7

Recensione Ash of Gods: Redemption - Hey, dove ti ho già visto?

Siete appassionati di The Banner Saga? Vi piacerebbe sapere che c'è un titolo MOLTO simile ma in un contesto narrativo diverso? Bene, siete nel posto giusto: ecco la recensione di Ash of Gods: Redemption

Un mondo in rovina

Nel mondo videoludico, come in tutti gli altri settori, creare qualcosa di originale e innovativo è particolarmente complesso. Alle volte ci è capitato di trovarci davanti a giochi che sono stati in grado di creare un vero e proprio genere (o sottogenere) a se stante, tipo Demon Souls giusto per citare il primo che ci capita per la mente; altre volte invece ci troviamo davanti a prodotti fortemente derivativi e privi di un vero e proprio spunto creativo. Ash Of Gods: Redemption rientra purtroppo nella seconda categoria di qui sopra: il titolo attinge a piene mani da quel The Banner Saga che tanto successo ha offerto al team di Stoic Studio. Scopriamo insieme pregi e difetti dell'ultimo lavoro dei ragazzi di Aurum Dust nella nostra recensione di Ash Of Gods: Redemption per Nintendo Switch.
 
Ash of Gods: Redemption
 

La trama di Ash of Gods: Redemption

Se c'è una differenza immediatamente visibile tra Ash of Gods: Redemption e The Banner Saga (perchè, è inutile che ci giriamo intorno Ash of Gods: Redemption è praticamente una fotocopia del lavoro di Stoic Studio) è nella sua componente prettamente narrativa e nella sua ambientazione. Se infatti il lavoro del team americano offre una ambientazione norrena dotata di un carisma e di uno spessore immediatamente tangibili, il lavoro del team di sviluppo cipriota ribalta le carte in tavola proponendo un racconto basato sui libri di Sergey Malitsky ambientato in un mondo dark fantasy dalle tinte decisamente oscure dove dei, semidei e grandi eroi si scontrano seminando morte e violenza.
 
Parlare di una singola trama per Ash of Gods: Redemption è forse riduttivo, il titolo offre infatti non una ma ben tre linee narrative distinte che fanno evolvere la trama in modo completamente diverso. Il giocatore è chiamato a impersonare ognuno dei tre protagonisti e vivere quindi le vicende di gioco da punti di vista completamente differenti. Come se questo non bastasse Ash of Gods: Redemption offre ben sette finali differenti, elemento che allunga di parecchio (potenzialmente) la longevità del titolo. C'è un altro piccolo dettaglio che potrebbe stuzzicare l'interesse di molti di voi: la morte di uno dei protagonisti non fermerà il proseguimento della storia.
 
Le avventure narrate in Ash of Gods: Redemption sono ambientate nel mondo di Terminum un universo flagellato da una sorta di maledizione ciclica: ogni settecento anni la Mietitura devasta un numero incalcolabile di uomini. Alcune misteriose entità, dette Mietitori, appaiono nel mondo e sterminano praticamente ogni cosa sia dotata del soffio della vita. Molti sono gli esseri che periscono sotto i colpi dei Mietitori ma una razza di esseri semi-immortali, gli Umbra, sono tra i pochi a riuscire ad opporsi a questa carneficina. Nel gioco di Aurum Dust vestiamo i panni di tre eroi che vivranno la Mietitura da punti di vista diversi e, più nello specifico, impersoneremo: Thorn Brenin un anziano militare che combatte per la salvezza di sua figlia, Hopper Rouley un Umbra il cui obiettivo è quello di cercare una soluzione al massacro e infine Lo Pheng un misterioso guerriero del nord. 
 
Non vi sveliamo nulla del racconto per non spoilerarvi nulla sullo svolgersi degli eventi nel gioco ma possiamo garantirvi che l'universo di Ash of Gods: Redemption è profondo e dannatamente sfaccettato.
 
Ash of Gods: Redemption
 

Il gameplay di Ash of Gods: Redemption

Chi ha già giocato The Banner Saga si sentirà letteralmente a casa propria in Ash of Gods: Redemption. Il titolo di Aurum Dust infatti riprende pari pari le meccaniche di gioco del titolo di Stoic Studio e qui nasce, in effetti, il primo problema del titolo: Ash of Gods: Redemption non prova nemmeno lontanamente ad innovare o modificare le meccaniche (già ampiamente sfruttate) dei The Banner Saga e rischia di passare per essere classificato come un clone senza arte ne parte. 
 
