Scarica subito l'app di GamerNews.it! È gratis! Tutte le notizie dei tuoi videogiochi preferiti sempre con te!
Get it on Google Play  amazon app shop gamernews app

Recensione Moonlighter - Un po' guerriero, un po' commerciante

Le avventure di un negoziante in erba

Ci credereste se vi dicessimo che i ragazzi di 11 bit Studios hanno prodotto un titolo ibrido che cerca di mettere d’accordo roguelike, action rpg e gestionale? Strano vero? Eppure Moonlighter è proprio un titolo che ha tutte le carte in regola per entrare nella vostra ludoteca e noi siamo qui a raccontarvi il perché nella nostra recensione di Moonlighter.

Moonlighter

La trama di Moonlighter

Moonlighter non è il nome del nostro protagonista, ne il nome di una regione oscura stracarica di mostri, e no, non è nemmeno il nome di un regno lontano lontano che dobbiamo accingerci a salvare. Moonlighter è il nome di un negozio, il negozio che nostro padre ci ha lasciato in eredità. Il Moonlighter è infatti una fiorente attività commerciale nata, per sua fortuna, in un posto davvero speciale: il paese di Rynoka. Rynoka è divenuto famoso nel corso degli anni perché è situato ai margini di quattro varchi spazio-temporali che ne hanno decretato il suo successo. Orde e orde di avventurieri infatti si accingono ogni giorno ad entrare in questi varchi alla ricerca di tesori o per il puro piacere dell’avventura e dell’esplorazione. Come i tanti avventurieri che ogni giorno varcano la soglia del villaggio anche Will ha un desiderio nascosto: aprire il quinti varco, l’unico che risulta ancora impossibile ad utilizzare. Ma i desideri di Will si scontrano con la propria attività commerciale e con il suo successo. E’ così che il nostro eroe decide di intraprendere una doppia vita: di giorno Will è il proprietario di un rispettato (e rispettabile) negozio di oggetti rari giunti dai varchi e di notte indossa le vesti di avventuriero e va egli stesso ad esplorare questi dungeon, alla ricerca di tesori e, sopratutto della chiave per aprire il quinto ultimo dungeon. Come potete notare Moonlighter presenta una trama decisamente originale e, questa divisione quasi da super eroe del nostro protagonista lo rende già di per se atipico. Fatta la doverosa premessa legata a trama e narrazione passiamo al piatto forte del titolo: il suo gameplay!

Moonlighter

Il gameplay di Moonlighter

Come scrivevamo in apertura Moonlighter si presenta con un gameplay sicuramente originale: da una parte troviamo le sezioni action-rpg con una forte componente roguelike e dall’altra la parte gestionale dove dobbiamo decidere che oggetti mettere in vendita, a che prezzo e in che quantità. Partiamo subito con la prima delle due componenti di gameplay: Moonlighter ci permette di affrontare i dungeon di Rynoka in modo molto semplice: ci basterà mettere piede nel varco spazio-temporale e ci ritroveremo in un mondo completamente diverso dal nostro ridente paesino. Come accadeva in The Binding Of Isaac (potete leggere la nostra recensione di The Binding of Issac: Afterbirth+ per Nintendo Switch per farvi un’idea) Moonlighter è strutturato a stanze generate casualmente (e in genere della stessa dimensione dello schermo) dove siamo chiamati ad eliminare tutti gli avversari per poter raccogliere i drop lasciati dai nemici e passare alla stanza successiva. Il tutto finché il nostro zaino sarà pieno o finché non avremo raggiunto la fine del dungeon. I dungeon sono strutturati a livelli e dovremo affrontare diversi livelli prima di poter combattere il boss di turno e garantirci così l’accesso al dungeon successivo. Come ogni roguelike che si rispetti anche Moonlighter offre un gameplay circolare dove la raccolta degli oggetti è necessaria per il potenziamento del proprio arsenale e del nostro stesso protagonista (e in questo caso non solo visto che dovremo anche decidere cosa vendere e cosa tenere per noi). Dal punto di vista del gameplay vero e proprio e delle meccaniche del combat system Moonlighter offre un sistema semplice ma efficace e rapido da apprendere: a seconda del tipo di arma utilizzata avremo dei bonus e malus nei vari scontri, per fare un esempio se equipaggiamo la classica spada e scuso avremo una buona difesa ma saremo obbligati ad affrontare gli avversari da posizione ravvicinata, mentre usando le lance saremo in grado di colpire da distanze maggiori, ma solo in linea retta e via dicendo. I dungeon sono popolati di avversari di vario tipo, tipici dei singoli livelli e ognuno dotato di pattern di attacco diversi e da drop unici per tipo. Una volta raccolti i vari drop possiamo tornare al nostro negozio e prepararci per l’apertura del mattino successivo: è qui che inizia la seconda faccia di Moonlighter quella più gestionale e più legata alle meccaniche “commerciali” se così possiamo dire. La prima cosa che dobbiamo decidere è che componenti vogliamo mettere in vendita e quali tenere per noi e per la nostra crescita perché, se da una parte è vero che vendere i materiali e i drop ci consente di guadagnare denaro dall’altra è anche vero che se non investiamo nel nostro equipaggiamento difficilmente riusciremo ad avere la meglio nei dungeon di livello più alto. Ma non è solo di gestione del nostro negozio che dovremo occuparci, Rynoka infatti ci offre anche la possibilità di acquistare (e quindi riaprire) dei negozi che sono stati chiusi nel corso degli anni. Se decidiamo di riaprire il fabbro potremo quindi utilizzare i suoi servigi per forgiare nuove armi e armature (usando part dei drop ottenuti e parte dei soldi guadagnati dalla vendita), stesso discorso per le pozioni e così via. Dobbiamo aggiungere che una componente fondamentale del gameplay è data non solo dalla scelta degli articoli da mettere in vendita ma anche del loro prezzo. E’ proprio il meccanismo di “mercato” che si instaura tra domanda e offerta e la proporzionalità del prezzo che ci farà ragionare in merito alla messa in vendita di determinati drop piuttosto che altri e, sopratutto, a come vogliamo far evolvere il mercato in se. Moonlighter riesce a proporre un gameplay originale e fresco e riesce a staccarsi nettamente dalle altre produzioni di stampo action/roguelike.

