Scarica subito l'app di GamerNews.it! È gratis! Tutte le notizie dei tuoi videogiochi preferiti sempre con te!
Get it on Google Play  amazon app shop gamernews app

Recensione Crash Bandicoot N.Sane Trilogy - Torna il marsupiale piu' amato del mondo videoludico

C’era una volta tanto tempo fa un peremele

Crash Bandicoot, già il solo nome porterà nella mente di molti di voi una sequela di ricordi e grandi lacrimoni, oggi siamo qui a parlare del suo (eccezionale) remake. L’ex icona di Sony Playstation si presenta in grande spolvero su tutte le piattaforme presenti sul mercato decretando, di fatto, la sua nuova natura multipiattaforma. Vediamo come se la cava il titolo originario dei ragazzi di Naughty Dog nella nostra recensione della Crash Bandicoot N.Sane Trilogy!

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy

La trama di Crash Bandicoot N.Sane Trilogy

Più che parlare della trama di Crash Bandicoot conviene fare due parole sulla sua storia, intesa come storia del brand e su come ha fatto a diventare una vera e propria icona della console di Sony. Prima di tutto bisogna considerare che, all’epoca della sua uscita, Crash Bandicoot era, già di per se, rivoluzionario. Se oggi lo vedete in gran spolvero sulle sulle attuali console e pc dovete pensare di poter giocare a questo titolo sulla prima Playstation nell’anno 1996. Certo i platform in 3D non erano una novità e Nintendo aveva già dimostrato che si potevano fare (e anche molto bene) ma Crash Bandicoot non era un vero e proprio “platform” in senso stretto, la sua impostazione lo rendeva un ibrido difficile da identificare in un genere ben preciso. E’ stato chiaro fin dalla sua prima apparizione che Crash avrebbe fatto parlare di se e, i giovanissimi ragazzi di Naughty Dog avevano già iniziato a mettersi in mostra con questa produzione. Fatto sta che dopo un ottimo esordio Sony commissiona (sempre in esclusiva) altri due titoli che segnarono altre evoluzioni nel franchise e che crearono, di fatto, il mito di Crash. Vedere il piccolo peremele girare sulla nostra XBOX One (abbiamo testato il titolo sulla console di casa Microsoft) ci ha lasciato in qualche modo di stucco e, forse, è un altro tassello di un mondo che sta cambiando. Dal punto di vista narrativo possiamo rassicurarvi sul fatto che nulla è cambiato rispetto ai titoli originali e che avete la possibilità di giocare, in totale libertà e senza vincoli di sorta, tutti e tre i capitoli nell’ordine che volete. Il nostro consiglio è quello di affrontarli nell’ordine di pubblicazione sopratutto per potersi rendere conto dell’evoluzione che Crash ha avuto negli anni (e stiamo parlando del 1996, 1997 e 1998).

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy

Il gameplay di Crash Bandicoot N.Sane Trilogy

Facciamo una piccola precisazione per valorizzare, ancora di più se possibile, il lavoro svolto dai ragazzi di Vicarious Visions (incaricati di portare Crash in questa nuova veste) è eccezionale e non stiamo parlando di una remastered ma di un vero e proprio remake. A differenza delle tante remastered che abbiamo giocato in questa generazione (forse come mai prima d’ora), Crash Bandicoot N.Sane Trilogy non è infatti la versione originale del titolo con le texture rimesse a nuovo: gli sviluppatori hanno ricreato tutto da zero, anche il feeling pad alla mano di Crash. Se dal punto di vista tecnico e artistico la differenza la si vede subito (ma ne parleremo più approfonditamente nel paragrafo successivo), da quello relativo al gameplay c’era chi aveva sollevato più di un dubbio proprio riguardo al feeling di gioco e ai cambianti a cui sarebbe potuto andare incontro. Possiamo rassicurare gli animi di tutti: Crash Bandicoot N.Sane Trilogy, pad alla mano, non è cambiato di una virgola e questo, va specificato, è un gran bene. Si bisogna “prenderci la mano”, magari in alcuni passaggi i controlli sembrano legnosi ma il lavoro svolto dagli sviluppatori ha un non so che di religiosa ammirazione verso il titolo originale e questo si evidenzia in ogni singolo salto, in ogni schivata e in ogni colpo inferto ad un nemico. Le meccaniche di gameplay di Crash Bandicoot potranno sembrare un po' retrò per i più giovani ma, al netto di tutto, va evidenziato come il titolo Naughty Dog sia invecchiato decisamente bene. Grazie a quell'insieme unico di platform 3D unito a sezioni in due dimensioni, già il primo capitolo segnava un solco rispetto ai concorrenti che concentravano tutte le meccaniche di gameplay in una sola direzione. Il pregio di questa collection è anche quello di vedere come il franchise ha saputo evolversi e raffinare le meccaniche di gameplay passando da un platform a livelli ad un sistema con hub centrale e sostanziali modifiche al gameplay a seconda dello stage in cui si gioca unendo le caratteristiche dell'ambiente circostante al feedback dei controlli del nostro caro Crash.

