10

Recensione Red Dead Redemption 2 - Largo al Re degli open world

Rockstar Games segna un'altra tacca nella storia dei videogiochi con un titolo che cambia radicalmente il mondo degli open world. Red Dead Redemption 2 è il nuovo metro di paragone del genere.

Un pugno nello stomaco

Red Dead Redemption 2 è un vero e proprio pugno nello stomaco, qualcosa che stordisce, che stupisce e di cui non riesci a capacitarti. Sia chiaro, tutti ci aspettavamo un gran gioco ma Rockstar Games è riuscita a fare di più: Red Dead Redemption 2 è una perla unica, un pezzo di storia del videogioco che trascina il giocatore in un mondo vivo e vibrante, qualcosa che non si era mai visto nel mondo dei videogiochi. Se volete saperne di più sul titolo e volete sapere le motivazione del 10 qui sotto leggete la nostra recensione di Red Dead Redemption 2.

Red Dead Redemption 2

La trama di Red Dead Redemption 2

Prima di parlare della storia di Red Dead Redemption 2 (anche se possiamo anticiparvi che non vi diremo molto per non rovinarvi assolutamente niente) vogliamo discutere un attimo di quello che è che rappresenta Red Dead Redemption 2. Forse siamo partiti già un po' prevenuti in positivo sul titolo (visto che abbiamo amato alla follia il primo Red Dead Redemption) ma l'ultima fatica di Rockstar Games è qualcosa che scuote le fondamenta del genere open world per come viene esso stesso inteso. Spesso nelle nostre recensioni abbiamo scritto che "libertà d'azione e narrazione non vanno d'accordo", bene: Red Dead Redemption 2 è qui a dimostrare che ci sbagliavamo e di grosso. L'anno è il 1899: l'America sta cambiando, il Selvaggio West sta vivendo una profonda mutazione e la civiltà sta prendendo il sopravvento. I treni, le città e il progresso stanno spazzando via un intero modo di vivere e si sopravvivere. La legge, più organizzata che in passato, sta rastrellando le varie band criminali e chi cerca di opporsi viene eliminato senza pietà. La banda di Dutch van der Linde, un gruppo di fuorilegge trova impossibile convivere con questo nuovo mondo e così organizza un'ultima grande rapida a Blackwater. Purtroppo le cose non vanno come sperato e i nostri si ritrovano con l'FBI alle calcagna e le bande rivali intenzionati a banchettare con i resti della nostra compagnia. Questo è il quadro narrativo che Rockstar Games dipinge per noi e con cui ci mette subito a confronto. La banda è in fuga sulle montagne, per chi pensasse che nella banda ci sono solo tagliagole e uomini d'arme si sbaglia di grosso, la carovana include infatti tutto quello che i membri hanno: moglie, figli ed amici. Noi vestiamo i panni di Arthur Morgan un criminale fedelissimo di Dutch van der Linde che cerca di guidare la banda verso la salvezza. una volta riusciti a trovare rifugio sulle montagne inizia la vera e propria avventura e noi, da questo punto in avanti non vi diremo oltre. 

