7

Recensione Lightbearer - We Happy Few torna con un DLC decisamente Rock & Roll!

We Happy Few si espande con un nuovo DLC dedicato a Nick Lightbearer. Vediamo insieme come se la cava la rock star più strafatta del pianeta!

It' Rock & Roll baby!

Siete appassionati di musica? Avete il rock nelle vene? Bene allora forse è il caso che continuiate a leggere le prossime righe perchè oggi parliamo del secondo DLC di We Happy Few, controverso titolo di Compulsion Games pubblicato da GearBox Publishing che abbiamo recensito diverso tempo fa. Gli sviluppatori avevano promesso dei DLC che avrebbero ampliato e sfruttato il mondo di gioco e così è stato anche per Lightbearer, ma ora bando alle ciance, imbracciamo la chitarra elettrica e proseguiamo nella nostra recensione di Lightbearer per We Happy Few.
 
Lightbearer - We Happy Few 

La trama di Lightbearer (We Happy Few)

Come abbiamo anticipato in apertura e come avevano promesso gli sviluppatori, anche questo secondo DLC (contenuto nel Season Pass di We Happy Few o acquistabile separatamente) è fortemente incentrato sulla narrazione e sulla trama e vuole andare ad espandere ulteriormente il mondo di gioco visto in We Happy Few. Questa volta non vestiamo i panni di un "comune" censuratore ma ci mettiamo negli sbirluccicanti panni di una rock star e più precisamente di Nick Lightbearer famoso non solo per la sua musica ma anche, e forse sopra tutto, per la quantità di droghe che il nostro "eroe" si fa da mattina a sera. Quello che è stato il chitarrista più famoso del distopico mondo messo in piedi dai ragazzi di Compulsion Game sta vivendo però uno dei suoi momenti più grigi o per meglio dire neri della sua esistenza e le cose volgono ancora al peggio quando si sveglia ricoperto di sangue con vaghi ricordi e la radio della polizia che avvisa la popolazione di prestare attenzione ad un nuovo serial killer.

E' questo l'incipit che ci riporta, prepotentemente, nell'universo di We Happy Few. Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad una sorta di "fuga" iniziale dove dobbiamo cercare di raccapezzarci per tirare le fila e fare mente locale (per quanto possibile) sull'accaduto e su come poterne uscire. Non andremo oltre parlando della trama ma siamo rimasti piacevolmente colpiti dall'intreccio narrativo che il DLC è riuscito a dare e, sopra tutto, a come si fonde perfettamente col mondo di gioco che abbiamo già avuto modo di approfondire durante la nostra recensione di We Happy Few. Sappiate però che la longevità di questo DLC non è eccelsa e ci saremmo aspettati qualcosa in più, magari qualche approfondimento ulteriore sulla vita passata di Lightbearer.
 
Lightbearer - We Happy Few
 

Il gameplay di Lightbearer (We Happy Few)

Non si vedono solo nel comparto narrativo le novità di questo DLC e Lightbearer introduce anche qualche nuova meccanica di gioco legata, ovviamente, alle capacità stesse del nostro anti-eroe Nick Lightbearer. Essendo un musicista Nick ha un approccio al mondo prettamente legato alla sua chitarra e alle sue capacità di utilizzarla per farsi aiutare dai cittadini o per colpire pesantemente i vari avversari. Anche se il sistema non ci è sembrato propriamente originale possiamo garantire che funziona alla grande nel mondo di gioco di We Happy Few. Possiamo decidere volta per volta come sfruttare le nostre competenze musicali: possiamo scaraventare a terra gruppi di avversari con un accordo killer, oppure possiamo affrontare un avversario alla volta usando un riff più delicato (ma non per questo meno efficacie). Se volete invece condizionare i vostri fan e farvi difendere da loro potete suonare una delicata serenata. Utilizzare la propria chitarra come arma "psicologica" non è però l'unica novità presente in questo contenuto aggiuntivo anzi, l'altra interessante introduzione è legata ai trip allucinogeni che il nostro protagonista farà e, un po' come accadeva nella serie di Far Cry, trasforma il mondo di gioco in un ambiente onirico a tinte horror dove è sempre difficile riuscire a distinguere la realtà dalla fantasia.

