Anteprima Ghost Recon Wildlands Closed Beta

Il nuovo titolo Ubisoft: Ghost Recon Wildlands ha dato una dimostrazione tangibile di quello che la casa francese intende per sparatutto cooperativo di nuova generazione, scopriamo come e' andata la prova della closed beta nella nostra anteprima

Sbagliando si impara

Se c'è una software house che ha sempre imparato dai propri errori è fuor da ogni dubbio, Ubisoft. Più volte Ubisoft ha dimostrato coraggio nel presentare ip nuove e di investire in progetti che altre software house avrebbero rigfiutato. Nel 2016 ha presentato al mondo The Division, un MMO FPS cooperativo basato su un mondo persistente e sulla cooperazione tra giocatori. Il titolo non era esente da difetti ma con patch e aggiornamenti gli sviluppatori hanno dimostrato di ascoltare il feedback dei fan e hanno, di fatto, migliorato continuamente il titolo. 
A marzo farà capolino sui nostri pc e sulle nostre console Ghost Recon: Wildlands, vediamo nella nostra anteprima, tratta dalla Closed Beta, come sono andate le cose questa volta.

Ghost Recons Wildlands

Il narcotraffico

Ghost Recon Wildlands ci porta nel cuore della Bolivia, dove il cartello della droga di Santa Blanca si è insediato e ha praticamente il controllo del territorio, del governo e di tutta la popolazione. Gli affari del cartello non si limitano, ovviamente alla sola Bolivia, ma l'ombra dell'organizzazione arriva fino al cuore degli USA e del Canada.
Gli Stati Uniti non possono stare a guardare dell'esterno questa situazione senza fare nulla e il governo di Washington invia sul campo i suoi agenti migliori, gli agenti della squadra Ghost per arginare e risolvere una volta per tutte la situazione.
L'obiettivo dell'operazione è eliminare El Sueño, il leader dei Santa Blanca, l'uomo che di fatto sta dietro a tutto il cartello e prende ogni singola decisione che riguarda il cartello e le sue scorribande.
Noi facciamo parte della squadra Ghost e ci troviamo direttamente sul campo, pronti ad affrontare le missioni che, volta per volta vi vengono proposte.

Ghost Recon Wildlands

La sottile linea rossa

Ghost Recon Wildlands rappresenta un po' la summa di tutta l'esperienza che Ubisoft ha accumulato in questi anni con le sue diverse produzioni. Il titolo presenta infatti una struttura open world alla Far Cry con un sistema di gioco misto mulitplayer / singleplayer. Da The Division ha preso il combattimento di gruppo e l'approccio tattico alle missioni, alla cooperazione del team e alla divisione dei compiti durante gli attacchi. L'avanzamento nel gioco è scandito dall'eliminazione di quattro capi dell'organizzazione prima di poterla decapitare eliminando il suo leader indiscusso: El Sueño.
Durante l'avanzamento nella storia è possibile allacciare rapporti con la resistenza locale, conquistare avamposti e basi per poter così sfruttare i nuovi punti strategici per avanzare durante le missioni ed avere supporto militare e tattico nello svolgimento dei nostri compiti. 
Le missioni in Ghost Recon Wildlands sono sempre basate sull'intervento di quattro militari che devono completare l'obiettivo e qui si sviluppa la parte più interessante del titolo, in quanto possiamo decidere di affrontare le missioni con amici o giocatori reali oppure se affrontarle con l'aiuto di bot comandati dall'intelligenza artificiale. 
Inutile dire che giocare con un gruppo affiatato di amici o compagni di squadra è meglio che affrontare il titolo in single player, le tattiche di gruppo che possiamo sviluppare, e che si possono col tempo raffinare, sono una parte fondamentale del gameplay di Ghost Recon Wildlands. L'intelligenza artificiale permette comunque di godere di una buona esperienza anche se desideriamo affrontare le missioni in singolo. 

Ghost Recon Wildlands

Vado in ferie in Bolivia

L'impatto tecnico della Closed Beta di Ghost Recon Wildlands presenta già una struttura da titolo praticamente pronto al mercato. Il mondo di gioco si presenta vivo e reattivo, il team è riuscito a riproporre degli ambienti realisitci sia nell'aspetto che nella cultura. Se consideriamo la vastità del mondo di gioco e il livello di dettaglio con il quale abbiamo a che fare non si può che restare a bocca aperta per il lavoro svolto e i risultati ottenuti.
Dal punto di vista dell'art direction è stata posta una grande cura nella caratterizzazione di luoghi e personaggi, i dettagli con i quali possiamo personalizzare il nostro alter ego o che contraddistinguono gli npc con cui abbiamo a che fare sono molti.
Anche dal punto di vista del sonoro il titolo Ubisoft presenta un lavoro eccellente con un audio all'altezza del resto della produzione.
Abbiamo provato la Closed Beta su XBOX One e anche sulla console di casa Microsoft la parte grafica fa la sua porca figura (non come un PC di fascia alta ma decisamente impressionante). Durante la nostra prova abbiamo riscontrato solo sporadici rallentamenti ma non abbiamo trovato problemi di lag o di connettività.
Ghost Recon Wildlands

Tom Clancy's Ghost Recon: Wildlands

Potrebbe interessarti anche

Weekend gratuito per Ghost Recon Wildlands

Weekend gratuito per Ghost Recon Wildlands

Ubisoft ha annunciato il weekend gratuito di Tom Clancy’s Ghost Recon Wildlands che si terrà dal 20 al 23 settembre su PlayStation 4, XBOX One e PC.

Ghost Recon: Wildlands: Sam Fisher arriva come special guest

Ghost Recon: Wildlands: Sam Fisher arriva come special guest

Ghost Recon: Wildlands, Ubisoft svela l'anno due!

Ghost Recon: Wildlands, Ubisoft svela l'anno due!

Ghost Recon: Wildlands: domani arriva l'aggiornamento gratuito New Assignment

Ghost Recon: Wildlands: domani arriva l'aggiornamento gratuito New Assignment

Ghost Recon: Wildlands: arriva un altro grosso aggiornamento gratuito!

Ghost Recon: Wildlands: arriva un altro grosso aggiornamento gratuito!

Scarica l'app ufficiale di Gamernews.it, è gratis

Gamernews.it app in Google Play Store