8

Recensione Kingdoms of Amalur Re-Reckoning per XBOX One - Ritorno ad Amalur

Uno dei titoli più sottovalutati della precedente generazione di console arriva in una versione remastered, stiamo parlando di Kingdoms of Amalur, ecco la nostra recensione di Kingdoms of Amalur Re-Reckoning

Una storia iniziata male

Correva l'anno 2012, Electronic Arts voleva creare il proprio RPG di successo, quello che in buona sostanza potesse diventare il concorrente diretto di The Elder Scrolls di Bethesda38 Studios aveva tutte le carte in regola per creare un vero e proprio capolavoro, un All Stars team di tutto rispetto: R.A. SalvatoreTodd McFarlaneKen Rolston (Lead designer di Oblivion), insomma con un gruppo così c'era da aspettarsi un titolo che sbaragliasse il mercato e invece le cose non sono andate così, Kingdoms of Amalur Reckoning fu un buon gioco ma non certamente un successo sperato. Sembrava che l'IP fosse andata perduta invece THQ Nordic ha ripreso in mano le redini e ha dato ai ragazzi di KAIKO (già autori dell'ottima remastered di Darksiders) il compito di portare il titolo sulle piattaforme dell'attuale generazione col nome di Kingdoms of Amalur Re-Reckoning. Se vi è piaciuto il titolo originale o se non ne avete mai sentito parlare ma volete comunque sapere come è andata questa operazione di remastered seguiteci nella nostra recensione di Kingdoms of Amalur Re-Reckoning per XBOX One.
 
Kingdoms of Amalur Re-Reckoning recensione
 

La trama di Kingdoms of Amalur Re-Reckoning

Nell'introduzione abbiamo già accennato a come è nato Kingdoms of Amalur Reckoning, non abbiamo però detto come è andata a finire la storia e, purtroppo, la storia è andata a finire molto male (almeno per 38 Studios). Il titolo arrivò in un momento particolare del mercato, di titoli belli da giocare ce ne erano molti, il team di sviluppo aveva fatto promesse molto "ingombranti" e i direttori del progetto facevano presagire un titolo indimenticabile. Purtroppo però la critica (e anche il pubblico) non fu entusiasta del risultato, intendiamoci, il gioco era bello, interessante, vendette anche bene ma la situazione economica di 38 Studios era decisamente compromessa. Fatto sta che, casini su casini la software house fu chiusa e il "progetto Amalur" (di cui Reckoning doveva essere solo il primo tassello) fu abbandonato, almeno fino all'arrivo di THQ Nordic che ha acquisto l'IP e che ha riportato il titolo in questa generazione con la remastered di cui parliamo in questa recensione.
 
Ma parliamo della trama di Kingdoms of Amalur Re-Reckoning e, soprattutto, del suo mondo di gioco, partiamo dal presupposto che il titolo vanta un mondo originale e nuovo creato dalle mani dello scrittore R.A. Salvatore. L'incipit della trama è abbastanza semplice: il regno di Amalur è sotto scacco, tutto il continente della Faelandia infatti è minacciato da Gadflow, un fae (una delle razze presenti nel mondo di gioco), ha preso il comando e ha l'obiettivo di porre tutto il regno sotto il suo controllo, costi quel che costi. Tutto sembra perduto, i morti non si contano e Amalur sembra davvero vicino alla fine, quando lo gnomo Fomorous Hugues (uno degli gnomi più importanti e intelligenti del regno) riesce a completare la sua ultima creazione: il Pozzo delle Anime. Il Pozzo delle Anime ha un unico scopo, riportare in vita i caduti e non per creare degli zombi al proprio servizio, ma per riuscire a donare la vita ad una persona senza destino, che sia cioè immune al controllo che Gadflow riesce ad esercitare sul fato. Un risorto risulterebbe infatti esterno alla tela del destino e quindi in grado di modificare il futuro del mondo di Amalur. Migliaia di tentativi non vanno a buon fine fino al nostro arrivo: siamo noi i prescelti per salvare il regno.
 