Fatta la doverosa premessa vediamo come si gioca ad Ash of Gods: Redemption, fondamentalmente il gameplay del titolo è suddiviso in tre grossi "momenti", il primo che vede il nostro eroe di turno avanzare nella trama tra viaggi, dialoghi e spunti narrativi, il secondo dove saremo chiamati a sbrigare le questioni più pratiche del nostro team in una sorta di micro-gestionale mentre l'ultimo è quello più "denso" di azione: i combattimenti. Parliamo proprio del combat system di Ash of Gods: Redemption, una volta sul campo di battaglia il titolo di Aurum Dust si presenta come uno strategico a turni dove i nostri eroi e gli avversari si muovono su una scacchiera. Le meccaniche sono quelle viste e riviste in molti altri titoli, in buona sostanza ad ogni round siamo chiamati a muovere il personaggio di turno e decidere che approccio dare alla battaglia, se schierare una difesa, castare incantesimi o attaccare gli avversari. Ovviamente ogni eroe ha delle caratteristiche uniche che lo rendono più o meno adatto a determinati tipi di approcci. Anche il numero di caselle di movimento varia in base alle caratteristiche del personaggio selezionato. 
 
Per cercare di dare maggior profondità al gameplay, i ragazzi di Aurum Games hanno introdotto un sistema simile a quello dei card game con carte che permettono di potenziare i personaggi, agire sugli avversari e via di questo passo. Anche se il gameplay di Ash of Gods: Redemption risulta abbastanza classico per il tipo di gioco non dovete pensare che portarsi a casa la vittoria sia una cosa da ragazzi: la difficoltà del titolo è infatti mediamente alta. Infine possiamo rassicurare i non anglofoni: il titolo è localizzato in italiano e la traduzione è anche di buona fattura.
 
Ash of Gods: Redemption
 

L'arte e la tecnica di Ash of Gods: Redemption

Sul fronte artistico e tecnico non abbiamo molto da dire, da questo punto di vista il lavoro svolto dai ragazzi di Aurum Studio è davvero eccellente. Se anche in questo frangente dobbiamo necessariamente constatare come la somiglianza a The Banner Saga risulti evidente, è altrettanto vero che la realizzazione pratica si attesta su livelli molto alti. 
 
Artisticamente il lavoro svolto su Ash of Gods: Redemption lascia a bocca aperta, il tratto dei disegni, l'utilizzo dei colori e la scelta delle palette cromatiche denotano un lavoro di ricerca in campo artistico di tutto rispetto. Anche la realizzazione degli ambienti di gioco e dei campi di battaglia non lascia spazio a dubbi riguardo la qualità complessiva dell'opera. Ash of Geds: Redemption riesce a regalare degli scorci che lasciano senza fiato, da certi punti di vista il gioco sembra un cartone animato della Disney degli anni novanta. 
 
Tecnicamente non abbiamo riscontrato problemi di sorta e durante le nostre partite su Nintendo Switch non hanno evidenziato bug o errori che potessero compromettere l'avanzamento nel gioco o la sua giocabilità generale. Anche il comparto audio fa la sua parte e riesce a contribuire degnamente nella creazione delle fantastiche atmosfere di gioco. 
 
Ash of Gods: Redemption
 

Ash of Gods: Redemption

Ash of Gods: Redemption è un buon titolo che non riesce a staccarsi di dosso il pesantissimo paragone col blasonato The Banner Saga. Il titolo di Aurum Studio, pur con i suoi difetti e le sue imprecisioni è riuscito a tenerci attaccati al monitor fino ai colpi finali dell'avventura complice un universo di gioco profondo, sfaccettato e molto evocativo. Consigliato agli amanti dei titoli Stoic Studio e a tutti gli appassionati di strategici a turni che potranno trovare nel titolo pane per i loro denti (soprattutto ai livelli di difficoltà più alti)

7

Trama 8

Gameplay 6

Arte e tecnica 8

Pro:

artisticamente eccellente

universo narrativo profondo e interessante

Contro:

un clone di the banner saga

Potrebbe interessarti anche

Ash of Gods: Redemption ora disponibile per PC e console

Ash of Gods: Redemption ora disponibile per PC e console

L'RPG a turni, Ash of Gods: Redemption, é disponibile

Ash of Gods: Redemption sarà disponibile il 31 gennaio

Ash of Gods: Redemption sarà disponibile il 31 gennaio

Buka Entertainment e Ravenscourt hanno annunciato la data d’uscita del loro RPG a turni, Ash of Gods: Redemption.

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store