7

Recensione Jump King per Nintendo Switch - Chi non salta è uno scudiero

Siete pronti a raggiungere la cima della torre per incontrare la principessa dei vostri sogni? Bene, seguiteci nella nostra recensione di Jump King per Nintendo Switch

Chi non salta servo della gleba è!

Ormai siamo in estate, le giornate sono diventate decisamente belle e, il tempo per videogiocare è sempre meno, in questo periodo spesso si prediligono giochi mordi-e-fuggi e oggi parliamo proprio di un titolo di questo stampo: ecco a voi Jump King. Se siete appassionati di medioevo e non disdegnate le avventure un po' folli continuate a leggere la nostra recensione di Jump King per Nintendo Switch perchè c'è carne al fuoco per voi!
 
Jump King recensione
 

La trama di Jump King

E' onestamente molto difficile parlare di "trama" in senso stretto in Jump King, il titolo sviluppato dai ragazzi di Nexile e pubblicato da Ukiyo Publishing infatti non offre molto sotto l'aspetto della narrazione. Come spesso accade nelle piccole produzioni indie fortemente incentrate sul gameplay il comparto narrativo è lasciato un po' a se stesso e la stessa cosa capita qui.
 
Arriviamo quindi, molto rapidamente, al sodo: nel gioco impersoniamo un cavaliere senza macchia e senza paura (e anche senza armi) che vuole raggiungere a tutti i costi la (bellissima?) principessa rinchiusa nella cima di una imponente torre (che definire solo torre è un po' troppo semplicistico forse). Tra noi e la novella Raperonzolo ci separano quindi piani e piani carichi di insidie ma non dei soliti mostri che ci sbarrano la strada ma piattaforme, un sacco di piattaforme di tutti i generi. Il nostro eroe non dovrà quindi mettere mano alla spada (che non possiede, sarà un eroe pacifista) ma potrà far solo affidamento sui suoi quadricipiti e glutei per arrivare la dove nessun cavaliere è mai giunto prima. 
 
Come potete aver ben inteso non siamo di fronte ad un premio Strega, c'è da dire che durante la nostra scalata faremo la conoscenza di tipi strani, ben caratterizzati che daranno un velo di umorismo al titolo. Le poche battute presenti non sono però tradotte in italiano (dovrete accontentarvi dell'inglese) perchè Jump King non è localizzato in italiano.
 
Jump King recensione
 

Il gameplay di Jump King

Se dal piano narrativo Jump King non offre chissà che spunti di discussione, quando ci spostiamo a parlare del gameplay le cose si fanno interessanti. Jump King è un titolo che difficilmente riuscirà ad accontentare tutti, è il classico gioco che o si ama o si odia e questo proprio a causa del suo gameplay particolare unico che non lascia scampo a vie di mezzo. 
 
Come scrivevamo poche righe sopra, in Jump King abbiamo un obiettivo unico e preciso: salvare la principessa della torre e per fare questo abbiamo a disposizione solo le nostre possenti gambe. Il nostro eroe è infatti privo di qualsivoglia arma ed è in grado di fare una sola azione: saltare. Ebbene si, nel 2020 i ragazzi di Nexile hanno sviluppato un gioco basandosi su una sola singola meccanica, resta quindi da capire se quest'ultima è in grado di reggere l'intero gameplay. 
 
Apprendere i comandi in Jump King è semplice e immediato, avrete solo due comandi da utilizzare: la levetta dell'analogico per direzionare il salto e il pulsante per effettuare il salto. Tutto molto facile penserete voi, e invece è proprio qui che le cose si complicano: premendo più o meno forte il pulsante del salto e tenendolo premuto per più o meno tempo saremo in grado di decidere l'intensità del salto e, una volta selezionata la direzione non avremo modo di modificarla. Ebbene si, Jump King è una sorta di "gioco di salti tattico" perchè un singolo millimetro potrebbe fare la differenza tra la vita e la morte (o il semplice ricominciare tutto da capo). 
 
Se è facile apprendere i comandi non si può dire la stessa cosa quando si tratta di applicare quanto di appreso direttamente sul campo, Jump King non offre un tutorial e vi troverete direttamente faccia a faccia con (l'immensa) torre da scalare. Vi renderete anche presto conto di quanto è complesso calcolare bene la traiettoria per raggiungere la piattaforma desiderata, dosare la forza del nostro prode cavaliere è molto più complesso di quello che si può pensare e alle volte il titolo ci è sembrato decisamente punitivo. In alcuni casi vi troverete a far calcoli di rimbalzo per arrivare su una piattaforma, altre volte tenterete la sorte per raggiungere una piattaforma che sembrava irraggiungibile e altre volte ancora finirete nel vuoto proprio quando eravate convinti che tutto sarebbe andato bene. 
 
Jump King recensione
 

L'arte e la tecnica di Jump King

Jump King rappresenta, sotto il profilo artistico e tecnico, la classica produzione indie: pixel art a gogo (anche di buona qualità) e un grandissimo richiamo all'inizio anni 90 dove le console 16 bit la facevano da padrona. Artisticamente parlando Jump King è un titolo che non ha da offrire spunti particolarmente unici, il design generale ricalca in gran parte i canoni del fantasy classico, anche il protagonista (fatta eccezione per le sue poderose gambe) ci è sembrato abbastanza anonimo. 
 
Tecnicamente parlando il titolo scorre fluido su Nintendo Switch e durante le nostre partite non abbiamo mai riscontrato problemi o rallentamenti vari. Questo è particolarmente importante perchè con un gameplay così punitivo avere una solida base tecnica è fondamentale: ogni volta volta che siamo morti è stato per causa nostra e non del motore di gioco che ha arrancato. 
 
Anche la colonna sonora fa la sua parte con musiche evocative che faranno da piacevole sottofondo alle vostre partite.
 
Jump King recensione 

Jump King

Jump King è un titolo con una direzione ben chiara in testa: offrire un gameplay unico nel panorama e terribilmente fedele a se stesso. In Jump King anche un singolo errore potrebbe essere fatale e, proprio per questo, dovrete mantenere la concentrazione e, soprattutto, la calma. Se volete confrontarvi con un titolo che non fa sconti e che non è in grado di offrire una grandissima varietà (proprio a causa del suo gameplay granitico) allora siete nel posto giusto.

7

Trama 6

Gameplay 7

Arte e tecnica 7

Pro:

ci si appassiona in fretta

Contro:

difficoltà artificiosamente alta

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store