La prima cosa che ci viene chiesta in Kingdoms of Amalur Re-Reckoning è quella di creare il nostro alter ego, possiamo scegliere tra diverse razze e diverse classi, la creazione del personaggio è abbastanza classica, l'editor di gioco era sufficientemente completo per il 2012 e abbastanza stretto per come siamo abituati oggi ma, a voler ben guardare non manca nulla. Inutile dire che la main quest ci porta in un mondo di gioco vario, pieno di cose da fare e persone da incontrare, con biomi e ambienti molto diversi tra loro. La trama scorre tranquilla e il problema che si può intravedere è quello di perdersi per le quest secondarie rischiando di dimenticarci del nostro obiettivo primario: salvare Amalur. Kingdoms of Amalur Re-Reckoning è localizzato in italiano (come il gioco originale) quindi non avrete problemi a seguire la storia anche se non conoscete l'inglese.

Ovviamente questa remastered non cambia una virgola della trama già presente nel gioco originale ma è stato annunciato un nuovo DLC che verrà rilasciato più avanti.

 
Kingdoms of Amalur Re-Reckoning recensione
 

Il gameplay di Kingdoms of Amalur Re-Reckoning

Anche sotto il profilo del gameplay questa remastered non cambia di una virgola quando di buono è stato fatto dal titolo originale ma, andiamo con ordine e partiamo con la definizione del genere: Kingdoms of Amalur Re-Reckoning è un action-RPG open world estremamente votato all'azione dove combo, equipaggiamento e le abilità dell'utente lavorano all'unisono per distruggere tutto quello che si muove a schermo. Ok, ok detta così sembra che stiamo parlando di un musou e no, Kingdoms of Amalur non è un musou. 
 
A seconda della classe che abbiamo scelto il nostro eroe avrà a disposizione dell'equipaggiamento diverso, delle abilità speciali e delle ultimate uniche. Alla base della crescita del personaggio c'è, oltre che la crescita a livello di esperienza, il recupero di nuove (e più potenti) armi in grado di sbaragliare gli avversari. Ma non sono solo con le armi che potrete fare incetta di nemici, anche le magie vi verranno in aiuto e, da questo punto di vista, Kingdoms of Amalur Re-Reckoning vi fa gestire la magia in modo molto semplice: esattamente come la barra della salute avrete a disposizione una barra del mana che vi consentirà di castare incantesimi fintanto che è piena. Se non siete amanti delle armi a corto raggio e detestate la magia non preoccupatevi, nulla vi vieta di creare un vostro alter ego "ranged" che utilizza cioè armi da distanza come archi, boomerang ecc. I combattimenti sono sempre molto action-based, non esistono turni e potrete inanellare combo e attacchi speciali uno dietro l'altro per eliminare le folte schiere di avversari che vi si pareranno davanti. Tutto il combat system è molto fluido e, pad alla mano,  Kingdoms of Amalur Re-Reckoning si lascia giocare proprio bene (anche perchè sotto questo profilo qualche modifica si nota in questa remastered).
 
Molto buona anche l'integrazione della componente narrativa con le varie quest e con il mondo di gioco: l'open world di Kingdoms of Amalur Re-Reckoning è ricco di cose da fare, di persone da aiutare e conoscere. Seppur con i suoi otto anni sulle spalle e anche se non ci troviamo davanti all'eccellente mondo ricreato in Red Dead Redemption II (giusto per dirne uno) girovagare per Amalur è piacevole e rilassante. Per certi versi le vaste distese in cui vi troverete a viaggiare ci hanno ricordato la Azeroth di World Of Warcraft (ed in effetti la struttura ludica di Kingdoms of Amalur Re-Reckoning ricorda un po' quella di MMORPG).
 
