9

Recensione Mortal Kombat 11 - Largo al re dei picchiaduro

Torna una delle serie più amate dai videogiocatori di tutto il mondo: Nethereaml Studio presenta Mortal Kombat 11, scopriamo insieme come se la cava questo violentissimo picchiaduro.

Il ritorno dell'ultra-violenza

Fin dal suo esordio la serie di Mortal Kombat si è sempre distinta dal resto dei picchiaduro (e non solo) per la massiccia dose di violenza. Ricordo ancora distintamente quando vidi il primo cabinato di Mortal Kombat in sala giochi e, ancora meglio, quando infilai la cartuccia nel Mega Drive: "FINISH HIM" risuonano ancora chiaramente nella mia mente. Di acqua ne è passata sotto i ponti, e anche di anni ne sono trascorsi, e oggi siamo qui per raccontarvi la nostra opinione sull'ultimo capitolo di casa Netherealm Studio: scopriamo insieme Mortal Kombat 11.
 
Mortal Kombat 11
 

La trama di Mortal Kombat 11

E iniziamo a parlare del titolo pubblicato da Warner Bros partendo, come al solito, dalla trama. Solitamente quando parliamo di picchiaduro non ci soffermiamo molto sulla componente narrativa e non perchè non vogliamo farlo ma perchè, solitamente, questa parte è lasciata ai margini e funge più da scusante per far scontrare diversi lottatori che da vero e proprio traino per il gioco. Ecco questo non è assolutamente il caso di Mortal Kombat 11: il titolo guidato dallo storico lead designer di Mortal Kombat Ed Boon, fonda invece le sue fondamenta proprio sulla narrazione e sulla sua storia. Calmiamo subito gli animi, non ci troviamo di fronte ad un capolavoro di scrittura, ne ad una narrazione esente da difetti ma, considerando quello che viene solitamente proposto per il genere non possiamo che dirci stupiti dai risultati ottenuti dal team di NetherRealm Studio. Mortal Kombat 11 inizia esattamente dove il precedente capitolo (il riuscitissimo Mortal Kombat X) aveva lasciato i nostri eroi. Senza volervi spoilerare nulla vi possiamo dire che il filmato iniziale vede la presentazione di un nuovo personaggio: Kronika, un semidio in grado di controllare lo scorrere del tempo, personaggio che entra in gioco per riportare l'equilibrio in un universo dove "i buoni" sembrano avere il sopravvento: un universo, di fatto, sbilanciato verso il bene. Forte dei poteri di cui dispone Kronika inizia quindi a tessere la sua tela per tornare ad un bilanciamento tra le forze del bene e quelle del male ed eliminare Lord Raiden è uno degli obiettivi con cui dovrà fare i conti. Grazie ad una serie di espedienti decisamente riusciti, i ragazzi di NetherRealm Studio hanno così riesumato dei personaggi scoparsi e sono riusciti a mettere a confronto diverse "versioni" degli stessi. La trama di Mortal Kombat 11 però non viene dipanata nella modalità storia ma si divincola anche attraverso le torri dove, a seconda del personaggio scelto, avremo modo di scoprire di più sulle disavventure dei vari combattenti. 
 
Mortal Kombat 11
 

Il gameplay di Mortal Kombat 11

Anche se abbiamo detto che la parte di narrazione e trama è ben sviluppata nel titolo NetherRealm Studio, il cuore della produzione resta saldamente legato al gameplay (e meno male). Mortal Kombat 11 prosegue sulla falsa riga di quanto iniziato dal suo predecessore e dal quel Injustice 2 che ci aveva stregato diverso tempo fa (se volete saperne di più potete leggere la nostra recensione di Injustice 2). Mortal Kombat 11 riesce a dimostrarsi un titolo decisamente malleabile: adatto a tutti i tipi di giocatori, dai novizi ai più esperti esponenti della scena picchiaduro mondiale. Per riuscire in questo intento Ed Boon e i suoi ragazzi sono riusciti a tradurre per tutti i giocatori meccaniche complesse (come la conta dei frame, contrattacchi ecc) in maniera moderatamente semplice con un sistema di tutorial molto efficace e una palestra virtuale dove ci possiamo allenare e apprendere tecniche, combo e mosse speciali senza problemi (supportati per altro da delle ottime meccaniche di IA). A differenza di tanti altri picchiaduro Mortal Kombat 11 si mette in mostra per il suo target combo system, il sistema di concatenamento dei colpi vero punto distintivo della serie: non viene chiesto al giocatore un tempismo perfetto per poter assestare una serie devastante di combo (come invece predilige la scuola giapponese). Ma non è solo grazie al sistema di combo che Mortal Kombat 11 si presenta come uno dei migliori picchiaduro sulla piazza: anche i Krushing Blow rappresentano una interessante novità e un'importante freccia nell'arco dei giocatori: dei colpi speciali attivabili in determinate condizioni che causano un danno maggiorato rispetto alle controparti "normali". In questa nuova versione spariscono le "X-ray" per far posto ai Fatal Blow: delle mosse speciali attivabili una sola volta per match (e solo quando la barra della salute scende al di sotto del 30%): i Fatal Blow sono in grado di infliggere un numero considerevole di danni e di capovolgere le sorti di un incontro. Inutile dire che pad alla mano Mortal Kombat 11 è una vera e propria delizia: ogni personaggio (e stiamo parlando di più di venti kombattenti) ha i suoi punti forti e deboli e offre ai giocatori un approccio particolare al gameplay. Se tutto questo pensate possa essere già molto dovete fermarvi e mettervi comodi perchè non è finita qui: ogni personaggio è infatti personalizzabile: sia dal punto di vista estetico che da quello di gameplay; potete infatti scegliere che special assegnare al vostro kombattente e renderlo quindi più vicino al vostro stile di combattimento. Ovviamente, nei tornei ufficiali si possono usare solo delle build "pre-confezionate" in modo da rendere gli scontri sempre bilanciati. Abbiamo parlato di personalizzazione estetica e, anche da questo punto di vista, è stato fatto un lavoro encomiabile da parte degli sviluppatori: gli oggetti utilizzabili sono tantissimi e per poterli fare vostri potete combattere nelle torri oppure affrontare la Kripta: in Mortal Kombat 11 torna infatti questa modalità quasi "dungeon-crawler" che ci consente di raccimolare denaro ed elementi esplorando l'isola di Shang Tsung. Ovviamente non mancano le torri klassiche, quelle a tempo, scontri contro la CPU, scontri multiplayer in locale e in multiplayer remoto: insomma la produzione NetherReal è davvero impressionante. 
 
