitare l'effetto "esercito dei cloni" tipico del genere e l'operazione è riuscita a metà: se da una parte si vede lo sforzo messo in campo dagli sviluppatori dall'altra parte è anche vero che a tutt'oggi sembra risultare inevitabile un approccio diverso da quello scelto da Omega Force. Dal punto di vista artistico invece il lavoro svolto è eccellente con una grandissima cura riposta nella realizzazione dei 170 personaggi; personaggi che risultano (sia a livello poligonale che di dettagli) curati in ogni mina parte. Molto buona anche la colonna sonora così come il doppiaggio giapponese che aiuta molto l'immedesimazione. I sottotitoli sono invece in inglese ma non sarà un'operazione troppo ardua riuscire a seguire i dialoghi e la storia anche se non si ha una conoscenza approfondita della lingua inglese. 

Warriors Orochi 4

Warriors Orochi 4

Warriors Orochi 4 segna un'altro passo importante nel genere dei musou, i ragazzi di Omega Force hanno mostrato i muscoli portando il roster dei personaggi selezionabili a 170: una cifra in grado di far impallidire chiunque la fuori. Per il resto Warriors Orochi 4 è il classico Musou Giapponese: difficile consigliarlo a chi non ama il genere poichè si troverebbe molto presto a imprecare contro la ripetitività di fondo che è la base stessa del gameplay, fortemente consigliato invece agli amanti del genere poichè troveranno una marea di contenuti e delle novità decisamente interessanti. 

7,5

Trama 7

Gameplay 8

Arte e tecnica 7

Pro:

una marea di personaggi

molto longevo

Contro:

gameplay ripetitivo

graficamente poco appagante

Potrebbe interessarti anche

Warriors Orochi 4 sarà disponibile dal 19 ottobre

Warriors Orochi 4 sarà disponibile dal 19 ottobre

KOEI TECMO Europe è felice di annunciare che Warriors Orochi 4 sarà disponibile il 19 ottobre per PlayStation 4, Nintendo Switch, Xbox One e Steam. 

Warriors Orochi 4: una valanga di novita'

Warriors Orochi 4: una valanga di novita'

KOEI TECMO ha rivelato oggi ulteriori dettagli sulla caratteristica di Deificazione di Warriors Orochi 4

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store