9

Recensione Slay the Spire - Quando un Cardgame e un RPG Roguelite si incontrano

I ragazzi di Mega Crit e Humble Bundle potano anche su XBOX One Slay the Spire, prepariamo il mazzo e sterminiamo gli avversari

Ferisce più la carta che la spada

Il mix di generi ormai è sempre più diffuso nel mondo videoludico, da questo trend abbiamo avuto modo di scontrarci con idee decisamente esaltanti (qualcuno ha detto Crypt of the Necrodancer?) ad altre meno riuscite. Oggi parliamo di un titolo che, possiamo dirlo subito, fa parte della prima parte: Slay the Spire è un geniale mix di deckbuilding e RPG roguelite. I ragazzi di Mega Crit, grazie al supporto di Humble Bundle, hanno portato su PC e console un titolo interessante, profondo e longevo. Se volete saperne di più leggete la nostra recensione di Slay the Spire
 
Slay the Spire
 

La trama di Slay the Spire

Come scrivevamo in apertura Slay the Spire (opera prima del team di sviluppo Mega Crit) è un titolo che fonde le meccaniche di deckbuilding con quelle tipiche di un RPG roguelite, con una premessa di questo tipo non potevamo aspettarci un comparto narrativo che facesse gridare al miracolo e infatti la trama non è l'elemento più riuscito di Slay the Spire. Questo non vuol però dire che gli sviluppatori non abbiano almeno cercato di dare un senso alle nostre battaglie contro la Guglia, ma andiamo con ordine. In Slay the Spire abbiamo un unico obiettivo: mettere fine alla Guglia, ma cos'è esattamente questo avversario? La Guglia è un dungeon vivente ricolmo di creature appartenenti al genere fantasy ma, ne parleremo meglio nel paragrafo dedicato alla componente artistica, rivisitate in chiave ironica. A noi spetta quindi il compito di ripulire il dungeon e possiamo farlo avvalendoci (e scegliendo) uno tra i tre protagonisti: iniziamo con Defect, un automa che basa i suoi attacchi su globi di energia, Ironclad: il classico combattente armato di spada e Silent il rogue di turno, armata di pugnali e specializzata negli attacchi a base di veleni. Scelto il nostro alter-ego non ci resta che addentrarci nel dungeon e affrontare gli avversari che, uno dopo l'altro, cercheranno di farci la pelle. A livello narrativo non c'è molto altro, il titolo infatti non offre un background particolare per i nostri personaggi, ne cerca di approfondire una trama di sorta. In buona sostanza la componente narrativa è praticamente assente in Slay the Spire
 
Slay the Spire
 

Il gameplay di Slay the Spire

Se dal punto di vista della narrazione il titolo di Mega Crit non ha molto da dire o da insegnare, la suonata cambia in modo radicale quando si parla di gameplay perchè qui le cose si fanno estremamente interessanti. Partiamo subito con le basi: in Slay the Spire una volta selezionato il nostro eroe ci troviamo con un mazzo di dieci carte nella nostra mano, è proprio grazie alle carte che potremo sconfiggere i vari mostri che si presenteranno ad ogni run. Sappiate che il numero di carte di cui potrà essere composto il vostro mazzo può essere ben superiore a dieci e che, al termine di ogni combattimento, potremo aggiungere al nostro mazzo una carta scelta a caso tra altre tre. Inutile dire che il mazzo che andremo a comporre durante l'avventura, si farà via via più potente, ma è anche altrettanto vero che, in alcuni casi, potremo trovarci di fronte a carte che "ostacolano" il nostro mazzo rendendolo magari più lento o meno efficace. I ragazzi di Mega Crit hanno pensato anche a questo problema e hanno infatti introdotto una meccanica che consente al giocatore di eliminare le carte dal mazzo ma non certo gratuitamente. Man a mano che togliamo le carte infatti il prezzo da pagare per poterle rimuovere diventerà più alto: questa meccanica è fondamentale per dare spessore al gioco obbligando il giocatore a soppesare sempre le scelte tra carte che vano tolte a tutti i costi ad altre che possono essere usate magari in combo o sistemi diversi. Già da questo meccanismo si intravedono le potenzialità tattiche del titolo ma Slay the Spire non si ferma qui: non saremo infatti solo legati alla fortuna (o alla sfortuna) nella creazione del nostro mazzo ma potremo acquistare carte extra anche dai mercanti: c'è da dire però che il numero (e la qualità) delle carte che questi propongono è abbastanza altalenante. Anche mantenere un giusto equilibrio tra attacco e difesa non è una cosa facile e cercare di tenere il mazzo sempre equilibrato è un'operazione complessa che richiede capacità tattiche e sangue freddo (per non lasciarsi prendere dalla foga di avere tutte le carte e subito). Ultima (ma non meno importante) componente che rende Slay the Spire un gran gioco è la possibilità di combinare le carte e cercare tra essere la giusta sinergia per sfruttarle al meglio, in buona sostanza il titolo di Mega Crit ripropone quelle che nei giochi di carte fisici (alla Magic di turno per intenderci) viene definito "combo". Sopravvivere al dungeon non è cosa facile, il sistema roguelite garantisce al giocatore di avere a disposizione sempre più carte man a mano che vengono eseguite run ma c'è da dire che il gameplay è ben bilanciato e la morte non è un evento estremo anzi, si finisce secchi al tappeto un gran numero di volte. Durante l'esplorazione del dugeon ci si trova poi a fronteggiare diversi tipi di nemici, da quelli comuni più semplici da tirare giù a quelli Elite più tosti e, solitamente, con un bottino migliore. Slay the Spire è un gioco che gioca la sua partita (scusate il gioco di parole!) nella capacità del giocatore di cercare un costante equilibrio con scelte prese a mente fredda e una pianificazione attenta risorse che il titolo gli metterà a disposizione volta per volta. 
 
