8

Recensione in breve Song of Horror per XBOX ONE

Preparatevi a svelare i misteri della famigli Husher nella nostra recensione di Song of Horror per XBOX One

Una storia, tante storie

Halloween si avvicina e, come sempre in questo periodo dell'anno, cerchiamo di portarvi qualche contenuto "horror" in più rispetto al solito. Oggi infatti siamo qui a raccontarvi la nostra esperienza con Song of Horror, titolo scaturito dalla mente dei ragazzi di Protocol Games che, a quanto pare, hanno una grande familiarità col genere e con gli scrittori che ne hanno fatto una vera e propria ragione di vita (stiamo parlando di gente del calibro di E.A. Poe o H.P. Lovecraft ad esempio). Il tempo è tiranno e scorre molto rapidamente quindi vediamo di non sprecarlo e gettiamoci a capofitto nella nostra recensione di Song of Horror per XBOX One.
 

 

La trama di Song of Horror

Song of Horror prende spunto, come dicevamo in apertura, da dei mostri sacri della letteratura horror e queste influenze si possono notare in molti piccoli dettagli fin dai primi minuti di gioco. Tanto per iniziare dobbiamo dirvi subito che la storia raccontata nel titolo di Protocol Games non narra di una singola vicenda ma da una serie di episodi più o meno legati tra loro. Arriviamo subito al dunque e togliamo ogni dubbio: la narrazione di Song of Horror funziona e i vari episodi risultano interessanti e molto piacevoli da giocare. Il nostro scopo è quello di fare luce sul mistero che ruota intorno alla figura dello scrittore Sebastian P. Husher e della sua famiglia: tutti misteriosamente scomparsi. All'allegra famigliuola si unirà presto anche Daniel, un impiegato della casa editrice di Husher che sarà anche il primo personaggio che impersoneremo.
 
Il prologo del titolo (che vede appunto il giocatore vestire i panni di Daniel) sarà il classico elemento che farà scattare le indagini (e quindi gli episodi) successive. Non vogliamo spoilerare nulla visto che la trama è parte centrale dell'avventura ma vi basti sapere che, in ogni episodio, avrete a che fare con colpi di scena degni dei migliori Alone in The Dark (e più avanti capirete perchè abbiamo citato il classico di Frédérick Raynal). Purtroppo dobbiamo anche segnalarvi che Song of Horror non è stato localizzato in italiano e quindi dovrete accontentarvi della lingua inglese.
 

 

Il gameplay di Song of Horror

Poco sopra abbiamo citato Alone in the Dark perchè la struttura ludica di Song of Horror si rifà in modo abbastanza palese al famoso titolo di Infogrames (e di un mare di altri publisher). Non aspettatevi di trovare in Song of Horror un gameplay dinamico e action come quello visto nell'ultimo Resident Evil (e se ve la siete persi correte a leggere la nostra recensione di Resident Evil Village), Song o Horror è un adventure ricco di enigmi da risolvere, ambienti da esplorare e situazioni da comprendere. Troverete un sacco di elementi che vi faranno saltare sulla sedie e la Presenza che permea il mondo di gioco è molto più ansiogena che orribile. Sia chiaro, l'obiettivo di questo elemento soprannaturale è sempre quello di eliminarvi nel peggiore dei modi possibili ma il gioco fa più leva sulla paura che riesce a incutere con le situazioni e le ambientazioni piuttosto che con mostri vari. Eccovi quindi a prendere il controllo del personaggi di turno con una visuale in terza persona che da ampia visibilità degli ambienti ma che, necessariamente, non riesce a mostrare completamente quello che vi sta intorno facendovi saltare ad ogni più piccolo rumore "fuori posto". Abbiamo trovato il sistema di controllo efficace così come la disposizione dei comandi sul controller di XBOX.
 

Song Of Horror è un titolo che va gustato di notte, con le luci spente e un buon paio di cuffie per massimizzare la tensione


 

 

L'arte e la tecnica di Song of Horror

Artisticamente abbiamo trovato il titolo ispirato e ricco di ambientazioni ben costruite e pensate per "fare paura" anche se siamo certi che i più scafati tra voi si saranno abituati a ben di peggio. La direzione artistica è comunque ben strutturata e il gioco, pur richiamando a gran voce elementi molto classici praticamente in ogni situazione, riesce ad avere una sua anima. Dal punto di vista tecnico il titolo gira molto bene su XBOX Series X e non abbiamo trovato problemi bloccanti durante le nostre partite. Certo, l'impatto grafico non è certamente esagerato ma il tutto funziona discretamente bene. 
 

 

Song of Horror

Song Of Horror è un titolo che cerca di incutere ansia piuttosto che vera e propria paura e, se è vero che non vi farà terrorizzare, è altrettanto vero che l'ansia ve la farà salire, eccome. Buona l'idea della struttura episodica che vi mette nei panni di personaggi diversi, con ognuno un suo modo di pensare e di approcciare le situazioni. Se siete alla ricerca di un titolo da giocare nel periodo di Halloween Song of Horror potrebbe essere una scelta da prendere in seria considerazione.

8

Trama 8.00

Gameplay 8.00

Arte e tecnica 8.00

Pro:

puzzle ben strutturati

ambientazioni e atmosfera riuscite

Contro:

manca l'italiano

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store