Red Dead Redemption 2
 

Il gameplay di Red Dead Redemption 2

Red Dead Redemption 2 non è riuscito "solo" a fare la magia per quanto riguarda il punto di incontro tra narrativa e open world ma anche dal punto di vista del gameplay il titolo Rockstar Games lascia il segno per varietà di possibilità e dinamiche in game. I concorrenti hanno molto da apprendere da quanto gli sviluppatori hanno portato sui nostri schermi: per certi versi possiamo definire Red Dead Redemption 2 come un simulatore di vita da Far West. No non spaventatevi: Red Dead Redemption 2 non è un The Sims ambientato agli inizi del '900 ma piuttosto i ragazzi di Rockstar hanno cercato (e ci sono in gran parte riusciti) di portare i giocator in un mondo credibile, vivo ed estremamente reattivo. Arthur può infatti interfacciarsi con praticamente qualsiasi personaggio che incontra nel suo cammino e non solo, ogni npc con cui avremo a che fare è a sua volta legato ad altri npc presenti in gioco. Questo vuol dire che se per esempio partecipiamo in una rissa al Saloon del caso gli abitanti della cittadina si ricorderanno di noi e reagiranno diversamente al nostro passaggio, ricordandoci quello che abbiamo fatto. Ma il livello di interazione col mondo di gioco non si ferma qui: se commettiamo dei crimini infatti sulla nostra testa comparirà una taglia e dovremo tornare presto sui nostri passi se non vogliamo trovarci la legge alle calcagna e non solo. Oltre alle interazioni sociali con gli sconosciuti dobbiamo anche riuscire a mantenere dei buoni rapporti con i nostri compagni della banda: l'equilibrio della banda di Dutch Van Der Linde è infatti spesso precario e al suo interno convivono diverse correnti di pensiero e diversi modi di vedere il mondo. Oltre allo svolgimento delle missioni principali Arthur può dedicarsi anche ad una nutrita schiera di missioni secondarie, è incredibile (anche da questo punto di vista) la capacità di Rockstar Games di creare side quest estremamente interessanti e profonde difficilmente distinguibili da quelle principali. Inoltre Arthus verrà tempestato, durante le sue cavalcate, da una serie di eventi laterali a cui spetterà solo a noi se prendervene parte oppure no. Girovagando per il mondo di gioco siamo incappati in strani tizi, uno di questi stava cercando di togliere un chiodo dallo zoccolo del proprio cavallo e chiedeva aiuto ai bordi della strada, una volta scesi da cavallo per cercare di dargli una mano il cavallo dello sconosciuto gli ha tirato un calcio colpendolo a morte e a noi è rimasta la scelta se derubare il cadavere oppure no. Ogni scelta fatta nel gioco influenzerà il nostro onore e il nostro livello di onore influenzerà i rapporti che abbiamo con le persone. Tra le varie attività a cui possiamo dedicarci (oltre che a numerosi minigiochi come il domino o le carte) Arthur può dedicarsi alla caccia e alla pesca e qui si apre un vero e proprio mondo a parte: il nostro alter ego infatti ha una serie pressocchè infinita di possibilità per cacciare i più svariati tipi di animali, dai semplici conigli fino alle bestie leggendarie, possiamo usare armi di grosso calibro o arco e frecce, utilizzare esche o eliminare le prede a suon di dinamite, l'unico limite è la nostra fantasia. E negli scontri a fuoco? Come si comporta Red