8

Recensione Morbid: The Seven Acolytes per Nintendo Switch - Alla ricerca dei Sette

Se siete alla ricerca di un titolo appagante e non banale siete nel posto giusto: scoprite Morbid: The Seven Acolytes nella nostra recensione della versione Nintendo Switch

Sette, come i peccati capitali

Dark Souls e FROM Software hanno fatto da apripista per un vero e proprio nuovo genere videoludico, se il titolo di Hidetaka Miyazaki sembrava all'inizio destinato ad un pubblico davvero di nicchia, con la potenza del passaparola e una incrollabile fiducia della software house Dark Souls ha saputo letteralmente creare un genere: quello dei souls-like. Abbiamo recensito più titoli appartenenti a questo grande genere, dalle produzioni indie come l'eccellente Salt And Santuary (date una letta alla nostra recensione se volete saperne di più) fino a produzioni di software house con titoli come The Surge 2 (e anche qui se siete curiosi e avete tempo, dedicate dieci minuti alla nostra recensione di The Surge 2). Oggi siamo qui per parlarvi ancora di un souls like in pixel art che ha saputo attirare da subito la nostra attenzione: stiamo parlando di Morbid: The Seven Acolytes di Still Running. Se siete pronti a gettarvi nella mischia di un mondo tetro e gotico seguiteci nella nostra recensione di Morbid: The Seven Acolytes per Nintendo Switch.
 

 

La trama di Morbid: The Seven Acolytes

Come si può, in questo mondo così rapido e frenetico soffermarsi a discernere le produzioni che possono sembrare interessanti da quelle che sono, più o meno, delle mere fotocopie o fac simile di titoli originali? Il mercato videoludico segue delle mode, come tutto il resto del mondo del resto e, da quando FROM Software ha fatto letteralmente la sua fortuna grazie ad un titolo punitivo, spietato e "hard core" per definizione, in tanti si sono portati in scia cercando di produrre titoli che potessero, in qualche modo, cercare di seguire le orme di Dark Souls. Abbiamo visto risultati altalenanti con titoli di sicuro spessore e altri decisamente meno riusciti. Si perchè per creare un souls like come si deve non basta mettere riempire una mappa di avversari più o meno cazzuti, no bisogna sapere creare la giusta atmosfera, condire il tutto con una lore e una narrazione sottesa, miscelare con una certa difficoltà (certamente) il tutto ma stare attenti a non esagerare. Deve essere proprio da questi elementi che i ragazzi di Still Running hanno iniziato a pensare al loro Morbid: The Seven Acolytes.
 
Partiamo proprio dall'universo narrativo del titolo pubblicato da Merge Games, in Morbid: The Seven Acolytes ci ritroviamo con il nostro protagonista su una spiaggia, in quello che sembra, a tutti gli effetti, il luogo di un naufragio. Il regno di Mornia è sotto il gioco di un male che ha radici profonde, un male che si manifesta grazie ai Gahars e alle loro rappresentazioni terrene fatte di esseri orribili che sembrano usciti dai libri di H.P. Lovecraft. Non sappiamo perchè siamo li, ma sappiamo che il nostro compito è quello di estirpare il male dai Sette: sette terribili mostri (chiamati appunto i Seven Acolytes) in cui alberga il male che sta mettendo in ginocchio il mondo di Mornia. Così, con questa certezza in cuore, ci accingiamo ad addentarci in questo regno con un obiettivo per chiaro: salvare Mornia
 
La trama, come spesso accade in questo genere di giochi, è molto semplice, le informazioni che abbiamo a disposizione sono poche e molto di quello che scopriremo lo scopriremo grazie a libri, testimonianze ed elementi che troveremo nell'esplorazione del mondo di gioco. Purtroppo però Morbid: The Seven Acolytes non è tradotto in italiano e chi non ha dimestichezza con la lingua d'Albione rischia di perdersi molti dei dettagli che il mondo di gioco porta alla sua attenzione.
 

 

Il gameplay di Morbid: The Seven Acolytes

Altro caposaldo delle produzioni souls like è da ricercarsi nella difficoltà dell'avventura tarata su un livello medio/alto (dove più è alto più il titolo diventa di nicchia e quindi "importante" per alcuni). State tranquilli Morbid: The Seven Acolytes è un titolo che offre un livello di sfida interessante ma mai impossibile, per intenderci non vi troverete mai davanti a muri come quelli che potete incontrare in Sekiro: Shadows Die Twice ad esempio. Iniziamo quindi parlando della componente che, sicuramente, vi interesserà maggiormente: il combat system. Morbid: The Seven Acolytes strizza l'occhio ad un approccio più simile a quello di Bloodborne piuttosto che a quello di Dark SoulsMorbid: The Seven Acolytes premia l'uso della schivata più che della parata (tant'è che nel titolo non sono praticamente presenti scudi). Abbiamo giocato a Morbid: The Seven Acolytes su Nintendo Switch e abbiamo trovato il sistema di comandi comodo ed efficace per il tipo di gioco, forse un po' legnoso all'inizio ma ci si fa presto l'abitudine.
 