Ci saremmo aspettati un maggior approfondimento di queste meccaniche che abbiamo trovato divertenti ma, a tratti, un po' fini a se stesse. Restano invece invariate il resto delle meccaniche viste nel titolo principale così come le interazioni che possiamo avere con il mondo di gioco e i suoi folli abitanti. Pad alla mano Lightbearer si dimostra giocabile e godibile, ovviamente se non eravate rimasti soddisfatti dal sistema di controllo del capitolo principale difficilmente cambierete idea con questo DLC perchè da questo punto di vista non ci sono variazioni di sorta. 
 
Lightbearer - We Happy Few
 

L'arte e la tecnica di Lightbearer (We Happy Few)

Parlando di componente artistica in Lightbearer dobbiamo dividere in due grossi tronconi il nostro discorso: la parte prettamente grafica e quella sonora. Sul primo punto non ci dilungheremo molto anche perchè i ragazzi di Compulsion Games hanno tenuto le stesse linee guida del capitolo precedente ed infatti abbiamo adorato lo stile che pervade anche questo DLC che, di contro, aggiunge se possibile ancora più follia al già pazzo mondo di We Happy Few. Sul versante sonoro invece siamo rimasti un po' con l'amaro in bocca e no, non perchè questa parte non sia stata curata, ma perchè ci saremo aspettati molto di più. Il DLC è incentrato su un protagonista che è legato a doppio filo con la musica e speravamo (e pensavamo) che gli sviluppatori andassero ad approfondire proprio questa parte invece la componente sonora è stata trattata come tutte le altre. Ci saremmo aspettati qualche riferimento in più ai pezzi che avevano reso famoso Lightbearer, magari andando ad approfondire questi elementi con dettagli e particolari più presenti nel titolo. Per il resto Lightbearer si difende bene sul profilo tecnico e si porta in dote tutti i pregi e difetti che abbiamo già evidenziato al tempo della nostra recensione di We Happy Few. Infine vi ricordiamo che anche questo DLC (come il resto del Season Pass e del titolo base) sono localizzati in italiano (solo sottotitoli) e con una traduzione che possiamo definire ben fatta anche se non eccelsa.
 
Sfoglia la galleria

We Happy Few

Lightbearer è un DLC che fa il suo dovere e che ci riporta, piacevolmente, nel mondo di gioco di We Happy Few. Se avete adorato la psichedelia e le atmosfere folli del titolo base non potete lasciarvi scappare questo contenuto aggiuntivo che vi riporta nel mondo distopico di Compulsion Games con un punto di vista leggermente diverso da quello vissuto nella campagna base. Di contro si ha la sensazione che i contenuti del DLC finiscano troppo presto e forse qualche approfondimento in più sulla vita di Nick Lightbearer avrebbe aiutato il giocatore ad immedesimarsi nella parte.

7

Trama 7

Gameplay 7

Arte e tecnica 8

Pro:

storia interessante

interessanti le nuove meccaniche

Contro:

trama un po' breve

Potrebbe interessarti anche

Online la recensione di We Happy Few

Online la recensione di We Happy Few

E' online la nostra recensione di We Happy Few, l'ultimo titolo concepito dalla mente dei brillanti ragazzi di Compulsion Games

We Happy Few: pubblicato un nuovo trailer!

We Happy Few: pubblicato un nuovo trailer!

We Happy Few arrivera' anche in Australia

We Happy Few arrivera' anche in Australia

We Happy Few arriva il 10 agosto: nuovo trailer

We Happy Few arriva il 10 agosto: nuovo trailer

We Happy Few: Svelato il personaggio femminile e la finestra di lancio

We Happy Few: Svelato il personaggio femminile e la finestra di lancio

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store