Dead Redemption 2 armi alla mano? Decisamente bene, ma prima di iniziare a parlarne dobbiamo fare una piccola premessa: stiamo parlando di armi di inizio '900 quindi dimenticatevi delle semi-automatiche viste in Call Of Duty 4: Black Ops, qui le armi rispondono molto più lentamente e negli scontri a fuoco dovete impegnarvi molto di più rispetto a quello a cui eravate abituati a Grand Theft Auto V ad esempio. Le armi necessitano di essere caricate e, fuori dai combattimenti dobbiamo anche prendercene cura tenendole pulite. Durante gli scontri possiamo scegliere che genere di approccio tenere e se farci aiutare o meno dai nostri compagni (e possiamo dirvi che l'intelligenza artificiale che comanda i nostri compagni è abbastanza sveglia e reattiva, così come quella dei nostri avversari). Arthur dal canto suo ha un asso nella manica: il Dead Eye, esattamente come John Marston (ah dobbiamo dire che vedere John di qualche anno più giovane ci ha fatto un certo effetto) è in grado di rallentare il tempo e riuscire a sparare più colpi in sequenza seminando morte e distruzione. Ovviamente non è possibile usare questo sistema all'infinito poichè per ricaricare la barra del Dead Eye dobbiamo utilizzare degli oggetti specifici. Oltre a tutto questo Arthur ha delle possibilità di interazione davvero ampie a disposizione: possiamo saltare su carri in corsa, assaltare diligenze, aggredire o discutere con i passanti e tutta una serie di azioni alternative. Red Dead Redemption 2 non lesina nemmeno nella sua componente di crescita del personaggio, quasi da gioco di ruolo: da un certo punto di vista il sistema di gioco sembra mutuato da Grand Theft Auto San Andreas, dobbiamo infatti prenderci cura di Arthur da molteplici punti di vista: dobbiamo nutrirlo (e tenere sotto controllo il suo peso), curarne l'aspetto fisico poichè, a seconda di "quanto siamo conci" la gente reagirà diversamente ai nostri dialoghi. Non dobbiamo prenderci cura solo del nostro eroe, ma anche del suo equipaggiamento e della sua tenda da campo, aggiungendo elementi o, grazie al sistema di crafting costruire e creare nuovi oggetti utili nel mondo di gioco. Poteva, in un gioco di questa profondità, mancare le cura del nostro (o dei nostri) fedele destriero? Ovviamente no: i cavalli rivestono un ruolo fondamentale nel mondo di gioco: sono il nostro mezzo di trasporto ma non solo, durante il corso del gioco dobbiamo aumentare il feeling col nostro destriero se vogliamo che risponda meglio ai nostri comandi e migliori le sue performance. Dobbiamo nutrire anche i cavalli, pulirli e prenderci cura di loro, nel caso vengano feriti gravemente possiamo cercare di rimetterli in sesto grazie a speciali tonici o porre delicatamente fine alle loro sofferenze. Come avrete ben capito Red Dead Redemption 2 non ha un solo protagonista: Arthur è infatti, per certi punti di vista, il portavoce di un mondo di gioco che è il vero punto cardine del gioco, vivo, vibrante e pulsante di attività da svolgere e, sopratutto, che risponde in modo incredibilmente realistico alle nostre azioni e a quello che succede intorno. Un tale livello di interattività ambientale non si era mai vista prima in un videogioco, nemmeno nel mai troppo osannato The Witcher 3 (un altro esempio di mondo di gioco protagonista).

