Scarica subito l'app di GamerNews.it! È gratis! Tutte le notizie dei tuoi videogiochi preferiti sempre con te!
Get it on Google Play  amazon app shop gamernews app

Recensione The Raven Remastered - Il ritorno del Corvo

Ciao Agatha, bentornata!

The Raven Remastered, THQ Nordic riporta sui nostri schermi l’attimo lavoro svolto dai ragazzi di KING Art Games in una versione rimasterizzata per XBOX One e Playstation 4. Siete pronti a rivivere atmosfere in pieno stile Agatha Christie e risolvere enigmi e puzzle ambientali per aiutare l’ispettore Zellner a risolvere il mistero dietro il ritorno del Corvo? Bene, allora seguiteci nella nostra recensione.

The Raven Remastered

La trama di The Raven Remastered

La nostra avventura nel museo egizio di Londra, sembra una notte come tante altre, o almeno così pare alla guardia notturna che ha il compito di vigilare sui tesori del museo. All’improvviso una serie di eventi cambia radicalmente il corso della serata della nostra guardia e non solo della sua. Dai primi minuti di gioco sembra quindi che l’abile ladro detto “Il Corvo” sia tornato e sembra sia tornato alla grande visto che, in fin dei conti, è riuscito a far sparire dei preziosissimi gioielli senza troppi problemi. Pochi minuti dopo ci troviamo a bordo di un treno e più precisamente del mitico Orient Express, treno che ha fatto da sfondo anche ad un famoso romanzo di Agatha Christie che vedeva Hercule Poirot protagonista indiscusso (come sempre del resto) della scena. La forza di questa introduzione la si vede praticamente da subito, quando l’inquadratura si sposta sul nostro protagonista, un agente della Polizia Svizzera: Anton Jakob Zellner che di punti in comune col famoso Belga ne ha davvero parecchi. E’ proprio da questo treno, e dal suo carico di inestimabile valore, che nasce un racconto interessante e variegato, che pone il giocatore davanti ad enigmi e puzzle ambientali mai troppo complessi ma nemmeno banali, dalla Svizzera all’Egitto il viaggio non è propriamente breve e vi possiamo assicurare che ne vedrete davvero delle belle.

The Raven Remastered

Il gameplay di The Raven Remastered

Dal punto di vista del puro gameplay, la versione rimasterizzata del classico The Raven non  vede cambiamenti di sorta nelle sue meccaniche base, KING Art Games da questo punto di vista non ha dovuto fare grandi sforzi e, con tutta onestà, non ce ne era nemmeno bisogno. The Raven Remastered si presenta come un’avventura grafica delle più classiche, il nostro Zellner ha a disposizione un taccuino dove prendere appunti su quello che succede e sul comportamento delle persone, ha un proprio inventario da gestire e la possibilità di combinare gli oggetti per risolvere i vari enigmi e, ovviamente, ha la possibilità di interagire con determinati elementi dell’ambiente circostante. Il nostro ispettore dovrà, formalmente, fare da spalla al ben più noto ufficiale francese che ha il compito di scortare i gioielli destinati al museo de Il Cairo: Nicolas Legrand. Come nelle classiche avventure grafiche punta e clicca anche in The Raven Remastered possiamo muoverci per gli ambienti e interagire con degli hotspot prestabiliti, gli enigmi proposti non sono mai cervellotici e fermarsi a pensare un secondo su quello che abbiamo a disposizione è, nella maggior parte delle volte, la soluzione più semplice. Per chi è appassionato di avventure grafiche il gampleay The Raven Remastered risulterà semplice ed intuitivo, ma anche per chi non è solito a questo genere di giochi non troverà grosse difficoltà visto che gli enigmi proposti offrono delle risoluzioni abbastanza lineari e semplici.

The Raven Remastered

L’arte e la tecnica di The Raven Remastered

Dal punto di vista artistico The Raven Remastered offre le stesse, magnetiche, atmosfere che ci avevano fatto innamorare della sua precedente incarnazione. The Raven Remastered offre uno stile alla Agatha Christie palpabile in ogni suo singolo pixel, inoltre il titolo offre vari riferimenti e dediche alla grande scrittrice. La cura con cui sono stati creati gli ambienti e la fedeltà storica delle riproduzioni è uno dei marchi di fabbrica della fatica di KING Art Games. Tecnicamente parlando la remastered ha fatto davvero bene alla produzione THQ Nordic che vede il comparto tecnico adeguato alle console dell’attuale generazione. Pur non mostrando una grafica da spaccamascella il gioco si presenta molto bene e il nuovo “trattamento anti età” lo ha reso ancora più piacevole. Restano alcuni dei problemi presenti anche nella versione originale, come una certa legnosità nei movimenti e qualche compenetrazione poligonale ma niente che possa minimamente inficiare il gameplay. Molto buona la traduzione in italiano che consente anche ai non anglofoni di poter seguire tranquillamente le vicende di Zellner fino al colpo di scena finale senza perdersi nemmeno un briciolo della narrazione.  

The Raven Remastered

Il verdetto

8 Il nostro voto

The Raven Remastered è un titolo che merita più attenzione di quella che, mediamente, gli è stata offerta e che fu data al titolo originale. Il titolo THQ Nordic offre una storia interessante profonda e ricca di colpi di scena in pieno stile Agatha Christie. Tutti gli appassionati di Poirot dovrebbero farci più di pensierino sopra e, infine, The Raven Remastered è anche una versione rimasterizzata molto buona anche dal punto di vista tecnico. 

 

Potete acquistare The Raven Remastered per XBOX One su XBOX Store, per Playstation 4 su Playstation Store e per PC su Steam.

The Raven Remastered

Londra, 1964. Un antico rubino viene rubato al British Museum. Sul luogo del crimine, solo una piuma di corvo. Che qualcuno voglia emulare il Corvo, il leggendario ladro svanito nel nulla anni prima? L'agente Anton Jakob Zellner si trova all'improvviso immerso in un caso di omicidio come quelli che aveva solo letto nei suoi romanzi preferiti. Nulla è come sembra. Tutti hanno qualcosa da nascondere. E il Corvo è sempre un passo avanti...
Condividi.

L'Autore

Gamernews.it

Gamernews.it raccoglie le notizie dai migliori siti italiani di videogiochi,le classifica, le aggrega.
Resta sempre aggiornato

comments powered by Disqus