Attiva la Skill Alexa di Gamernews.it

Gamernews.it Alexa Skill
6.5

Recensione Castle Kong per Nintendo Switch - Un emulo di Donkey Kong

I ragazzi di Drowning Monkeys ci riportano all'epoca del NES con il loro ultimo titolo: ecco la nostra recensione di Castle Kong per Nintendo Switch

Di scimmioni e principesse

Correva l'anno 1981 quando Nintendo portò nelle sale giochi Donkey Kong, stiamo parlando esattamente di quarant'anni fa e il mondo videoludico era molto, molto diverso di quello che tutti conosciamo oggi. Inutile dire che per l'epoca Donkey Kong era un titolo decisamente avanzato e ottenne un grande successo tantè che fu poi convertito per praticamente tutti i dispositivi disponibili (ne esisteva anche una versione Game & Watch). Ma perchè siamo andati a ripescare questo pezzo di storia del videoludo? Beh ma perchè oggi parliamo di un titolo che omaggia il famoso titolo Nintendo portando il medesimo gameplay ma ai giorni nostri. Seguiteci quindi per vedere come se la cava Castle Kong, titolo arcade sviluppato dai ragazzi di Drowning Monkeys nella nostra recensione di Castle Kong per Nintendo Switch.
 

 

La trama di Castle Kong

E' possibile parlare di trama in un videogioco che ha quarant'anni sulle spalle? Beh come abbiamo già visto più volte in passato quando si parla dei primi videogiochi l'aspetto narrativo non era certo la priorità degli sviluppatori. Da questo punto di vista anche il famoso Donkey Kong dal quale Castle Kong prende (grande) ispirazione non faceva differenze. Se nel classico Nintendo lo scopo del gioco vestivamo i panni di Jumpman con l'intento di salvare Pauline (si, la stessa che potete trovare anche nel ben più recente Super Mario Odyssey) dal temibile gorillone (Donkey Kong appunto) le cose non cambiano molto in Castle Kong.
 
In Castle Kong cambiano un po' le ambientazioni e piuttosto che vestire i panni di un carpentiere (che diventerà poi il famoso Mario) qui interpretiamo PauperBoy. un contadino che deve salvare la sua amata principessa (PrincessGirl) dal malvagio BaronMan. Ed ecco quindi che al posto del gorilla abbiamo a che fare con il classico nobile che elargisce soprusi a destra e a manca. La trama non ha molto altro da offrire, livello dopo livello siamo chiamati a tentare di salvare la principessa senza che un reale racconto scandisca i vari momenti di gioco. 
 
Non abbiamo altro da aggiungere sotto questo punto di vista se non che il fatto che Castle Kong non sia localizzato in italiano non risulta un grosso problema visto e considerato quanto poco incide la trama all'interno del titolo.
 

 

Il gameplay di Castle Kong

Se è vero che i titoli "classici" non facevano grande affidamento sul comparto narrativo è altrettanto vero che praticamente tutto il focus dei titoli di quel periodo era basato sul gameplay e anche Castle Kong non fa eccezione. La meccanica alla base del gioco è semplicissima: il nostro obiettivo è quello di raggiungere l'ultimo livello di una torre e salvare la principessa, per fare questo il nostro personaggio (PauperBoy) può saltare ed arrampicarsi salendo piattaforma dopo piattaforma evitando gli ostacoli e le trappole messe in pista da BaronMan. In buona sostanza ci si trova di fronte ad un platform a scorrimento verticale dove il livello occupa l'intera porzione dello schermo) e dove i riflessi pronti e l'attenzione generale sono i due punti di riferimento per passare dalla vita alla morte. 
 

Castle Kong dimostra come meccaniche di gameplay vecchie di quarant'anni siano ancora divertenti, ma quanto può "tenere" il divertimento in termini di tempo?