Moonlighter

L’arte e la tecnica di Moonlighter

Moonlighter è un titolo decisamente charmy perché riesce a proporre una direzione artistica ispirata di cui si fatica a non innamorarsene. La scelta di utilizzare un approccio artistico legato a doppio filo alla pixel art ha permesso al team di sviluppo di concentrarsi sulle ambientazioni, sullo stile e sul design che hanno voluto dare alla loro opera. E’ fuor di dubbio che il lavoro svolto dagli spagnoli Digital Sun sia ottimo sotto tutti i punti di vista. Tecnicamente parlando la qualità grafica e di realizzazione del titolo è tangibile e la bravura dei grafici è ampiamente misurabile in merito. La pixel art è definita, coerente col mondo di gioco e offre animazioni di prim’ordine. Tutto questo disegna un quadro eccellente dal punto di vista tecnico e artistico. A chiudere il cerchio ci pensa l’ottimo comparto audio che tra soundtrack e effetti sonori coronano uno studio tecnico di assoluto rispetto. In definitiva quanto fatto per la parte artistica e tecnica è assolutamente rispondente le aspettative, sopratutto se si considera che la produzione è comunque stata affidata ad un team indie e, in effetti, si respira una gran passione per il lavoro svolto.

Moonlighter

Il verdetto

8,5 Il nostro voto

Moonlighter è una piccola perla. Certamente non esente da difetti come una certa ripetitività di fondo ma, d’altro canto trattandosi di un rouguelike il difetto è intrinseco nel genere stesso di appartenenza. Ottima la trovata di variare il gameplay con la parte gestionale che obbliga il giocatore a prendere decisioni importanti per il proprio avanzamento e quello della sua attività commerciale. Moonlighter si presenta come un titolo fresco e innovativo curato nei minimi dettagli e capace di attirare a se le attenzioni di una fascia d’utenza decisamente ampia.


 

Potete acquistare Moonlighter per XBOX One su XBOX Store, per Playstation 4 su Playstation Store e per PC su Steam.

Moonlighter

Ogni avventura deve appagarti Tanto tempo fa, nel corso di alcuni scavi archeologici, fu portata alla luce una serie di varchi. Ben presto la gente si rese conto che questi antichi varchi conducevano ad altri regni e nuove dimensioni. Vicino al sito archeologico fu fondato un piccolo villaggio dedito al commercio, chiamato Rynoka, che permetteva a coraggiosi e spericolati esploratori di entrare in possesso di tesori inestimabili. Moonlighter è un GdR con elementi roguelike. Scopri la routine quotidiana di Will, un negoziante avventuroso che segretamente sogna di diventare un eroe. Vita di bottega Mentre gestisci gli affari a Rynoka, puoi vendere oggetti, stabilirne il prezzo oculatamente, gestire le scorte d’oro, assumere personale e migliorare la tua bottega. Ma fa’ attenzione: dei tipi loschi potrebbero volerti sottrarre le preziosissime merci! Combatti con stile Quando affronti i vari boss e nemici, dilettati con le impegnative e articolate meccaniche di combattimento. La profondità degli scontri dipende dall’interazione tra le tue armi, le tue abilità, i nemici e l’ambiente circostante. Individua lo stile di combattimento che più ti si addice.
Condividi.

L'Autore

Gamernews.it

Gamernews.it raccoglie le notizie dai migliori siti italiani di videogiochi,le classifica, le aggrega.
Resta sempre aggiornato