Red Dead Redemption 2


L'arte e la tecnica di Red Dead Redemption 2

Ed eccoci infine a discutere della componente artistica e tecnica di Red Dead Redemption 2 e anche in questo caso dobbiamo tessere le lodi del lavoro svolto da parte dei ragazzi di Rockstar Games. Red Dead Redemption 2 è semplicemente incredibile anche dal profilo tecnico, dobbiamo fare una precisazione così da togliere subito l'elefante dalla stanza: la differenza tra le versioni per XBOX One X e Playstation 4 Pro e le controparti su XBOX One e Playstation 4 sono evidenti. Spesso ci è capitato di scorgere grosse differenze tra le versioni "pompate" delle piattaforme dell'attuale generazione (sopratutto quando si parla di XBOX One X) ma le differenze in questo caso sono davvero schiaccianti. Fatta la doverosa premessa possiamo dire che anche i possessori di XBOX One e Playstation 4 si potranno godere un west come non si era mai visto su console (e PC) ma per chi è un appassionato di dettagli ovviamente dovrà scendere a compromessi su queste versioni (sopratutto quando si parla di fps e risoluzione). Per il resto il lavoro dal punto di vista tecnico ha dell'incredibile, a parte il caricamento iniziale infatti vi troverete a poter girovagare per una mappa sterminata, ricca di dettagli e dove la fisica è presente in ogni angolo. Il ciclo giorno e notte di Red Dead Redemption 2 ci ha lasciato di stucco per la realisticità con la quale il giorno e la notte si alternano, con i colori e la luminosità del mondo di gioco che cambia in modo continuativo e quasi senza "stacchi" riuscendo a trasmettere una sensazione di "realisticità" senza precedenti. Un'altra particolarità che ci ha lasciato di stucco è la realizzazione delle foreste e degli ambienti naturali, il leitmotiv della produzione sembra essere credibilità dell'ambiente e in effetti anche in questo frangente Red Dead Redemption 2 fa miracoli. La vegetazione è proporzionata, funzionale al gameplay ma credibile e realistica, varia e perfettamente integrata con tutto quello che la circonda siano esse colline, laghi o sentieri. Quanto detto per la flora vale anche (anzi in misura ancora maggiore) per la fauna: Red Dead Redemption 2 offre un "catalogo di animali" impressionante e ognuno di essi è dettagliato come se fosse la componente principale del gioco. Giusto per farvi un esempio: praticamente all'inizio del gioco avrete a che fare con un branco di lupi, ecco il modo in cui si muovono, in cui avanzano nella neve, come reagiscono ai colpi della vostra pistola ha dell'incredibile; in qualsiasi altro gioco avremo visto una varietà importante di animali ma non abbiamo mai notato una cura tanto profonda come in questo caso.  La stessa cura che gli sviluppatori hanno riposto nella realizzazione della componente naturale la ritroviamo anche negli ambienti rurali, i vari villaggi e le città sono dettagliati e "vivi", se entrate in una drogheria troverete la merce esposta, potete vederla e scegliere cosa acquistare direttamente dai banconi e non da uno sterile menù. In città inoltre la popolazione vive la propria vita, con i cicli "naturali" che vengono correttamente rispettati nel gioco, questo vuol dire che non troverete sempre i negozio aperti come non troverete sempre gli stessi npc ad attendervi negli stessi punti ad ogni ora dl giorno e della notte. Solitamente nelle nostre recensioni dividiamo l'argomento "realizzazione artistica" dalla "componente tecnica" perchè i due "nuclei" sono effettivamente affrontabili separatamente, in Red Dead Redemption 2 è invece molto difficile parlarne in modo asettico perchè la parte tecnica è direttamente collegata a quella artistica in modo del tutto indissolubile: gli elementi presenti nel gioco, i dettagli sono spesso legati a doppio filo col gameplay e con la realizzazione del mondo di gioco. Se dovessimo riassumere il nostro parere su come gli sviluppatori hanno deciso di ricreare questo periodo storico (e questo ambiente di gioco) possiamo semplicemente dire che hanno svolto un lavoro che va al di là di ogni nostra più rosea aspettativa: il Far West di Rockstar Games è il miglior west su cui abbiamo posato gli occhi. Dopo aver parlato di flora, fauna e mondo di gioco non ci resta che elogiare il lavoro svolto sul protagonista e sui personaggi principali e secondari: le animazioni che muovono Arthur e gli altri NPC sono un numero spropositato, ad esempio: quando siamo in combattimento e colpiamo gli avversari non è facile capire quando abbiamo colpito a morte un nemico perchè semplicemente non esiste una sola animazione che indica la morte, ma sono molteplici e variano a seconda di dove abbiamo colpito il malcapitato, quanti colpi gli abbiamo inferto, la sua posizione ecc ecc. In Red Dead Redemption 2 grande importanza viene data anche alla recitazione: la qualità esplosa in questo frangente ci ha lasciato senza parole sia per la componente sonora (i doppiatori inglesi hanno svolto in lavoro incredibile) che per le animazioni facciali: simili animazioni le abbiamo viste in pochissimi altri titoli e, certamente, non in questo numero. Approposito di doppiaggio e localizzazione: Red Dead Redemption 2 è sottotitolato in italiano e completamente doppiato in inglese: ogni elemento del gioco è accessibile a chi non conosce la lingua d'Albione. La qualità della traduzione è molto buona anche se non eccelsa ma consente comunque a chiunque di poter usufruire del gioco anche a chi non conosce l'inglese. Chiudiamo il paragrafo dedicato alla componente artistica e tecnica parlando del comparto audio che riveste un ruolo importantissimo nella produzione. Red Dead Redemption 2 offre al giocatore una serie di campionature audio di tutto rispetto: dai versi degli animali al frusciare degli alberi nel vento fino al suono delle tormente di neve o dei colpi delle nostre armi da fuoco: anche in questo caso la parola d'ordine è realismo. La colonna sonora è varia e orchestrata alla perfezione, perfettamente adatta e, anche in questo frangente, funzionale al gameplay: gli accompagnamenti sonori infatti si adattano alle scene che vedete sullo schermo enfatizzando i momenti più importanti. Chiudiamo con un piccolo dettaglio che farà la gioia dei perfezionisti e di chi desidera davvero buttarsi a capofitto nel mondo di gioco: in Red Dead Redemption 2 potrete seguire degli spettacoli teatrali: ebbene questi spettacoli sono dei veri e propri show, non sono "messi li a caso" ne arrangiati alla bene meglio, sono degli spettacoli (e ce ne sono diversi nel mondo di gioco) che raccontano storie, tutti con un loro copione. Se avete voglia (e tempo) provate a seguirli, scoprirete un lato di Red Dead Redemption 2 che forse non immaginavate nemmeno esistesse.