Mortal Kombat 11
 

L'arte e la tecnica di Mortal Kombat 11

Mortal Kombat 11 mostra la sua eccellenza anche nella componente artistica e tecnica: partiamo proprio da questa componente per poi parlare delle scelte stilistiche del team di Ed Boon. Il titolo Warner Bros è disponibile per tutte le piattaforme: XBOX One, Playstation 4, PC e Nintendo Switch: si avete letto bene, anche su Nintendo Switch. Abbiamo provato la versione XBOX One ed è su questa piattaforma che si basa la nostra recensione ma abbiamo avuto modo di informarci anche sulla versione Nintendo Switch e sembra che Mortal Kombat 11 si comporti egregiamente anche sulla piccola ibrida di casa Nintendo garantendo i 60 fps, sacrificando qualche dettaglio grafico sull'altare della giocabilità: una scelta che ci sentiamo di condividere pienamente. Basato sull'Unreal Engine, Mortal Kombat 11 riesce a mostrare un comparto grafico di forte impatto: ricco di dettagli e carico di una violenza che rischia di lasciare spiazzati. Durante le nostre partite non abbiamo mai notato rallentamenti o freeze e il titolo non ha mai "perso un frame". Per parlare della componente artistica dobbiamo necessariamente parlare della violenza che il titolo mette in mostra senza tropi problemi: dalle famosissime fatality passando dalle brutality o dalle varie Fatal BlowKrushing Blow: insomma preparatevi a vedere organi lanciati per lo schermo, fiumi di sangue, teste mozzate e chi più ne ha più ne metta. Ispiratissimo il character design sia dei nuovi combattenti che delle vecchie guardie: dobbiamo fare anche un plauso al doppiaggio in italiano che abbiamo trovato decisamente azzeccato e ben fatto. Parlando di doppiaggio italiano rassicuriamo tutti sul fatto che Mortal Kombat 11 è completamente tradotto in italiano sia per quanto concerne i testi scritti che per l'audio. 
 
Mortal Kombat 11

Mortal Kombat 11

E' difficile non rimanere frastornati dalla mole di contenuti (e dalla loro qualità) che il team di Ed Boon ha messo in campo sul progetto "Mortal Kombat 11". NetherRealm Studio è riuscita a concentrare tutto quello che ha reso un successo Mortal Kombat ed elevarlo a potenza: se state cercando un titolo pregno di contenuti, giocabilissimo e godibilissimo sia in compagnia che in singolo, sia che siate neofiti o professionisti Mortal Kombat 11 è il picchiaduro che fa per voi.  Se dobbiamo trovare un difetto a tutti i costi dobbiamo volgere lo sguardo verso le microtransazioni che rischiano di minare la varietà di combinazioni disponibili per i nostri personaggi.

9

Trama 8

Gameplay 9

Arte e tecnica 9

Pro:

storia avvincente

tecnicamente eccellente

gameplay solido

Contro:

microtransazioni

Potrebbe interessarti anche

A giugno parte la Mortal Kombat 11 Pro Kompetition

A giugno parte la Mortal Kombat 11 Pro Kompetition

Warner Bros, NetherRealm Studios e Intersport hanno rivelato nuovi dettagli per l'imminente Mortal Kombat 11 Pro Kompetition 2019/2020

NVIDIA ha appena pubblicato i Game Ready Driver Mortal Kombat 11

NVIDIA ha appena pubblicato i Game Ready Driver Mortal Kombat 11

NVIDIA ha appena pubblicato i Game Ready Driver Mortal Kombat 11 per i laptop gaming della serie GTX 16 e GPU GTX 1650 di recente annuncio.

Mortal Kombat 11 arriva al Comicon di Napoli!

Mortal Kombat 11 arriva al Comicon di Napoli!

Il Picchiaduro di NetherRealm grande protagonista della kermesse partenopea che si svolgerà dal 25 al 28 aprile

Mortal Kombat 11 è finalmente disponibile

Mortal Kombat 11 è finalmente disponibile

L'ultimo titolo della saga di NetherRealm Studios tanto acclamata dalla critica offre l'esperienza di gioco di Mortal Kombat più profonda e personalizzata che mai

Warner Bros annuncia la Mortal Kombat 11 Pro Kompetition 2019/2020

Warner Bros annuncia la Mortal Kombat 11 Pro Kompetition 2019/2020

Una competizione mondiale aperta con nove tornei che condurranno a un'unica finale con un montepremi totale di oltre 250.000 €

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store