In Morbid: The Seven Acolytes non sono presenti scudi, sono considerati inutili, meglio utilizzare altri approcci per avere la meglio sui nemici

 
Sempre parlando di combat system vi farà piacere sapere che in Morbid: The Seven Acolytes potrete avere a che fare con diverse tipologie di armi: si passa dalle lame delle spade e delle asce fino ad arrivare ai cannoni delle armi da fuoco passando per tirapugni e mazze di varia natura. Il titolo di Still Running offre al giocatore una varietà di approccio all'avventura davvero completa e permette ad ogni giocatore di creare il proprio stile di combattimento a seconda dell'equipaggiamento indossato. Resta chiaro e ben inteso che determinate combinazioni funzionano meglio contro alcuni avversari ma è sempre possibile adattare il proprio sistema di combattimento per trovare "la giusta strada" verso la vittoria. Anche in Morbid: The Seven Acolytes è presente un sistema di salvataggio stile Dark Souls e anche in questo caso dovrete sempre prestare molta attenzione a decidere se e dove salvare. 
 
Ovviamente le boss fight sono uno dei componenti chiave del titolo e dobbiamo dire di essere rimasti piacevolmente colpiti da quelle presenti in Morbid: The Seven Acolytes. Pur senza poterle definire "memorabili" ci sono sembrate varie e ben strutturate in grado di mettere in difficoltà il giocatore ma fornendo sempre una chiave di lettura chiara su come approcciare il boss di turno. Pad alla mano Morbid: The Seven Acolytes si lascia giocare molto bene, non abbiamo notato input lag e la reattività di Striver (la nostra protagonista) ci ha soddisfatto. 
 

 

L'arte e la tecnica di Morbid: The Seven Acolytes

Morbid: The Seven Acolytes è un titolo che sa sfruttare a dovere le ambientazioni disegnate e messe su schermo dai suoi sviluppatori. Avvertirete il senso di decadimento del regno di Mornia fin dai primi minuti che passerete con il pad in mano. I ragazzi di Still Running hanno messo a video un'idea molto chiara di quello che volevano per il loro titolo e hanno cosparso nel mondo di gioco una serie di riferimenti, più o meno velati, alla lore della loro creazione. Girovagando ed esplorando troverete documenti, oggetti e luoghi che vi racconteranno qualcosa di più sul regno di Mornia e sui Sette. 
 
Anche tecnicamente Morbid: The Seven Acolytes ha saputo soddisfare le nostre aspettative: il titolo gira decisamente bene su Nintendo Switch e la realizzazione tecnica si attesta su ottimi livelli. La pixel art è dettagliata al punto giusto, non troppo esagerata e decisamente riconoscibile. Lo stile gotico di Morbid: The Seven Acolytes rende il titolo differente da tante altre produzioni simili ed evita i classici stereotipi dei dark fantasy che hanno inondato le nostre console e pc per parecchio tempo. 
 
Buona anche se non eccellente la colonna sonora, non che sia di cattiva fattura ma certamente non si può definire memorabile. 
 

 

Morbid: The Seven Acolytes

Morbid: The Seven Acolytes è un souls like in grado di soddisfare pienamente gli appassionati dei titoli difficili ma non impossibili. La sua impostazione con visuale dall'alto permette di avere una visione del mondo di gioco e dei combattimenti più ampia rispetto a titoli come Sault & SanctuaryBlasphemous. Se siete alla continua ricerca di souls like avete trovato un altro titolo da aggiungere alla vostra collezione.

8

Trama 8

Gameplay 9

Arte e tecnica 8

Pro:

decisamente sfidante

buon combat system

Contro:

manca la localizzazione in italiano

a tratti dispersivo

Potrebbe interessarti anche

Il soulslike in pixe art Morbid: The Seven Acolytes è disponibile

Il soulslike in pixe art Morbid: The Seven Acolytes è disponibile

L'action adventure di Still Running e Merge Games, Morbid: The Seven Acolytes è disponibile

Svelata la data d'uscita di Morbid: The Seven Acolytes

Svelata la data d'uscita di Morbid: The Seven Acolytes

Vivi un epico gioco di ruolo isometrico su PC, Xbox One, PlayStation 4 e Nintendo Switch

Morbid: The Seven Acolytes avrà anche una versione fisica

Morbid: The Seven Acolytes avrà anche una versione fisica

Morbid: The Seven Acolytes arriverà quest'anno su PlayStation 4 e Nintendo Switch

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store