8.5

Recensione Silence per Nintendo Switch - Torniamo nei Whispered World

Abbiamo parlato di Silence diversto tempo fa ed eravamo rimasti ammaliati dall'avventura di Daedalic Entertainment. Riviviamo insieme le avventure di Noah e Renie si Nintendo Switch.

Di nuovo a Silence

Ci sono avventure che rimangono nel cuore, a prescindere dalla piattaforma su cui girano, a prescindere dal numero di poligoni che muovono sullo schermo. Se dovessimo annoverare un'avventura grafica che ci ha emozionato e incantato non potremmo che citare Silence. Il titolo dei ragazzi di Daedalic Entertainment è apparso su praticamente tutte le piattaforme, mancava giusto quel Nintendo Switch che sta attirando a se indie da ogni dove. Eccoci quindi a parlare di questo, ennesimo e ben riuscito porting. Partiamo dalle cose che funzionano alla grande e stiamo parlando della trama che (non essendo stata modificata di una virgola) funziona ancora alla grandissima. Ovviamente la componente narrativa in un'avventura grafica è un elemento cardine dell'esperienza stessa e da questo punto di vista non avrete di che lamentarvi. Andiamo invece a verificare le cose che non funzionano tanto (o quanto meno che funzionano parzialmente) e stiamo parlando del sistema di controllo. Cerchiamo di scendere nei dettagli e andiamo ad analizzare i controlli di Silence: da un porting su Switch solitamente ci aspettiamo che gli sviluppatori utilizzino al meglio ogni componente che l'ibrida di casa Nintendo mette a disposizione e, nel caso di un'avventura grafica punta e clicca l'utilizzo del touch screen renderebbe l'esperienza di sicuro molto naturale: ecco Silence per Nintendo Switch non implementa questa possibilità ed è un vero peccato. Certo potete utilizzare gli analogici esattamente come su XBOX One per esempio ma è un vero peccato avere a disposizione un touchscreen e lasciarlo li inutilizzato. Tecnicamente parlando Silence si comporta molto bene, la grafica del titolo Daedalic Entertainment risplende letteralmente sul piccolo monitor di Switch e il titolo mostra dei veri e propri piccoli quadri a schermo. L'unico difetto che abbiamo riscontrato è nei tempi di caricamento, eccessivamente lunghi, sopratutto se paragonati alle altre versioni. 
  
Silence per Nintendo Switch
  

Di avventura e animazione

Silence (nel titolo completo Silence - The Whispered World 2) inizia dove si concludeva The Whispered World. Nel precedente capitolo avevamo lasciato Noah risvegliato dal coma tra le braccia del padre. Di nuovo dobbiamo prendere il controllo di Noah (e di sua sorellina Renie) e vivere un'avventura che ci lascerà a bocca aperta. Non è necessario aver giocato il precedente capitolo per poter godere appieno dell'esperienza proposta da Daedalic Entertainment.
 
Silence
 

La trama di Silence per Nintendo Switch

Silence inizia con i due protagonisti, Noah e Renie che scappano da un bombardamento che ha preso di mira il loro villaggio, Noah recupera la sorellina intenta a giocare con le amiche per portarla nel bunker al riparo dalle bombe che si apprestano a cadere sulla città.
Inizia così Silence, con un paese in fiamme e una guerra che incombe, con due fratelli orfani che cercano rifugio in una cantina per avere salva la vita. Mentre all'esterno i bombardamenti continuano senza sosta Noah cerca di tranquillizzare Renie fino a quando anche il loro rifugio viene colpito, e comincia così l'avventura.
Andare oltre e rischiare di rovinarvi una bellissima storia sarebbe crudele e stupido, nel video qui sopra potete vedere l'introduzione del gioco fino all'arrivo a Silence. La narrazione in Silence è il fulcro portante del titolo, le ambientazioni e le situazioni che vivranno i protagonisti ci faranno restare più di una volta a bocca aperta. Silence è questo, il viaggio di due fratelli in un mondo fantastico dove la guerra sembra esserne fuori, o forse no? 

Silence
 

Il gameplay di Silence per Nintedo Switch

Abbiamo provato la versione Nintendo Siwtch di Silence e non abbiamo trovato grossi problemi nell'utilizzo del titolo in modalità handled, Silence è un'avventura grafica di stampo abbastanza classico (anche se in questo caso non abbiamo inventario presente) e solitamente questo genere di giochi soffre della mancanza di mouse su console. A parte rari casi il gioco risulta perfettamente fruibile con il pad alla mano, ed è una notizia decisamente buona perchè Silence è un gioco che merita di essere giocato dal maggior numero di persone possibile.
Per aiutare Noah e Renie nella loro avventura ci viene chiesto di risolvere semplici enigmi utilizzando gli elementi presenti a schermo, in alcuni casi per risolvere nostri problemi e in altri per aiutare gli abitanti di Silence a risolvere i loro problemi (e alcuni ne hanno anche di grossi).
Se vi aspettate un'avventura che vi spacchi il cervello in due per risolvere enigmi al limite dell'impossibile (come ad esempio succede nell'ottimo The Witness) siete nel posto sbagliato, in Silence regna la narrazione e la vicenda di Noah e Renie è la vera protagonista del titolo. Il titolo dura circa otto ore, un tempo più che accettabile per godere appieno dell'avventura, considerato che non troverete "allungamenti di brodo" per tirare il titolo ad una longevità gonfiata.
 
Silence
 

Ma è un quadro!

Graficamente parlando, Silence è annoverabile tra i titoli più belli visti di recente. Una direzione artistica fuori parametro e una realizzazione tecnica senza la minima sbavatura lo mettono sul podio dei titoli visivamente più belli che mi è capitato di prendere in mano negli ultimi tempi. 
A differenza del predecessore, Daedalic ha abbandonato lo stile fumettoso per dedicarsi ad una grafica di animazione che non sfigurerebbe se proposta in un film. I dettagli sono curati maniacalmente e la differenza tra fondali e elementi interattivi è così labile che vi capiterà spesso di utilizzare il pulsante dedicato ad evidenziare gli oggetti presenti a schermo per poterli notare. 
Le musiche presenti in Silence vi resteranno nel cuore, un po' per l'ottimo arrangiamento e le fantastiche melodie ma forse, anche per la malinconia che pervade le composizioni proposte.
Vi capiterà in più di un'occasione di fermarvi a guardare un ambiente e farne uno screenshot per poter immortalare la scena e usarla come sfondo del desktop.
 
Silence

Silence

Silence è un'avventura grafica che vi prenderà il cuore, vi terrà incollati allo schermo fino alla conclusione e che vi farà riflettere più volte durante il suo svolgimento. Silence riesce a trattare argomenti pesanti con leggerezza e malinconia sfruttando a pieno le capacità del "media videogioco", utilizzando una grafica azzeccatissima e di sicuro impatto con una colonna sonora che chiude il cerchio di eccellenza artistica del titolo. Il titolo è sottotitolato in italiano, doppiato (ottimamente) in inglese, non esistono quindi barriere linguistiche per i non-anglofoni.

8.5

Trama 8

Gameplay 8

Arte e tecnica 8

Pro:

artisticamente emozionale

godibilissimo su switch

Contro:

nessuna novità

niente touch-screen

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store