Slay the Spire
 

L'arte e la tecnica di Slay the Spire

Approfondiamo insieme la componente artistica e tecnica di questo piccolo gioiello, partiamo subito col dire che i ragazzi di Mega Crit hanno fatto un ottimo lavoro dal punto di vista della direzione artistica: Slay the Spire è dannatamente intrigante sia per le scelte di design che per il modo in cui il titolo di pone rispetto al mondo di gioco e al genere id appartenenza. Se è vero che la Guglia viene presentata come un'orribile calamità dall'altro è anche vero che i vari avversari vengono spesso ridicolizzati o rappresentati in modo ironico; non si prendono (e non vengono presi) mai troppo seriamente, con immagini alle volte caricaturali e alle volte tragicomiche. La scelta di adottare questa direzione ha il doppio vantaggio di mantenere un'atmosfera scanzonata anche dopo la milionesima morte e quello di offrire al giocatore un background si stra-abusato ma carico di particolarità e differenze rispetto alla massa. Ci sono particolarmente piaciuti i design dei tre protagonisti: ispirati e originali, sopra tutto Defect con quella sua aurea steampunk che si sposa incredibilmente bene con tutto il background artistico del titolo. Un po' sottotono invece il comparto audio che non è riuscito a stupirci ne a colpirci come ci sarebbe piaciuto facesse. Sul versante tecnico non abbiamo molto da dire, il titolo è strutturato in maniera molto semplice e non necessita di forza bruta per poter mostrare le sue carte migliori. Chiudiamo portandovi un'altra buona notizia: il titolo è localizzato in italiano, anche i non anglofoni non faranno quindi fatica a interpretare correttamente le funzioni delle varie carte. 
 
 
Sfoglia la galleria

Slay The Spire

Slay the Spire è il gioco di carte / rouguelite che non ti aspetti. I ragazzi di Mega Crit sono stati in grado di proporre una meccanica di gioco solida, che si apprende velocemente, estremamente personalizzabile e profonda. Non fatevi intimorire da queste parole, Slay the Spire risulta fruibile sia dai più freddi calcolatori appassionati di Cardbuilding game fino ai neofiti che vogliono approcciarsi a questo mondo per la prima volta. La nostra prova su XBOX One non ha mostrato problemi di sorta ma vi ricordiamo che il titolo è disponibile anche su Nintendo Switch e che, dal nostro punto di vista, teniamo a consigliarvi quest'ultima versione per potersi godere Slay the Spire anche in mobilità.

9

Trama 6

Gameplay 9

Arte e tecnica 9

Pro:

longevità al top

bella meccanica di gioco

Contro:

l'audio si potevamo migliorare

Potrebbe interessarti anche

Slay the Spire è disponibile anche su XBOX One (e in game pass)

Slay the Spire è disponibile anche su XBOX One (e in game pass)

Slay the Spire è disponibile su Xbox One e Xbox Game Pass

Slay the Spire arriva su Switch il 6 giugno

Slay the Spire arriva su Switch il 6 giugno

Mega Crit e Humble Bundle sono entusiasti di annunciare che Slay the Spire arriverà su Nintendo Switch il 6 giugno 2019.

Slay the Spire verra' rilasciato su Switch nel 2019

Slay the Spire verra' rilasciato su Switch nel 2019

Humble Bundle ci fa sapere che Slay The Spire arriverà su Nintendo Switch nel corso del 2019

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store