Kingdoms of Amalur Re-Reckoning recensione
 

L'arte e la tecnica di Kingdoms of Amalur Re-Reckoning

Al tempo della sua uscita Kingdoms of Amalur Reckoning mostrò un design a una resa visiva in linea con le aspettative, XBOX 360 e Playstation 3 avevano sicuramente mostrato titoli graficamente migliori ma Kingdoms of Amalur "bucava il video" e, forse grazie alla sua direzione artistica, sembrava molto migliore di quello che (forse) in effetti era. Da questa remastered ci saremmo aspettati molto di più (visto anche l'ottimo lavoro che i ragazzi di KAIKO hanno svolto con la Darksiders Warmastered Edition) e invece il risultato è estremamente deludente. 
 
Andiamo con ordine e partiamo dalle buone notizie: tutto quello che concerne la direzione artistica del titolo è rimasto pressochè invariato, ritroverete quindi gli ambienti di Amalur che forse ricordate ancora (se come noi avete amato il titolo alla sua uscita), ritroverete le varie razze, gli avversari e il mondo di gioco partorito dalla mente di Todd McFarlane. Le buone notizie però finiscono qui perchè sotto il profilo tecnico il lavoro svolto è quasi impercettibile, la remastered è stata fatta in modo svogliato, sembra senza cuore. Non c'è un vero lavoro di pulitura delle texture, la mole poligonale è rimasta identica e il mondo di gioco soffre ancora di quella foschia che affliggeva diversi giochi della precedente generazione. Anche i menu di gioco non sono stati minimamente toccati, l'interfaccia è rimasta identica e, con le nuove risoluzioni, risulta sgranata e davvero brutta da vedere. Anche sotto il profilo delle performance non ci sono stati miglioramenti: insomma sembra che KAIKO e THQ Nordic non abbiano voluto sfruttare fino in fondo l'occasione di dare un nuovo volto al mondo di Amalur.
 
Buono il comparto sonoro, epico come il titolo originale, anche sotto questo profilo dobbiamo però evidenziare gli stessi problemi del comparto tecnico: in buona sostanza non c'è stata una vera e propria rimasterizzazione.
 
Kingdoms of Amalur Re-Reckoning recensione

Kingdoms Of Amalur: Re-Reckoning

Ma se Kingdoms of Amalur Re-Reckoning è un lavoro fatto "a metà" perchè gli abbiamo affibbiato un roboante otto? Beh perchè è un gioco che merita una seconda possibilità, è divertente, immediato e con una bella trama e se per voi la grafica non è un elemento essenziale (e non ci avete ancora giocato) dovete farlo. Ok, KAIKO ha fatto un lavoro con i piedi sul profilo della remastered vera e propria ma il valore Kingdoms of Amalur Re-Reckoning va ben oltre questa versione rimasterizzata. La nostra speranza è che questa remastered sia il primo passo verso dei nuovi episodi (e THQ Nordic ha già fatto operazioni simili con Titan Quest ad esempio) e il DLC annunciato è già un'ottima notizia in questo senso.

8

Trama 7

Gameplay 8

Arte e tecnica 5

Pro:

si torna ad amalur

gameplay diversificato

background interessante

Contro:

pessima rimasterizzazione

tecnicamente scadente

Potrebbe interessarti anche

Kingdoms of Amalur: Re-reckoning è ora disponibile per PC, XBOX One e Playstation 4

Kingdoms of Amalur: Re-reckoning è ora disponibile per PC, XBOX One e Playstation 4

I giocatori che hanno già acquistato il gioco originale, ottengono uno sconto fedeltà del 50%

Kingdoms of Amalur: Re-Reckoning si mostra in un nuovo video gameplay

Kingdoms of Amalur: Re-Reckoning si mostra in un nuovo video gameplay

Segui il sentiero della Forza

Pubblicato il primo gameplay trailer per Kingdoms of Amalur: Re-Reckoning

Pubblicato il primo gameplay trailer per Kingdoms of Amalur: Re-Reckoning

La release date di remasterd di Kingdoms of Amalur si sta avvicinando sempre più

Kingdoms Of Amalur: Re-Reckoning arriverà l'8 settembre su PS4 e XBOX One

Kingdoms Of Amalur: Re-Reckoning arriverà l'8 settembre su PS4 e XBOX One

Annunciata anche la Collector's Edition e una nuova espansione

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store