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy

L'arte e la tecnica di Crash Bandicoot N.Sane Trilogy

E' il punto di vista tecnico e artistico che più soddisfa di Crash Bandicoot N.Sane Trilogy. Al netto del gameplay che è riuscito ad appassionarci esattamente come oltre vent'anni fa, la componente grafica è quella che ha subito il miglior beneficio da questo remake. I ragazzi di Vicarious Visions infatti hanno ricostruito praticamente per intero il titolo andando a rimodellare in ogni sua parte il titolo originario dei Naughty Dog. Crash Bandicoot sfoggia una grafica in linea con le nuove produzioni, pensata per essere vista su schermi ad alta definizione, non è stato eseguito un mero miglioramento delle texture o una raffazzonata pulizia generale e la differenza si vede, e come se si vede. Molto spesso ci è capitato di scontrarci con remastered che mantenevano i filmati alla vecchia risoluzione, in altri casi non erano stato modificate neppure tutte le texture, qui invece l'operazione è completamente diversa. Ricostruire da zero il titolo ha invece dato un grande margine di manovra agli sviluppatori che hanno così potuto sfruttare la potenza di calcolo offerta dall'attuale generazione, il caso più eclatante è infatti la versione PC che conta di 60 fps granitici a 4K (sui pc sufficientemente corazzati da poterselo permettere, è chiaro). Stilisticamente parlando Crash Bandicoot ha mantenuto lo stesso magnetismo di un tempo, personaggi ed avversari carismatici, una palette cromatica azzeccata e una cura per i particolari che riesce a stupire ancora oggi. Ottima la componente di accompagnamento musicale che ben si sposa con il feeling generale del titolo. Aggiungiamo infine che i titoli sono localizzati in italiano e che, anche in questo caso, è stata posta una gran cura nei dialoghi e nella loro recitazione.

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy

Il verdetto

9 Il nostro voto

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy ha superato ogni nostra più rosea aspettativa. Ora che i migliori capitoli di Crash Bandicoot sono disponibili per tutte le piattaforme lasciarsi scappare l'occasione di giocare una delle pietre miliari della storia videoludica è un vero sacrilegio, sopratutto se la qualità realizzativa è quella che i ragazzi di Vicarious Visions hanno messo in campo. Irrinuciabile.



Potete acquistare Crash Bandicoot N.Sane Trilogy per XBOX One su XBOX Store, per Playstation 4 su Playstation Store, per Nintendo Switch sull'e-shop Nintendo e per PC su Steam.

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy

Crash Bandicoot, il tuo marsupiale preferito, è tornato! Più bello e scatenato che mai, è pronto a lanciarsi nelle danze nella collezione Trilogia N. Sane. Un Crash Bandicoot come non l'avevi mai visto prima! Gira, salta e balla affrontando sfide e avventure epiche nei tre giochi che hanno dato inizio alla leggenda: Crash Bandicoot, Crash Bandicoot 2: Il Ritorno di Cortex e Crash Bandicoot 3: Teletrasportato. Rivivi i tuoi momenti preferiti in tutto lo splendore grafico dell'HD completamente rimasterizzato per un divertimento in grande stile!
Condividi.

L'Autore

Gamernews.it

Gamernews.it raccoglie le notizie dai migliori siti italiani di videogiochi,le classifica, le aggrega.
Resta sempre aggiornato