In Castle Kong però non dovrete soltanto saltare ed evitare gli ostacoli, alcuni power up sparsi per il livello (sostanzialmente dei rastrelli) permettono al nostro personaggio di distruggere elementi che ostruiscono il passaggio o eliminare le trappole che si trova di fronte. Mentre PauperBoy impugna un rastrello però perde la possibilità di saltare e quindi dovrete prestare particolare attenzione a quando recuperare questo power up. Come avrete ben inteso i comandi sono davvero molto semplici e ridotti all'osso, potete muovervi in tutte e quattro le direzioni, utilizzare il rastrello (nel caso lo troviate nel livello) e saltare. Parlando del salto dobbiamo sottolineare come anche questa meccanica molto comune sia particolarmente punitiva in Castle Kong. Esattamente come nel titolo da cui prende spunto, il nostro personaggio potrebbe vedersi una bella schermata di Game Over nel caso in cui effettui un salto troppo alto (nemmeno necessariamente troppo) e quindi dovrete prestare molta attenzione anche alla altezze da cui vi lancerete. 
 
Castle Kong riprende un'altra filosofia degli arcade dei primi anni 80: la morte permanente. La schermata di game over infatti vi riporterà ai titoli di coda e dovrete riaffrontare tutto il tragitto nuovamente (non importa dove eravate arrivati alla run precedente). A differenza di Donkey Kong il titolo sviluppato dai ragazzi di Drowning Monkeys introduce una nuova modalità chiamata Torneo, no non troverete questa voce all'interno del gioco, per partecipare a questa modalità dovrete accedere alla pagina ufficiale del gioco e seguire le istruzioni. La cosa positiva è che in palio troverete soldi veri (nel momento in cui scriviamo è attivo un torno da 3500 $). Infine vi portiamo una piccola chicca della versione Nintendo Switch: se giocate in modalità portatile potrete decidere di tenere la console in verticale o in orizzontale e questa modifica cambierà significativamente il gameplay percepito, provare per credere. 
 

 

L'arte e la tecnica di Castle Kong

Castle Kong non verrà certamente ricordato come il titolo con la miglior grafica del 2021, un po' rifacendosi all'arcade originale, un po' forse perchè la pixel art va sempre di moda, il titolo di Drowning Monkeys presenta una comparto visivo ed una direzione artistica decisamente minimale. Come potete vedere dagli screen in questa pagina Castle Kong presenta una pixel art molto semplice ma ben disegnata e chiaramente leggibile, fondamentale per supportare il gameplay espresso dal titolo. 
 
Durante le nostre partite su Nintendo Switch non abbiamo riscontrato problemi tecnici particolari, Castle Kong si lascia giocare molto bene in portabilità e i vari livelli ci sono sembrati sempre molto leggibili anche sul piccolo schermo dell'ibrida di casa Nintendo. Tempi di caricamento rapidissimi e una buona fluidità generale rendono il titolo godibile. 
 
Molto semplice anche la colonna sonora il cui unico rischio è quello di risultare ripetitiva già dopo poche partite.
 

 

Castle Kong

Castle Kong è un titolo che propone un gameplay che arriva da un lontano passato, molto lontano. I ragazzi di Drowning Monkeys sono però riusciti a prendere un sistema di gameplay datato che riesce però ad essere godibile anche ai giorni nostri. Ovviamente il titolo necessita di un minimo di "preparazione psicologica" per essere affrontato ma, siamo sicuri, che chiunque ama i videogiochi dovrebbe provare a fare almeno una partita a Castle Kong. Buona l'idea del Torneo con un premio in denaro sonante anche se non introduce chissà che fattore di rigiocabilità, e sta proprio nella rigiocabilità il più grande problema del titolo: Castle Kong rischia di venire a noia abbastanza in fretta. 

6.5

Trama 6.00

Gameplay 8.00

Arte e tecnica 6.00

Pro:

donkey kong è tornato!

gameplay semplice ma divertente

Contro:

ripetitivo e poco vario

Potrebbe interessarti anche

Castle Kong arriva su Nintendo Switch il 25 febbraio

Castle Kong arriva su Nintendo Switch il 25 febbraio

L'omaggio a Donkey Kong arrriverà su Switch il 25 febbraio

Conquistate Castle Kong e vincete 5000 $!!!

Conquistate Castle Kong e vincete 5000 $!!!

Il titolo arriverà su PC e Switch il 5 giugno

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store