Red Dead Redemption 2

Red Dead Redemption 2

Non abbiamo mai dato un 10 ad un gioco prima d'ora. Abbiamo assegnato dei 9 e anche dei 9,5 ma il 10 è sempre stato il "gradino in più", siamo consapevoli che la perfezione non esiste e che nessun titolo è perfetto ma, al momento in cui scriviamo, Red Dead Redemption 2 è semplicemente inavvicinabile per qualsiasi altro titolo (dello stesso genere ovviamente). Mai prima d'ora ci siamo trovati davanti ad un simile livello di dettaglio e ad una produzione che non presentasse difetti evidenti o problematici per il gioco stesso. Siamo consci del fatto che quello che ha realizzato Rockstar Games è difficilmente replicabile (chi si può permettere di pubblicare un gioco ogni cinque anni e puntare su di esso praticamente tutto con un budget in grado di far impallidire le produzioni hollywoodiane? Red Dead Redemption 2 rappresenta il gradino più alto di una lunga catena evolutiva che ha visto gli open world crescere e migliorare costantemente. Siamo anche consci che Red Dead Redemption 2 non è un titolo per tutti, necessita di tempo e di attenzioni è un gioco che non si può affrontare con partite mordi-e-fuggi, questo non vuol dire però che è un titolo che tutti devono provare assolutamente, anche solo per rendersi conto di cosa può fare il media videoludico oggi, nel 2018. 

10

Trama 10

Gameplay 10

Arte e tecnica 10

Pro:

immenso e dettagliato

storia che non dimenticherete

Contro:

controlli migliorabili

lento in alcuni frangenti

Potrebbe interessarti anche

Red Dead Redemption 2 e la sua colonna sonora

Red Dead Redemption 2 e la sua colonna sonora

Riprendendo l'evocativo accompagnamento sonoro del primo Red Dead Redemption, la colonna sonora di Red Dead Redemption 2 è un toccante viaggio negli ultimi giorni dell'era americana dei fuorilegge.

Red Dead Redemption 2 registra il miglior weekend di lancio di tutti i tempi

Red Dead Redemption 2 registra il miglior weekend di lancio di tutti i tempi

Rockstar Games è orgogliosa di annunciare che l’acclamato Red Dead Redemption 2 ha registrato il singolo miglior weekend di lancio di sempre nella storia dell’intrattenimento.

Red Dead Redemption 2 è finalmente disponibile

Red Dead Redemption 2 è finalmente disponibile

Rockstar Games, etichetta di Take-Two Interactive Software, è orgogliosa di annunciare che Red Dead Redemption 2 è ora disponibile per PlayStation 4 e Xbox One.

Arrivano gli sticker di Red Dead Redemption 2

Arrivano gli sticker di Red Dead Redemption 2

Manca ormai pochissimo al rilascio di Red Dead Redemption 2 e Rockstar Games ha appena rilasciato gli sticker dedicati al gioco.

Preparati per Red Dead Redemption 2: informazioni sul lancio

Preparati per Red Dead Redemption 2: informazioni sul lancio

Con l'uscita di Red Dead Redemption 2 pochi giorni di distanza, vogliamo condividere alcune informazioni per prepararti al meglio a quest'epica avventura nel cuore di un'America dura e selvaggia. 

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store